Articoli

Decorare e arredare casa è emozionante, e oggi vorrei darti alcuni suggerimenti che ti potranno aiutare a farlo al meglio!

Un buon design non riguarda solo l’aspetto estetico, non è sufficiente mettere delle belle cose in una stanza perché questa sia bella e confortevole.

Riguarda piuttosto come ogni elemento riesce a comunicare con l’altro.

Quindi non è solo questione di “bellezza”, ma è un corretto gioco tra gli elementi dello stesso ambiente.

Per fare questo ci sono alcuni concetti base che sono cruciali per poter progettare o trasformare ogni ambiente rendendolo unico e meraviglioso.

Ogni cosa deve essere connessa con l’altra e dare un senso di unità.

Questi concetti che ti aiuteranno a decorare al meglio la tua casa sono 6, vediamoli insieme!

1) Il primo concetto base è quello del creare ENFASI

Detta così può sembrare difficile, ma non lo è, si tratta di creare un punto focale!

Quindi avere qualcosa di particolare, che attrae l’attenzione.

Se nella stanza tutto ha la stessa importanza tutto sembrerà un po’ slegato, monotono o addirittura noioso.

C’è bisogno di qualcosa che attiri, che in qualche modo rompa gli schemi.

Questo può essere un muro con un colore forte, un quadro particolare…

2) un altro concetto è quello di creare CONTRASTO

È importante, per creare movimento, mettere vicini degli elementi che siano in contrasto tra loro tramite il colore, la forma, i materiali o grandezze.

Si può fare in molti modi, per esempio abbinare colori chiari e scuri, oppure elementi grandi con elementi piccoli, superfici lucide e opache e così via…

Questi giochi di contrasto ravvivano l’ambiente dandogli carattere!

3) Il RITMO è un altro concetto molto importante.

Nell’arredo il ritmo si ottiene creando ripetizioni, e contrasti, è come nella combinazione di note musicali, solo che questa è visiva!

Le ripetizioni creano un flusso che accompagna lo sguardo nello spazio circostante.

Un esempio potrebbe essere quello di usare il colore di un quadro anche nella fantasia di un cuscino e in qualche oggetto.

Questo creerà ritmo, appunto, ma aiuterà anche a creare equilibrio e a legare insieme tutti i vari elementi.

4) a proposito di EQUILIBRIO, questo è  il quarto concetto per un perfetto progetto d’interni

L’equilibrio è la corretta distribuzione dei diversi pesi visivi.

Alcuni colori, forme o grandezze attirano più di altre, e si dice che hanno un peso visivo maggiore.

Per ottenere un ambiente armonico è importante che questi non sovrastino ciò che ha peso visivo minore, ma che appunto ci sia equilibrio.

Sulla carta l’equilibrio perfetto è la simmetria ovvero, quando divisa a metà una stanza, le due parti saranno arredate nello stesso modo, è come se ci fosse uno specchio!

Perché ho scritto “sulla carta”?

Perché non è obbligatorio che tutto sia simmetrico per ottenere equilibrio, al contrario una asimmetria potrebbe rendere tutto più dinamico!

Un colore dal grande peso visivo si equilibrerà bene con un elemento dal colore neutro, ma magari molto grande…

5) SCALA e PROPORZIONI sono concetti basilari quando si progettano gli arredi!

La SCALA prende in considerazione la dimensione di un oggetto rispetto all’ambiente in cui è posizionato:

Stanze piccoli con mobili decisamente troppo ingombranti, soffocano l’ambiente (e quindi anche te!), viceversa mobili e oggetti piccoli in ambienti grandi si perderanno!

La PROPORZIONE prende in considerazione la dimensione di un elemento rispetto ad un altro elemento.

Un tappeto troppo piccolo vicino ad un grande divano risulterà fuori luogo!

Non è possibile pensare solo alle dimensioni della stanza e dei mobili principali, ma dovrai pensare alla grandezza di ogni elemento e della correlazione che c’è tra loro

6) Infine, l’ultimo concetto è l’ARMONIA.

Questa si ottiene quando tutti gli elementi presenti in quell’ambiente comunicano tra di loro per creare un insieme unico ed equilibrato.

Si deve avere l’impressione che ogni pezzo combaci con l’altro in maniera piacevole.

Questo, come sempre, non significa l’utilizzo di un solo stile o colore, ma è importante che ogni singolo pezzo sembri appartenere in qualche modo all’altro!

Per farlo bisogna, come detto prima, che i pezzi comunichino tra loro, riprendendo il materiale o il colore per esempio!

 

Questi sei concetti vanno a braccetto e se seguiti con attenzione ti aiuteranno a decorare casa creando ambienti unici e spettacolari, dove ti sentirai sempre a tuo agio!

Se hai dei dubbi non esitare a contattarmi!!

Come abbinare i colori per creare una palette che renda gli ambienti di casa unici?

Vediamolo insieme!

Il colore è un elemento davvero potente con una forte valenza psicologica (lo racconto qui) che da la possibilità di esprimere la propria personalità!

sapere abbinare i colori in casa ti permetterà di vivere al meglio ogni ambiente perché ti sentirai sempre rappresentata!

UN PO’ DI TEORIA

Partiamo dalla teoria del colore che divide in tre categorie tutti i colori:

colori primari: rosso, giallo e blu
sono colori che non si possono ottenere mescolando altri colori.

colori secondari: arancione, verde e viola,
si ottengono mescolando insieme 2 colori primari (il verde, ad esempio si ottiene mescolando insieme giallo e blu!)

colori terziari: sono i sei colori che si ottengono mescolando un colore primario con un colore secondario adiacente.

Queste tre categorie di colori, messi insieme formano quello che viene chiamata la ruota del colore ed è quella che useremo per capire come abbinare i colori al meglio!

PICCOLA PREMESSA

Prima di vedere le varie combinazioni possibili vorrei anche dare una brevissima spiegazione di alcune terminologie che vengono usate quando si parla di colore:

saturazione: indica l’intensità e la forza del colore.
Potremmo dire che indica il colore nella sua forma più pura, più un colore è saturo più sarà vivido e brillante, meno è saturo più sarà tenue, smorzato… tendente al grigio!

tonalità: è il colore puro.

tinta: è un colore a cui è stato aggiunto del bianco, che quindi è stato schiarito.

tono: è un colore a cui è stato aggiunto del grigio.

sfumatura: è un colore a cui è stato aggiunto del nero.

Nella ruota colore troviamo, per ogni colore la sua tinta, il suo tono e la sua sfumatura.

Infine i colori vengono ancora suddivisi in colori caldi e colori freddi:

– i colori caldi vanno dal giallo al viola-rosso e sono definiti così perché associati al calore del fuoco e del sole.

– i colori freddi vanno dal viola al verde-giallo che sono così definiti perché associati al mare, al cielo e ai ghiacciai.

E ORA VEDIAMO COME ABBINARE I COLORI IN CASA

Fatta questa doverosa premessa vediamo ora i vari abbinamenti possibili!

1) Abbinamento per MONOCROMIA:

Si sceglie un unico colore, ma di questo si usano le varie tinte, toni e sfumature.

È uno schema che decisamente enfatizza molto quel colore!

Per non rischiare di cadere nel monotono ti consiglio di giocare con fantasie, tessuti e superfici differenti per aggiungere movimento!

Inoltre ricorda di aggiungere anche tessuti naturali o metalli per dare maggior tridimensionalità.

(credit Elledecore.com)  

(credit posterstore.co.uk)

2) Abbinamento per ANALOGIA

           

Scelto un colore si abbinano quelli che stanno subito a destra e a sinistra sulla ruota del colore scelto.

Questi colori vengono anche chiamati colori adiacenti.

Avendo la stessa sotto-tonalità daranno un senso di armonia allo schema colore.

Esiste anche l’analogia estesa ovvero abbinare i primi due colori a destra e a sinistra del colore scelto.
Questo tipo di abbinamento renderà lo schema colori un po’ più dinamico rispetto all’analogo puro.

(credit AD)

   

(credit eminza.it)

3) Abbinamento per COMPLEMENTARI

In questo tipo di abbinamento vengono scelti i colori che si trovano ai poli opposti della ruota del colore.

È un abbinamento decisamente dinamico, dal forte contrasto è buona norma quindi usarlo a piccole dosi o almeno calmierarlo con dei colori neutri!

(credit 4betterhome.com)

(credit countryliving.com)

4) Abbinamento per COMPLEMENTARI DIVERGENTI

È l’abbinamento di un colore con i due colori che stanno alla destra e alla sinistra del complementare diretto.

Anche in questo caso calmierare il contrasto con dei neutri risulta una buona norma!

(credit welovehomeblog.com)

(credit thekitchn.com)

5) Abbinamento TRIADICO

Come per l’abbinamento per analogia o per complementari divergenti vengono usati 3 colori che si ottengono disegnando un triangolo equilatero nella ruota dei colori.

I colori primari e i colori secondari formano, tra loro, un triadico!

Questo è un abbinamento dinamico e spesso insolito!

(credit homedit.com)

(credit homedit.com)

 

C’è una piccola regola che potrebbe essere utile per abbinare al meglio i colori di questi vari abbinamenti: ovvero la regola del 60-30-10.

Significa scegliere un colore come colore “dominante” e usarlo al 60% nella stanza, magari sulle pareti e negli elementi più grandi.
Un altro colore sarà secondario e usato al 30% magari nelle tende e in oggetti meno grandi come un pouf.
Infine, un colore verrà usato come colore “accento” nei cuscini e negli oggetti.

6) Abbinamento TETRADICO

È un abbinamento a 4 colori che si ottiene disegnando un rettangolo o un quadrato nella ruota colore.

Non è un abbinamento facile, potrebbe dare dei risultati gradevoli, mail rischio di un risultato chiassoso e sgradevole è dietro all’angolo!

(credit nzawa)

(credit Ingrid Rasmussen)

PICCOLI SUGGERIMENTI:

– non è necessario che sia tutto coloratissimo, se sei una persona che ama i neutri, ma sei attirata da questi schemi colori puoi inserirli in piccoli elementi, nelle decorazioni, come quadri e cuscini, nei tessili e in altri oggetti.

– con accortezza e parsimonia si possono combinare alcune palette, per esempio in un ambiente prevalentemente monocromatico potrai decidere di dare brio con oggetti e decorazioni che abbiano un’altro tipo di palette, magari complementare!

– se hai colori differenti nelle varie stanze, lega i vari ambienti con un colore accento, farà da filo conduttore rendendo i vari ambienti più armoniosi e bilanciati

Per qualunque dubbio scrivimi nei commenti o non esitare a contattarmi!

 

Oggi voglio parlare di luce e vedere come illuminare al meglio gli spazi di casa!

La luce è vita e l’illuminazione ha davvero un ruolo di primaria importanza nelle nostre casa!

Una buona illuminazione farà la differenza tra un ambiente confortevole e uno no!

Per poter Illuminare al meglio gli spazi bisogna conoscere 4 determinate caratteristiche tecniche basilari importanti:

1) LA TEMPERATURA COLORE

Questo parametro misura, in gradi kelvin, quanto sia calda o fredda la sorgente luminosa.

Più il valore è basso e più la luce sarà calda, tendente al giallo; viceversa, più alto è il valore e più la luce risulterà fredda, tendente al blu.

Di base la temperatura colore si divide in tre: luce calda, luce naturale e luce fredda.

(credit: luxemozione.com)

Come usare questo dato?

La luce calda crea ambienti accoglienti famigliari e intimi, quindi va molto bene nelle camere da letto, nella zona living e tutte quelle zone che necessitano di questo mood più personale!

La luce neutra è una luce più brillante, che riproduce i colori nella maniera più naturale ed è adatto in cucina, nel bagno e nello studio!

La luce fredda è invece sconsigliatissima in casa, perché più adatta agli ospedali, gli uffici e locali commerciali!

2) L’APERTURA DEL FASCIO LUMINOSO

l’apertura del fascio luminoso determina come viene distribuita la luce.

Se devi illuminare un oggetto per esempio, una luce spot, che ha un angolo ristretto, sarà la giusta scelta.

(credit lamp mira by Davide Groppy)

Un angolo maggiore illuminerà un’area più grande dado una luce più generalizzata e soft.

(credit YLAB arch.)

3) LUMEN

Questo parametro serve per misurare la quantità di luce che la lampadina emanerà, più alto è questo valore più luce ci sarà nella stanza!

Per scegliere la giusta quantità di luce è importante tenere a mente l’ampiezza della stanza e qual è la sua funzionalità!

(credit Tadao Ando)

4) ICR (indice di resa cromatica)

Questo è un parametro molto tecnico, non sempre riportato sulle confezioni delle lampadine, ma molto importante perché serve a capire quanto la lampadina rende fedelmente i colori.

Ha una scala da 0 a 100 e più è alto il valore e più la resa sarà buona!

(credit Studio design HDm2)

 

Queste sono le caratteristiche base, non esaustive, da conoscere per poter poi riuscire a fare un buon progetto illuminotecnico!

ILLUMINARE GLI SPAZI: ECCO COME…

Ma, una volta padroneggiati, come si illumina correttamente un ambiente?

La prima cosa da capire è che per un confort maggiore ci sarà bisogno di 3 diversi tipi di illuminazione:

1) LUCE AMBIENTE

Serve a illuminare in maniera generale e uniforme la stanza.

Tendenzialmente è una luce morbida e diffusa.

È la prima luce a cui bisogna pensare ed è quella che darà il mood all’ambiente.

Si può fare con:

– luce a soffitto e da incasso, con un ampio fascio luminoso direzionato verso il basso;
– strisce a led, applique, lampade da terra e da tavolo che abbiano il fascio luminoso direzionato sia verso il soffitto che sui muri;
– lampadari che innondino di luce l’intera stanza!

(credit Zimmo.be)

2) LUCE SPOT

Serve ad illuminare oggetti o aree specifiche.

Attira l’attenzione su quel determinato punto.

Può servire per enfatizzare e dare importanza ad un quadro, un mobile o un dettaglio architetturale!

Aiutano ad aggiungere stile e contrasto perché creano forti ombre che daranno maggiore profondità.

Dovrebbe essere decisamente più luminosa della luce ambiente!

I faretti sono ottimi per questo tipo di luce perché possono essere direzionati come meglio si vuole!

(credit ffwd.es)

3) ILLUMINAZIONE SPECIFICA (Task)

È l’illuminazione più funzionale delle tre e serve per precise attività come leggere, scrivere, mangiare o cucinare!

È direzionata sull’area specifica dove questa attività viene svolta e anche questa è più luminosa della luce ambiente.

Un esempio possono essere le luci sotto pensili della cucina, ma anche le lampade da scrivania o la luce specchio del bagno.

(credit anthropologie.com)

È IMPORTANTE UN PROGETTO DETTAGLIATO!

Illuminazione spot e specifica, ancor più dell’illuminazione ambiente saranno studiati in maniera corretta se ci sarà alla base un progetto dettagliato dell’arredamento.

Solo così, per esempio, saprai dove posizionare e direzionare un faretto!

Più dettagliato sarà il progetto d’arredamento, migliore lo sarà anche quello illuminotecnico creando ambienti e atmosfere confortevoli!

Se hai dei dubbi su come Illuminare al meglio gli spazi, scrivili nei commenti oppure contattami, sarò lieta di risponderti!

Open-space 7 idee per dividere cucina e soggiorno, che pur essendo due ambienti con funzionalità ben diverse, sono ormai spesso e volentieri insieme in un unico ambiente!!

Ci sono pro e contro ad avere cucina e soggiorno in un unico open-space, da un lato abbiamo maggiore spazio, non avendo pareti divisorie, ambienti più luminosi e sicuramente si aumenta la convivialità, perché potrai parlare con gli ospiti anche mentre cucini.

Dall’altro il disordine classico presente in cucina quando si preparano le pietanze sicuramente non è nascondibile e anche tutti gli odori non si possono “racchiudere”!

Ma come si arreda un open-space?

Una buona idea è di cercare di mantenere, almeno otticamente, separati questi 2 ambienti, mettendo in risalto le loro diverse funzionalità.

Ecco 6 idee per dividere cucina e soggiorno anche se sono in un unico open-space:

1) UTILIZZO DI CONTROSOFFITTATURA e/o PEDANA

Abbassare il soffitto di una delle due zone (tendenzialmente meglio la cucina) magari con l’utilizzo di faretti darà l’impressione di una divisione effettiva.

Si può anche fare il contrario e decidere di rialzare di uno o due gradini la cucina, anche questo dividerà le due zone.

Se l’altezza effettiva finale lo permette si potrà decidere di usare sia la pedana che la controsoffittatura creando così due ambienti ben distinti!

Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno                                   Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno

(credit iversonsignaturehomes.com)                                                            (credit Paul van de Kooi)

 

2) L’UTILIZZO DI BANCONE, ISOLA O PENISOLA

Se la stanza è grande e capiente si può porre un bancone, isola o una penisola (a seconda della forma della cucina) che delimiti la zona cottura dal soggiorno.

Sarà anche utilissima come piano lavoro, e perché no anche da tavolo snack!

In questo caso mettere gli sgabelli in modo da sedersi dando le spalle al soggiorno e guardando la cucina darà ancora maggior risalto a questa divisione.

L’utilizzo di luci che “cadono” su questo piano sarà un ulteriore aiuto per dare l’idea di una separazione!

Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno                                 Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno

(credit  Aubrie Pick)                                                                         (credit elmueble.com)

 

3) POSIZIONARE IL DIVANO DI SPALLE ALLA CUCINA

Il divano posizionato in questa maniera, ovvero in modo che chi si siede guardi in posizione opposta alla cucina, farà da “muro” divisorio tra le due aree!

Aggiungere un bel tappeto grande aiuterà ancora di più a mantenere otticamente divisi questi due spazi.

Se per caso il divano dietro non fosse troppo bello da vedere potrai sempre metterci una sorta di consolle o, ancora meglio, un mobile contenitore, che oltre a dividere i due ambienti darà altro spazio per riporre!

Se poi lo spazio fosse molto piccolo potrai appoggiare il divano al lato lungo del tavolo da pranzo!

Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno    (credit lesh-84.ru)

        Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno

(credit lesh-84.ru)

4) UTILIZZO DI PAVIMENTI DIVERSI

Usare colori o materiali diversi per i pavimenti delle due zone darà l’impressione di due ambienti divisi.

È sempre una questione ottica!

Naturalmente non è obbligatorio una linea netta a separare questi due pavimenti, ma giocando con forme diverse le due superfici si possono incontrare anche in maniera giocosa e più “morbida”.

Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno

(credit dezotti.com)

Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno

(credit socooc.com)

 

5) L’UTILIZZO DEL COLORE

Il colore è un alleato davvero incredibile!

Potrai decidere per esempio di dividere soggiorno e cucina utilizzando un colore diverso per i muri.

Come per la pavimentazione, la pedana o la controsoffittatura è una questione ottica, l’occhio, vedendo colori diversi si percepiscono ambienti diversi!

Puoi osare colorando, con lo stesso colore dei muri, anche il soffitto creando una sorta di effetto box per la cucina!

Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno          (credit Ban architecture)

       Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno

    (credit Melissa DiRenzo/apartmenttherapy.com)

 

6) UTILIZZO DI DIVISORI VERTICALI

Librerie a giorno (ovvero aperte, senza fondo) possono essere elementi divisori straordinari.

Delimiteranno infatti gli spazi, ma senza chiuderli del tutto e lasciando passare sguardo e luce.

Se lo spazio non è sufficiente per lo spessore di una libreria, si possono creare dei divisori a giorno diversi, usando per esempio listelli di legno, oppure creando strutture a nido d’api o a reticolo…

L’importante, in questo caso, che siano a tutt’altezza e che creino una separazione visiva, ma non netta, si deve poter intravedere quello che c’è dall’altra parte!

Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno(credit roomandboard.com)

                Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno

(credit casaegiardino.it)

7) UTILIZZO DI VETRATE

Le vetrate sono un’ottima alternativa per dividere soggiorno e cucina.

Creano separazione, ma mantengono inalterato la luminosità!

Sono l’ideale per chi avrebbe voluto due ambienti separati, perché si ha anche la possibilità di chiudere totalmente ed effettivamente la cucina!

Questo permetterà di avere davvero due ambienti separati, senza però perdere tutti i vantaggi che l’open-space offre!

Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno (credit fantastic frank)

                        Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno

(credit decorazione.mobelideen.com)

 

Come sempre, con un po’ di accortezza ed equilibrio, si possono anche creare divisioni utilizzando insieme due o più di queste soluzioni elencate!

Spero che queste 6 idee per dividere cucina e soggiorno anche se in open-space ti siano piaciute!

Se hai un open-space raccontami come lo hai arredato nei commenti, mi fa piacere conoscerti meglio!
Se invece lo stai arredando e hai qualche dubbio non esitare a contattarmi!

Ti piacciono i tips? se vuoi qualche idea su come come creare il tuo angolo studio in casa trovi il mio video qui!

 

 

Sapere come affrontare al meglio una ristrutturazione, piccola o grande che sia, è davvero importante per evitare che il sogno diventi un incubo!

Lo abbiamo detto più volte, ristrutturare non è una passeggiata, e può essere anche molto stressante, ma ci sono alcuni accorgimenti che possono “facilitare” questo percorso!

TRE ACCORGIMENTI PER FACILITARE IL PERCORSO

Vediamoli insieme, in ordine:

– SCEGLIERE UN ARCHITETTO O GEOMETRA:

Se devi ristrutturare, a meno che tu non debba solo rifare dei pavimenti e/o imbiancare DEVI avvalerti di un professionista per il progetto, per la parte burocratica, per la sicurezza in cantiere e che, appunto, segua i lavori!

Attenta che non tutti i professionisti fanno tutto quello che ti ho appena descritto, quindi mi raccomando di assicurarti che possa seguire ogni parte, non rischiare sanzioni di nessun genere!

– FARE UN PROGETTO DETTAGLIATO:

sì lo so, non è la prima volta che me lo senti dire, ma questo è perché è davvero il punto cardine di tutto quanto il processo!

Da dove si parte?

Se non costruisci da zero sicuramente devi partire dalla piantina dello stato attuale!

Da lì, se escludi eventuali muri portanti, puoi davvero sbizzarrirti!

Ti consiglio però di partire dall’arredamento!

Lo so che sembra contro intuitivo, ma se studi le stanze dai mobili riuscirai a creare ambientazioni davvero funzionali!

Una volta individuato l’arredamento potrai decidere la metratura adeguata per ogni stanza.

Fatto questo, volendo in contemporanea, potrai scegliere i materiali e le finiture, in modo che leghino con l’arredo scelto!

Quindi potrai studiare i vari impianti, quello elettrico in particolare, sarà studiato ad hoc rispetto alla posizione dei vari elementi presenti, rendendo l’ambiente ancora più confortevole!

– SCEGLIERE L’IMPRESA O I VARI ARTIGIANI:

avendo ben chiaro i lavori da fare e i materiali che vuoi utilizzare ti sarà più facile cercare e trovare i professionisti giusti!

Lo so che spesso si parte dalla scelta dell’impresa, ma non è pensabile che tutti sappiano fare tutto, la posa di una resina per esempio, certo non è uguale a quella delle piastrelle e richiede abilità diverse!

Se hai già BEN chiaro quello che vuoi fare potrai scegliere un’impresa o degli artigiani SPECIALIZZATI che sicuramente sapranno fare un bel lavoro!

Meglio un’unica impresa o singoli artigiani?

Dipende sempre dai lavori che vuoi eseguire, ci sono i pro e i contro in entrambi i casi:

– con un’unica impresa, hai un solo referente e le professionisti che lavorano all’interno si conoscono già, questo potrebbe fare risparmiare tempo,

– se prendi dei singoli artigiani potresti avere dei prezzi inferiori, perché, facilmente l’impresa aggiungerà una percentuale più o meno grande sul preventivo del singolo professionista!

Comunque sia, se sceglierai una impresa, accertati che faccia direttamente lei, i lavori e non subappalti ad un’altre impresa, in questo caso sati pur certa che i prezzi saranno molto maggiorati!

ALTRI VANTAGGI DI SEGUIRE QUESTI TRE ACCORGIMENTI

Fare questo ti permetterà di avere ben chiaro i costi che stai per affrontare e il quadro, è totale!

Quindi, non avendo ancora “mosso un dito” potrai sempre aggiustare le cose!

Fatte queste tre cose si possono iniziare i lavori!

Andrà tutto liscio?! beh, è davvero difficile, qualche intoppo, qualche imprevisto è facile che capiti, mettilo in conto!

Se investi del tempo nella ricerca dei giusti professionisti, ma soprattutto della parte progettuale sicuramente riduci di molto i problemi e lo stress che ne consegue e sicuramente riuscirai ad affrontare al meglio la tua ristrutturazione!

Anche a livello economico i possibili incrementi di costi si riducono, perché i preventivi dei lavori sono fatti sulla base di un progetto ben dettagliato, e quindi, a meno di un cambio in corsa da parte tua o di qualcosa di imprevisto i prezzi resteranno quelli!

AFFRONTARE AL MEGLIO UNA RISTRUTTURAZIONE SI PUÒ!

Affrontare al meglio una ristrutturazione è possibile, l’importante è non avere fretta di iniziare i lavori senza avere le idee ben chiare!

Tra le altre cose, quando tutto è ben pianificato, permette di velocizzare e non di poco tutto il processo: tutti infatti avranno ben chiaro cosa fare e non ci saranno perdite di tempo!

L’investimento fatto sul progetto e nella ricerca sarà ampiamente ripagato!

Se stai per affrontare una ristrutturazione e ti senti un po’ persa non esitare a contattarmi!!

Non si tratta di psicanalizzarti e tanto meno di farmi i fatti tuoi, ma per aiutarti ad arredare bene, devo conoscerti davvero!

E non si tratta nemmeno di avere due nozioni in croce come, faccio un esempio, “Mi piace lo stile moderno e amo il verde!”

No, davvero non è sufficiente se vuoi che il risultato sia una casa che parla di te, che ti rappresenti nel profondo dove poter veramente staccare la spina dal mondo esterno!

INIZIAMO IL PERCORSO DA UN PERIODO DI CONOSCENZA

Questo cosa comporta? che avremo bisogno di un piccolo periodo di conoscenza iniziale, che non significa che dobbiamo frequentarci per forza, tranquilla!

Ci vedremo, di persona se possibile o via skype e mi racconterai un po’ di te e di ciò che ti piace… ma soprattutto come vorresti vivere la casa e le tue esigenze!

Poi, come ho scritto nell’ultimo articolo, aprirò una cartella Pinterest (personale) in cui tu potrai mettere qualunque immagine ti piaccia.

Anche qui non deve per forza riguardare la casa, ma anche hobby, abbigliamento… posti… davvero tutto quello che ti attrae e ti provoca un’emozione!

Questo mi permetterà di capire moltissimo su di te, senza invadere la tua privacy!

IN CASO CONTRARIO CHE SUCCEDE?

Beh, io, per aiutarti ad arredare bene devo conoscerti davvero, quindi di solito se un possibile cliente non vuole investire un poco di tempo in questa fase, preferisco non prendere il lavoro!

Ora ti spiego cose succederebbe se non facessimo così…

Supponiamo che mi chiedi un aiuto ad arredare casa tua, e mi dai una piantina dicendomi, riprendendo l’esempio, “Io amo lo stile moderno e il colore verde!”, magari aggiungi che sei una persona che ama ricevere amici in casa, e basta!

Accetto questi assunti e lavoro per una casa moderna, con il colore verde che sia funzionale per ricevere ospiti…

Quando ti presento il progetto, facilmente non ti convincerà del tutto!

E allora partiamo con mille e mille modifiche che spesso non riesci a descrivere con chiarezza!

Questo perché? perché difficilmente la tua personalità si può racchiudere in un semplice “Amo il moderno, il colore verde e ricevere gli amici”!

PROVA A FARE UNA CARTELLA DOVE RIUNIRE VARIE IMMAGINI…

Se provi a fare una cartella su Pinterest, o guardi quelle che hai già, vedrai come le cose che ti piacciono e ti attirano sono anche molto diverse tra loro, difficilmente richiudibile nel semplice l’esempio di prima!

Ci saranno colori, stili, a cui magari non avevi pensato e che non mi avresti detto!

E la tua casa deve contenere tutta la tua personalità unica, tutto ciò che ti emoziona!

Vedere tutte queste immagini mi aiuterà a capire meglio chi sei e a porti le domande giuste per poter fare un progetto mirato che davvero ti possa rappresentare!

Se è vero che siamo bombardati da mille immagini, che possono anche distrarci (lo racconto qui) è anche vero, che possono dire molto di noi, dei nostri gusti e del nostro modo di essere!

DEVO CONOSCERTI DAVVERO PER AIUTARTI AD ARREDARE BENE

Per me questo passaggio di ascolto e visione è davvero importante, perché se no non fari un buon lavoro per te!

Per aiutarti ad arredare bene casa tua devo conoscerti davvero!

Se non facessi così, oltre a mostrarti progettazioni che non ti convincono, sai qual è il rischio?

Che ti dia suggerimenti “fuori luogo”!
Ora mi spiego: non sapendo con esattezza tutto quello che ti piace, vedendo che quel poco che mi hai detto non è sufficiente è inevitabile che proverò a darti suggerimenti basati sulla mia esperienza…

E magari ti lasci influenzare! Magari poi riesco a trovare qualcosa che ti piace e soddisfa i tuoi occhi… ma… non ti rappresenta!

E dopo un po’ sentiresti che c’è qualcosa che non va…

Davvero vogliamo rischiare? non è meglio investire un po’ di tempo a dirmi chi sei per poi riuscire ad avere una casa che ti rappresenta al 100%?

“Perché mai dovrei affidarmi ad un’interior designer? io i miei gusti li conosco!”

Se pensi questo sappi che hai perfettamente ragione: i tuoi gusti li conosci!

Quindi perché affidarsi ad un’interior designer?

Come mi è già capitato di dire, oggi giorno siamo davvero presi e distratti da mille cose che, purtroppo non ci permette di ascoltarci come vorremmo e forse dovremmo.

Questo fa si che molte scelte, anche quello dell’arredamento è fatto un po’ di fretta.

Il risultato?

Rischi di avere una casa che non ti rappresenta al 100% e nella quale non ti senti completamente a tuo agio!

Le distrazioni, i mille input possono davvero essere deleteri a volte e quindi quando si hanno mille idee, spesso anche ben diverse tra loro, un altro parere può essere d’aiuto.

IL PROFESSIONISTA TI AIUTA A TIRARE FUORI MEGLIO I TUOI BISOGNI

Un punto di vista esterno resta anche più razionale, non è “falsato” da mille emozioni!

Lascia che ti faccia una domanda: ti è mai capitato che un’amica sapesse darti dei suggerimenti così utili che hai pensato “mi conosce meglio di quanto mi conosca io”?

Ecco è un po’ quello che dovrebbe fare un’interior designer, è quello che io voglio fare ogni volta!

Lo sai a chi mi piace paragonarmi? al filosofo Socrate che ha fatto sua l’arte della maieutica… di base lui diceva di non sapere nulla e di aiutare chi lo seguiva a tirare fuori le conoscenze che avevano già dentro!

Io voglio essere il veicolo per riuscire a focalizzarci solo su quello che davvero ti piace e ti rappresenta…

E se ti piacciono tante cose diverse?

Andremo ad importanza!

La tua personalità difficilmente può essere raccontata da un solo colore o da un solo stile, è assolutamente normale!

Affidarsi ad un’interior designer serve per riuscire ad esprimere davvero tutte le sfaccettature del tuo essere unico, e poi metterle insieme in un modo che abbia un senso e sia funzionale per te!

PICCOLA CONFESSIONE…

Però ora voglio farti ridere…

In un articolo di qualche tempo fa ho detto come copiare le ambientazioni dalle immagini di internet sia potenzialmente dannoso… (l’articolo lo trovi qui, oppure puoi vedere il video su youtube), ma sai come faccio per capire i gusti veri dei miei clienti?

Ebbene, faccio una cartella assolutamente privata su pinterest, dove loro mettono TUTTO quello che gli piace!

E con tutto non intendo solo arredo, ma davvero tutto!

Ti sembra una contraddizione?

In realtà non lo è, perché ovviamente NON andrò MAI a copiare quelle ambientazioni, ma mi permette di capire molto della persona con cui devo lavorare.

Come ti dicevo prima, la maggior parte delle volte trovo immagini con stili/colori/mood anche molto diversi tra loro e creare un ambiente che metta insieme tutto è davvero una bellissima sfida!

Questo è ancora più evidente quando la casa va progettata per 2 persone, o per una famiglia… se già tu da sola hai gusti vari, figurati unire insieme più personalità, spesso anche molto diverse!

ECCO PERCHÉ AFFIDARSI AD UN’INTERIOR DESIGNER!

Capisci perché è importante affidarsi ad un’interior designer?

Ora potresti dirmi: “ok, ma alla fine, andando in un negozio di arredo, anche lì mi aiutano a creare un bell’ambiente…!”

E, di nuovo, hai ragione, sanno SEMPRE creare ambientazioni molto belle, ma non hanno il tempo di andare davvero in fondo a capire chi sei, chiederanno alcune informazioni come stile e colore (in generale) e poi faranno le loro proposte.

Inoltre ti proporranno i mobili e i complementi che hanno loro!

Il risultato sarà bello e magari lo sceglierai, ma facilmente non riuscirà a rappresentarti al 100%!

La tua casa è un luogo che definirei in qualche modo sacro, è il tuo nido e tu lì ti devi sentire davvero super bene, non importa che sia grande o piccola!

Inoltre, è un grande investimento, quindi non rischiare di non riuscire a creare una casa che ti rappresenta veramente nel profondo!

Affidati alla consulenza di un’interior designer, e non esitare a contattarmi!

Nell’articolo di oggi voglio parlare della regola d’oro che ogni straniero che vuole comprare in Italia dovrebbe seguire! Prima di acquistare o ristrutturare una casa in Italia da dedicare ai propri momenti di relax e alle vacanze, andrebbero valutati diversi fattori. Sono quasi certa, infatti, che, se stai pensando di compiere questo grande passo, avrai […]

Oggi vorrei metterti in guardia: se ti affidi ad un architetto e/o un interior designer, non far sì che casa tua diventi solo un elemento in più nel portfolio del professionista!

Nello scorso articolo ti ho spiegato a cosa serve affidarsi ad una interior designer, ovvero ad aiutarti a capire ciò di cui davvero hai bisogno per poi progettare una casa che ti rappresenta al 100%.

Troppo spesso però leggo frasi come:

“Il cliente mi ha seguito in questo progetto…”

o, nelle pagine dei servizi, descrizioni del buon gusto e della capacità di creare ambientazioni uniche…

Hai potuto vedere il problema?

TU IN TUTTO QUESTO DOVE SEI?

Molti architetti e interior designer, purtroppo, si concentrano soprattutto sulla casa e molto meno su di te!

cosa intendo?

Te lo spiego subito: cercheranno di importi in qualche modo le loro idee!

Naturalmente ti chiederanno che cosa vorresti e quali sono i tuoi gusti, ma poi tutto sarà girato sulle caratteristiche della casa!

Ti faranno una casa bella, anche bellissima, ma… ti rappresenterà al 100%?

Come può succedere questo?

LORO SONO I PROFESSIONISTI E CONOSCONO LA MATERIA…

Di base perché essendo loro i professionisti e conoscendo molto bene la materia “casa”, ne conoscono le regole di stile, e tendono ad imporle!

Come detto prima ti chiederanno come vorresti la casa, che colori e che stile avevi pensato e ti piacciono…

Ma..

Non indagheranno sul perché di queste tue scelte.

Di fatto accetteranno le tue affermazioni, ma abbiamo visto che spesso siamo influenzati dalle emozioni, oppure dalle immagini viste in internet o nei giornali.
E le decisioni prese sulla base delle emozioni non sempre ci rappresentano nel profondo, e capita anche di pentircene a volte!

(se te lo sei perso qui trovi l’articolo)

Quindi se il professionista che hai scelto non si preoccupa del perché delle tue scelte, si baserà su elementi, a volte anche superficiali, per presentarti il suo progetto, forte del fatto che lui conosce molto bene la materia!

Dov’è il problema?

Sarebbe come arredare copiando le riviste o le immagini viste su internet!

Ti ricordi che ne avevo parlato in un vecchio articolo (lo trovi qui o in video nel mio canale youtube)?

Alla fine avresti una casa bella, ma se non ti rappresenta nel profondo non ti sentirai a tuo agio!

Non far sì, quindi, che casa tua diventi, così, solo un elemento in più nel portfolio di questo professionista!

Non solo…

Se tu farai richieste particolari, che so un abbinamento che “sulla carta” non sta bene, approveranno la parte cha piace a loro bocciandoti l’altra!

Ora è ovvio che ti debbano aiutare nelle scelte per fare in modo che l’ambiente in cui vivrai sia armonioso, ma questo lo devono fare partendo da TE e dai TUOI bisogni!

Concordi?

Quindi quando fai richieste che potrebbero non sembrare adatti, quello che dovrebbero fare è indagare, di nuovo, sul perché di questa richiesta, per capire quanto sia importante per te.

Potresti scoprire tu che non è così importante, o che modificandola sia meglio, ma potrebbe invece essere davvero importante per te!

E se lo è, se ti rappresenta nel profondo, allora il professionista dovrebbe trovare il modo di accontentarti e fare in modo che la tua casa risulti armoniosa!

Ora ti faccio un esempio: se tu mi chiedessi una parete gialla a pois rossi (lo ammetto spero di no!) io cercherei di capire PERCHÉ mi fai questa richiesta e cosa ti smuove.

Parlando insieme se capisco che questa cosa ti rappresenta e ti fa bene io TE LA FACCIO!

Il mio compito sarà quello di riuscire ad armonizzare questa parete!

La maggior parte dei professionisti cercheranno di farti desistere, dicendo che non sta bene con il resto!

E purtroppo è possibile che li seguirai, perché le loro proposte saranno comunque accattivanti, e appagheranno i tuoi occhi.

Ma… non ti rappresenteranno e dopo un po’ di tempo non ti sentirai più a tuo agio a casa tua!

Come fare allora?

Devi cercare di capire come lavora il professionista, e molto lo puoi vedere già da come si presenta on line, come si descrive.

Poi, ad un primo colloquio cerca di farti spiegare come intende procedere, quali sono gli step che fa.

Infine, se nel presentargli le tue richieste vedi che ti boccia delle idee solo in nome del buon gusto o dello stile, scappa via!

Non far sì che casa tua diventi un elemento in più nel portfolio di questo professionista!

La casa è tua, e deve rappresentare te, soltanto te!

Tu devi viverci, tu devi sentirti accolta, coccolata e a tuo agio, nessun altro!

Questo, lo ripeto, non significa “Allora faccio come voglio perché i miei gusti li conosco!”, perché è vero, li conosci, ma spesso ti fai guidare dalle emozioni del momento! che ti daranno una casa che ti soddisfa, ma solo per un po’!

Quindi, se vuoi una casa che ti rappresenta e non sia solo un elemento in più nel portfolio di qualche professionista non esitare a contattarmi!

A cosa serve una interior designer?!

Questo è quello che molte persone pensano e forse lo hai pensato anche tu…

In fondo, chi meglio di te stessa potrebbe conoscere i tuoi gusti?!

E poi, non si tratta di altro che scegliere uno stile che ti garba, mettere qualche mobile qua e là e il lavoro è presto fatto.

Ma come fai i tuoi acquisti?

La realtà?

Non potrebbe essere più diversa di così.

Provo a farti un esempio molto pratico, per farti capire cosa intendo.

Ti è mai capitato di fare un acquisto un po’ impulsivo e poi di pentirtene?

Un abito che sembrava perfetto e non hai mai indossato, un gadget tecnologico tanto accattivante ma nei fatti per niente utile, dei gioielli che non hai mai portato.

A chi non è mai successo!

Sai perché accade?

Il nostro processo d’acquisto, molto spesso, è influenzato da tantissimi fattori e solo in rarissimi casi avviene su una base razionale.

Sono le emozioni, nella maggior parte dei casi, a governare le nostre decisioni.

E sai qual è il problema grave delle emozioni?

Sono momentanee e non sempre riflettono i nostri reali bisogni.

Lo stesso meccanismo irrazionale entra in gioco anche in acquisti più importanti, come quelli relativi allo stile di casa.

Forse pensi che con gli arredi sia diverso…


Probabilmente ora stai pensando che l’acquisto degli arredi è molto più ponderato rispetto a quello di un vestito.

E hai ragione.

Tuttavia, i tuoi pensieri restano condizionati dalle emozioni di quel determinato periodo.

Del resto, ti sei mai chiesta perché le pubblicità puntino così tanto sulle emozioni delle persone?

Perché sono quelle a essere decisive nei processi decisionali di acquisto!

Hai mai visto un ristorante fare pubblicità puntando sul tuo bisogno di nutrirti?

Certo che no!

Ciò che ti porta a prenotare un tavolo in un ristorante non è di certo raggiungere uno stato di sazietà, bensì è la voglia di spendere del tempo insieme alle persone della tua vita, divertirti, intrattenerti, stare bene.

Fai Attenzione alle tue scelte…

Devi allora fare molta attenzione quando fai acquisti che comportano un grande investimento, sia in termini di denaro che di qualità di vita.

Perché l’arredo e lo stile di casa influirà moltissimo nelle sensazioni che proverai vivendo la tua abitazione.

Il limite che separa un vero e proprio rifugio nel quale sentirsi a proprio agio e un ambiente che non ti fa stare bene, è molto sottile.

L’unico modo che hai per non varcare quel limite e sentirti davvero bene a casa tua, è quello di ascoltarti.

Il problema è che le nostre emozioni sono assordanti e, spesso, anche direzionate dalle mode passeggere!

Hai idea di quante persone ho visto rivoluzionare la casa per motivi dettati SOLO dall’impulso di quello che stavano vivendo?

Certo, il cambiamento le ha fatte stare bene per un po’, ma, successivamente, se ne sono pentite.

Perché non si era trattata da una scelta nata dal profondo, ma solo da sensazioni del tutto superficiali.

Ad esempio ora, in questa situazione contingente, in cui sei costretta a casa, potresti a vere la voglia di rivoluzionare tutto…

Mi raccomando NON farlo, non senza avere riflettuto veramente bene su quelle che sono le tue esigenze!

Ricorda che se vuoi rivoluzionare tutto è perché la casa non ti rappresenta al 100%…

sbaglio?

Ma cambiare sulla base delle emozioni di questo periodo ti porterebbe DI NUOVO ad una casa, bella, ma nella quale non ti sentirai completamente a tuo agio!

Quindi a cosa serve una interior designer?


Ed è ecco a cosa serve una interior designer: ad aiutarti a comprendere ciò di cui hai DAVVERO bisogno.

E non preoccuparti, non ho intenzione di psicoanalizzarti!

Ma sarai d’accordo con me quando dico che più so di te e meglio potrò realizzare il progetto?

Non rischiare…

Sulla base di tutto quello che ti ho detto fino a ora, il mio consiglio è di fare molta attenzione al fai-da-te quando si tratta dell’ambiente in cui dovrai vivere, soprattutto ora che sai a cosa serve una interior designer!

Se è vero che un acquisto emozionale non ha alcuna importanza quando compri un vestito o un gioiello, lo stesso non si può dire quando, invece, si parla degli arredi di casa!

Quindi se devi arredare casa, o se senti la necessità di modificare qualcosa in quella in cui vivi, NON esitare a contattarmi!