Io non riesco a capacitarmi, è più forte di me rimango davvero male ogni volta che sento quanto alcune persone possano essere davvero vergognosamente “furbe” e approfittatrici!

Qualcuno mi dice che sono ingenua, che ha sempre funzionato così, nell’edilizia in maniera particolare e che non mi devo assolutamente stupire, ma io non ci riesco e resto disgustata ogni volta!

Di cosa sto parlando? sì perdonami hai ragione, sono partita in quarta ad esprimere il mio dissenso e non ti ho neanche detto il perché!
Ebbene parlo del mal costume di molte imprese edili di aumentare in maniera ESPONENZIALE i costi delle varie maestranze e dei materiali il tutto a discapito del cliente finale!

Ora tutti sappiamo che esistono le fee, ovvero quella quota che si riconosce a chi ti porta del lavoro o porta dei clienti a comprare da te, ma tendenzialmente non superano il 10% dell’importo che il cliente paga.
E’ palese che questa fee venga pagata dal cliente finale che avrà un costo leggermente maggiorato sulla parcella di un professionista o uno sconto inferiore su un qualsivoglia acquisto.
E’ uno scotto che paghiamo tutti, non credo di dire nulla di nuovo!

Ma come per ogni cosa il “furbacchione”, l’ingordo c’è anche qui:
sto seguendo l’arredo di un cascinale la cui ristrutturazione è pressoché alla fine (mancano solo più gli ultimi dettagli), i proprietari hanno avuto alcuni problemi con l’impresa che ha eseguito i lavori e cominciano a perdere la fiducia in loro tanto da chiedermi di aiutarli a controllare il computo metrico per vedere che tutti i lavori che erano segnati fossero stati eseguiti, prima di pagare l’ultima fattura.

Dopo un accurato studio con loro abbiamo notato che non tutti i muri della casa erano stati rasati (per intenderci avevano dato il bianco direttamente sul cemento, senza mettere e livellare la pastina finale), ma il prezzo era stato pagato per intero!
Alla richiesta di spiegazioni è stato risposto che avrebbero fatto il calcolo dei metri quadri realmente rifiniti alla fine lavori e che l’importo pagato in più sarebbe stato tolto dall’importo della garanzia (che è una percentuale defalcata dall’importo di ogni fattura che rimane in mano al cliente come garanzia, appunto, in caso di lavori mal eseguiti, o cose del genere).
Dirò di più, nell’ultima fattura c’erano segnati già alcune lavorazioni che sono ancora da fare, ma che a questo punto i clienti hanno deciso di non fare più!
Solo che di solito, avendo dato un anticipo iniziale, le fatture dovrebbero essere fatte a SAL, ovvero a Stato Avanzamento Lavori, si pagano i lavori ESEGUITI non quelli da fare!
Insomma a farla breve erano stati caricati, tra lavori da eseguire e finitura di muri da scontare, circa 14.000 euro in più e l’impresa voleva che loro pagassero la fattura per intera, visto che era stata emessa, e che questa somma fosse scontata dalla cifra della garanzia… peccato che questa cifra fosse di meno di 20.000 euro! Insomma il cliente avrebbe avuto in mano davvero un pugno di mosche!
Con non poche difficoltà abbiamo chiesto una nota di accredito sull’ultima fattura!

Ma non è finita qui… c’è una voce che è saltata all’occhio subito: il prezzo delle porte interne! Erano state preventivate per 580 euro… con un prezzo così ti aspetti delle porte da circa 420/460 euro (comprese di maniglia e coprifili), poi c’è la manodopera e, come abbiamo detto prima, quel piccolo rincaro che l’impresa ci mette sopra!
Il problema è che a occhio si vedeva subito che difficilmente potevano avere quel valore ed è bastata una piccola ricerca per capire che quelle porte al massimo costavano 200 euro (sempre finite!). Anche aggiungendo 50 euro per la posa e il 10% di “fee” arriviamo a 275 euro, ovvero la metà! Qui è stato fatto un rincaro del 110%!!!!!
Le porte le hanno scelte i clienti in base a quello che è stato mostrato loro (tramite foto visto che loro sono lontani), e continuano a piacere, ma giustamente si aspettavano uno sconto sul prezzo stimato! Che in fase di preventivo venga messa una cifra media è assolutamente normale se non sai quali porte verranno scelte, ma come verrebbe aumentata la cifra se le porte costassero di più, io credo sia doveroso anche scendere di prezzo quando queste costano decisamente di meno!
Abbiamo richiesto lo sconto, ma al momento è stato fatto di 50 euro…

Già questo mi ha lasciato l’amaro in bocca, perché significa davvero prendere in giro le persone e approfittarne.
Purtroppo non è finita qui… sono entrata in confidenza con una delle maestranze, e sono riuscita a capire qual è  stato il preventivo che aveva fatto per i lavori da eseguire, poi ho controllato il computo metrico e ho scoperto un rincaro del 68%!

Ora pensa, se è stato fatto con una maestranza sicuramente è stato fatto anche con le altre, quante decine di migliaia di euro sono state caricate ingiustamente al cliente?

Ecco questo mi disgusta profondamente!

Sono molte le aziende e i professionisti (per fortuna non tutti!) che pensano solo al puro e mero guadagno, senza guardare in faccia il cliente, nel campo dell’edilizia poi succede spesso perché pensano che tanto questo cliente difficilmente “ricomprerà”, quindi tanto vale spennarlo, questo purtroppo capita soprattutto se i clienti sono stranieri, perché approfittano anche del fattore incomprensione linguistica!

Ovvio che è giusto essere pagati per il servizio erogato, ma questo mi pare un vero e proprio furto! E’ trattare il cliente come un bancomat, un portafoglio da svuotare e non come una persona che magari ha faticato per mettere da parte quei risparmi che ti sta dando, io questo non solo non lo condivido, ma non lo tollero proprio!

This post is also available in: Inglese

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *