Articoli

Oggi mi piacerebbe parlare con te di uno stile particolare molto popolare negli ultimi tempi: il Wabi-Sabi.

Non mi sono mai soffermata su uno stile solo, perché sono estremamente convinta che difficilmente uno stile solo possa rappresentare a pieno una personalità!

Ho parlato dei maggiori stili (qui in versione articolo e qui in versione video), perché è giusto conoscerli, ma in generale senza mai andare nel dettaglio e questo per evitare che ci si possa “concentrare” su uno stile solo.

Il rischio, in quel caso, è di copiarlo e imitarlo, ma sappiamo che poi si rischia di finire come quando si copia dalle immagini che si trovano sulle riviste o su internet: una casa bella ma che non ci rappresenta fino in fondo (qui l’articolo e qui il video in cui ne parlo).

Oggi faccio una piccola eccezione con questo stile, il Wabi-Sabi, perché la sua filosofia, è davvero qualcosa di unico!

Dimenticati delle case da copertina il Wabi-Sabi è un vero e proprio modo di vivere, che incoraggia a provare, sperimentare le cose, esattamente per come sono, senza giudizio!

Wabi-Sabi è una filosofia giapponese che ci dice che bellezza e gratitudine arrivano da dentro, dal nostro essere profondo e dall’accettazione delle cose imperfette che invecchiano, della natura e dai semplici piaceri della vita.

Possiamo riassumerlo nell’accettare e non giudicare e nel capire che la perfezione non esiste!

La trovo una splendida filosofia, soprattutto in questo mondo in cui si va di corsa sempre alla ricerca sfrenata di una perfezione, che lo abbiamo capito non arriverà mai!

Come trasformare questa filosofia di vita in uno stile per la casa?

Vediamo insieme i principi di questo stile:

1 – RIORDINARE

Se ti interessa lo stile Wabi-Sabi la prima cosa da fare è riordinare gli spazi, eliminando il superfluo.

Bisogna focalizzarsi solo sulle cose che sono funzionali per la vita di tutti i giorni o veramente significativi!

Il trucco è di bilanciare correttamente bellezza e utilità!

È facile infatti che si abbiano tanti oggetti di cui non si ha necessità e che non si usano… vanno eliminati, lascia andare le cose non indispensabili che appesantiscono gli spazi e la tua energia!

Sii spietato/a nel liberarti di ciò che non serve e di concentrarti solo su ciò di cui hai bisogno davvero!

Come per lo stile minimalista “less is more” è una regola davvero fondamentale per il Wabi-Sabi!

Spazi puliti e ordinati sono essenziali per una casa serena e rilassante!

(credit: usa.armadillo-co.com; yanaprydalna.com)

2 – COLOR PALETTE

Il wabi-Sabi si rifà ai colori della natura!

L’obiettivo di questa scelta è di trasformare gli spazi in atmosfere serene e armoniose, che focalizzandosi su natura e calore.

I colori principali sono quindi i neutri, soprattutto i neutri caldi: beige, marroni, grigi caldi, verde salvia e colori pastelli tenui naturali.

Sono i colori che vedi quando vai in montagna, al mare o al lago… tutti i colori che vedi in natura sono perfetti per questo stile.

(credit: amaricreative.com)

(credit: mcusercontent.com; @myscandinavianhome)

3 – LUCE NATURALE

Questo stile, più di altri, richiede quanta più luce naturale possibile!

La luce naturale è davvero importante per il nostro benessere, perché in qualche modo ci riporta a madre natura, aiuta il nostro sistema immunitario e ci fa sentire, in qualche modo, meno isolati!

La luce naturale apporta un’importante energia sia per il corpo che per la mente!

Il modo in cui si muove e cambia la sua temperatura colore durante il giorno ha una potenza incredibile sul nostro modo di percepire l’ambiente.

Quindi lascia entrare la luce dalle finestre il più possibile evitando di coprirle! Se necessiti privacy usa tende molto filtranti in modo da fare comunque passare i raggi del sole!

(credit: @jessicamenda; @reactarchitects)

4 – PORTA LA NATURA IN CASA

Se abiti in città è possibile che le tue finestre non diano su uno splendido giardino, ma puoi portare comunque la natura in casa.

Potresti mettere dei rami fioriti in un grande vaso, meglio ancora se questo presenta imperfezioni!

Non è obbligatorio avere un grande e costosissimo mazzo di fiori freschi, basta anche una grande foglia in vaso…

La filosofia del Wabi-Sabi, lo ricordiamo, è “trova bellezza nelle cose comune e semplici!”… e la natura ha davvero una enorme varietà di bellezza…

(credit: John coolidge; eye-swoon.com)

5 – MATERIALI GREZZI

Non devi avere le tende o tovaglie perfettamente stirate, così come non sei costretta ad avere il tuo letto rifatto alla perfezione, al contrario lascia che i materiali si vedano per quello che sono e goditeli!

Usa materiali naturali come cotone e lino, in colori neutri e lascia che questi materiali si vedano.

Un letto sistemato un po’ “ a caso”, ma con questi materiali, magari un po’ grezzi, e colori, trasmettono calore, calma e relax.

Materiali grezzi danno davvero un senso di natura, soprattutto se fatti a mano.

Tappeti, tessili, ceramiche ed elementi che siano irregolari e grezzi sono davvero il must have in questo stile!

(credit: kaylagex.com; teawithruby.co.uk)

6 – ASIMMETRIA

Lo abbiamo detto: qui non si punta alla perfezione, e cercare di controllare l’equilibrio dell’asimmetria potrebbe essere stressante!

Il Wabi-Sabi, per questo motivo preferisce l’equilibrio asimmetrico!

Quindi metti i mobili in maniera da poterti sentire sempre a tuo agio, senza seguire regole specifiche!

Segui solo quello che ti fa sentire bene nei tuoi spazi senza complicarti la vita cercando la perfezione!

(credit: Natalya Bespalova; byggimpuls.com)

7 – MOBILI

Il Wabi-Sabi celebra gli artigiani, ama i vecchi legni e il cotone e lino grezzo, bisogna capire e apprezzare i materiali grezzi.

È un po’ un tornare alle origini, stando lontano dagli elementi prodotti in larga scala, e dalle finiture di lusso!

Quindi sono molto adatti mobili dal sapore rustico, possibilmente artigianali, magari fatti con vecchio legno riciclato!

Arrivando dalla cultura giapponese i mobili sono spesso leggeri, semplici e bassi, è facile infatti vedere un letto a terra per esempio.

Questo perché essere vicini alla terra è proprio una caratteristica dello stile giapponese.

Inserire mobili bassi quindi è un’ottima idea, certo, non ti dico di mettere il letto a terra, ma qualche elemento come il coffee table potrebbe essere la chiave!

La semplicità e la leggerezza degli elementi aiuta l’energia fluire al meglio.

(credit: behance.net; nikitapaidesignstudio)

8 – SEMPLICITÀ

Il Wabi-Sabi, ha molto in comune con il minimalismo, infatti la semplicità è il principio primario di questo stile!

Non di deve esagerare nel riempire troppo gli spazi con le decorazioni, o avere chissà quali oggetti particolari.

Il Wabi-Sabi ti invita a concentrarti su un’eleganza semplice e non vistosa: è importante enfatizzare elementi naturali senza esagerare.

Cerca mobili ed elementi dalle linee semplici e pulite che non abbaiano decorazioni inutili, così si preserva l’autenticità!

(credit: @thomas.melhorn; archilovers.com)

 

Cosa ne pensi di questo stile? Ti piace?

Spero che questo articolo ti sia piaciuto e ti sia stato utile, nel caso fammelo sapere nei commenti!

Non esitare a condividerlo con qualcuno a cui pensi possa interessare l’argomento, ne sarò onorata e mi aiuterà a farmi conoscere!

Se in vece hai bisogno di una qualsiasi consulenza per casa tua non esitare a contattarmi!

I tappeti  sono ottimi alleati, per definire gli spazi, per apportare trame e colori e anche per dare calore!

La giusta scelta del tappeto farà davvero una grande differenza tra ambienti armoniosi o meno!

Vediamo quindi come scegliere i tappeti per casa!

– MISURE CORRETTE

È davvero la cose più importante comprare il tappeto della misura corretta.

L’ideale sarebbe avere un tappeto che racchiuda tutti gli elementi che vogliamo in quell’area; quindi si dovrebbe aver un “bordo” di almeno 10-15 cm oltre agli elementi “di confine”.

Quando questo non fosse possibile, perché le dimensioni sarebbero molto grandi e difficili da trovare, o perché c’è un qualche ostacolo, è bene prendere un tappeto che comunque stia al di sotto dei piedi frontali.

Metti quindi tutti gli elementi che vuoi in quell’area al loro posto e poi prendi le misure corrette!

Perché queste misure sono così importanti?

Come detto all’inizio il tappeto definisce gli spazi: nel living definirà la zona pranzo, se lo metti sotto il tavolo, o la zona relax se lo metti sotto i divani, in camera da letto definirà la zona letto e così via… separando queste aree dal resto della stanza.

Se usi un tappeto piccolo, che non accoglie tutti gli elementi al suo interno, quell’area sembrerà otticamente più piccola di quel che è,  e viceversa!

Questo diventa fondamentale quando gli spazi sono piccoli, ma rimane importante anche quando lo spazio è abbondante!

 

 

(credit delle tre immagini: roomandboard.com)

Vedi che differenza?

– MATERIALE

Si trovano tappeti fatti davvero con i più materiali più disparati, come scegliere?

Beh dipende da dove e come usi il tappeto!

Per esempio se hai figli o animali avrai bisogno di un tappeto durevole e molto facile da pulire.

Se invece il tappeto è quello del letto, e sei abituato/a a camminare a piedi nudi, prendi un tappeto bello morbido, per provare belle sensazioni!

Di base comunque possiamo dividere i materiali dei tappeti in 2 macro categorie:

– fibre naturali come lana, cotone, seta e iuta

(cretits: usegreenco.com.br; artedelricamo.com)

– fibre sintetiche quali poliestere e nylon.

(credits: homeservize.com; avito.ru)

Possiamo dire che le fibre sintetiche sono ottime se hai bisogno di qualcosa di performante, durevole e facile da pulire.

Esistono, ad onore di cronaca anche tappeti senza fibre che sono anti macchia e usura!

I tappeti sintetici forse non sono morbidi e “lussuosi” come quelli in fibra naturale, ma se ben scelti daranno comunque quel tocco in più!

Tra le fibre naturali, la lana è quella che da le migliori prestazioni in termini di durevolezza e anche facilità di pulizia!

La lana è decisamente morbida sotto i piedi e a seconda di come è lavorato il tappeto potrà essere super lussuoso o molto lineare e semplice.

I tappeti di lana sono tra i più cari, ma come sempre sono quelle spese che fai una volta nella vita!

Il cotone è molto morbido sotto i piedi, ma anche molto più delicato rispetto ad un tappeto in lana.

Quindi i tappeti in cotone non sono adatti nelle zone ad alto calpestio.

Sicuramente costano molto di meno di quelli in lana, ma se sono in una zona molto frequentata preparati a doverli cambiare presto!

I tappeti in iuta sono molto duraturi, facili da pulire e sono perfetti nelle zone ad alto calpestio!

(credits: deesup.com; westwingnow.com; sa.hm.com)

– STRUTTURA DEL TAPPETO

Il tappeto può avere davvero molte strutture diverse:

– tessitura piatta

– pelo corto/medio/lungo

– intrecciati

(credits: ikea.com; amazon; homedepot.com)

Insomma chi più ne ha più ne metta… senza dimenticare le pelli di animali (vere o finte che siano!)

Come scegliere?

Di nuovo, dipende da dove e come usi il tappeto, vicino al letto potrà andare benissimo un pelo lungo, tanto ci vai a piedi nudi o la massimo in pantofole, mentre magari meglio una tessitura piatta vicino al divano!

Esistono anche tappeti che sono l’unione di pezzi di tappeti, spesso di forma quadrata, potremmo chiamarli patchwork.

La bellezza di questi tappeti è che spesso possono creare dei pattern molto interessanti e decorativi, ma soprattutto si possono sostituire i pezzi che si rovinano, senza dover cambiare tutto il tappeto.

L’idea del patchwork è interessante anche per quanto riguarda le misure, puoi decisamente farne fare uno delle misure che più ti sono congeniali!

(credits: floor.com)

– COLORI E DISEGNI

Tinta unita, super colorato, dai mille disegni?

Ancora una volta molto farà dove lo metti e qual è lo stile che hai scelto per casa tua.

Se hai molti colori tra muri, mobili e decorazioni, potrebbe essere utile calmierare con un tappeto tinta unita, magari di colore neutro.

Al contrario, se hai una casa molto semplice potresti movimentare un po’ con un tappeto un poco più fantasioso!

Qui giocherà molto il fattore equilibrio, mai esagerare né in un senso né nell’altro!

(credits: leroymerlin.it; wayfair.com)

INOLTRE…

Il tappeto ha delle fantastiche proprietà acustiche, se tu avessi un pianoforte, a coda o meno, metti sotto un tappeto: ne migliora l’acustica!

È anche importante mettere una piccola imbottitura sotto il tappeto, può essere il semplicissimo antiscivolo, oppure un feltro: protegge il tappeto e, nel caso del feltro lo rende più morbido!

– DOVE COMPRARE?

Ormai ci sono davvero molti siti on-line in cui hai davvero l’imbarazzo della scelta.

Se prendi un tappeto per provare, poco costoso, allora va bene on-line, se poi vedi che la qualità è ottima, puoi anche azzardare un investimento più consistente.

Ma in generale se puoi toccare con mano la qualità di un tappeto, soprattutto quando l’investimento è consistente, è assolutamente meglio.

 

Spero che questo articolo ti sia piaciuto e ti sia stato utile, nel caso fammelo sapere nei commenti!

Non esitare a condividerlo con qualcuno a cui pensi possa interessare l’argomento, ne sarò onorata e mi aiuterà a farmi conoscere!

Se in vece hai bisogno di una qualsiasi consulenza per casa tua non esitare a contattarmi!

In generale non è facile arredare spazi piccoli, una vera sfida diventa arredare una cucina piccola!

In cucina ci si deve poter muovere facilmente, si deve avere lo spazio per preparare i vari manicaretti e si deve avere spazio per riporre!

Come fare a conciliare tutto in uno spazio piccolo? Come farla sembrare più grande di quello che in realtà è?

Lo vediamo oggi!

– ATTENZIONE ALLA FORMA!

Nelle cucine piccole si ha spesso la tendenza a scegliere la forma lineare per paura di soffocare… in realtà non è così!

Meglio sfruttare il più possibile i muri con cucine a L o a U, che tra l’altro renderanno più facile i passaggi tra i vari elettrodomestici!

Se hai un open-space potresti pensare di creare una piccola isola o penisola che, oltre a dare piano di appoggio e magari di contenimento farà da divisione ottica con il resto dell’ambiente.

Attenta anche alle misure dei mobiletti, mobiletti più grandi daranno maggior respiro.

Mi spiego: in uno spazio da 90 meglio un mobiletto da 90 che uno da 60 e uno da 30 o 2 da 45!

(Credit:moovdesign.it)

– SFRUTTA LE ALTEZZE

Lo spazio per riporre in cucina è davvero importantissimo, quindi pensa all’opportunità di avere pensili che arrivano fino al soffitto!

Otticamente i pensili a soffitto faranno sembrare la cucina più grande, un po’ come dicevo con le piastrelle nell’articolo sui bagni piccoli (qui in versione video).

Potresti anche pensare di avere una doppia fila di pensili, quella bassa con la profondità standard di 30cm, ma quelli alti potrebbero essere della stessa profondità delle eventuali colonne.

Lo spazio per riporre sarà ancora maggiore e se usi colori in contrasto i pensili inferiori sembreranno incorniciati!

(Credit: naturalnieczarno.pl; Contemporary Home Decor)

– COLORI E FINITURE

I colori chiari ingrandiscono visivamente gli spazi perché riflettono maggiormente la luce.

Con colori chiari, come ormai sai, no intendo solo i bianchi, ma qualunque colore molto desaturato.

Una palette monocromo aiuta ad ampliare otticamente gli spazi, ma puoi tranquillamente usare più di un colore, l’importante sarà tenere poco contrasto.

Attenzione anche alle finiture, quelle lucide sono un aiuto in più per fare sembrare lo spazio più grande!

(Credit:pianetadesign.it; casaegiardino.it)

Come dicevo per il bagno piccolo, potresti decidere di usare colori scuri, perché danno un senso di profondità!

Anche qui il trucco sarà di avere poco contrasto e ovviamente finiture lucide qui sono altamente consigliabili.

(Credit: assonometria.com; for-interieur.fr)

– ELEMENTI A GIORNO E ANTINE IN VETRO

Un altro trucco per fare apparire la cucina più grande è quella di usare, elementi a giorno o, per alcuni pensili, le ante in vetro.

Vedere attraverso, oltre “l’ostacolo” inganna la mente dando l’impressione di un ambiente più grande.

Se poi aggiungi l’illuminazione in questi pensili aumenterai l’effetto!

(Credit:gruppoturi.gr; ke-99.top)

– PORTE

La porta tradizionale a battente, è un elemento che ruba spazio prezioso!

Quando si hanno cucine piccole l’ideale sarebbe avere delle porte scorrevoli a scomparsa o esterne o, dove non ci fosse spazio, una porta a libro che si piega e diventa molto meno ingombrante!

(Credit: Direct Doors; lakewestrenovations.com)

– PAVIMENTAZIONE

Usa piastrelle grandi, per avere meno linee fughe visibili, che creano come delle linee di confine rendendo l’ambiente otticamente più piccolo.

Puoi decidere per una tinta unita a basso contrasto con il resto della cucina, ma puoi anche usare dei pattern.

Fare questo creerà un elemento sorpresa, ma soprattutto darà profondità che darà l’illusione di avere una cucina più grande di quello che davvero è!

(Credit: leroymerlin.it; micro interior design)

– LUCE

La luce è importante sempre, lo è soprattutto in cucina tanto più quando questa è piccola!

Tieni le finestre della cucina il più libero possibile in modo che la luce naturale possa entrare senza ostacoli.

Per questo motivo se hai le tende, tienile chiare e molto filtranti.

Luce generale, ma anche puntuale sotto pensile e sul tavolo se c’è.

Non aver paura a mettere lampadari grandi e scenografici (purché non disturbino l’apertura delle ante dei pensili), anche questi daranno l’impressione di una stanza più grande.

Se hai delle mensole con qualche pezzo interessante potresti mettere delle luci a parete per attirare l’attenzione su quel punto, aggiungendo utili punti luce!

(Credit: ikea; campoelettrico.it)

– CARRELLO CON RUOTE

Lo so che la penisola o l’isola è il sogno di molti, e che, purtroppo, non sempre è possibile, soprattutto in una cucina piccola.

Però il trucco c’è: avere un tavolino o carrello con ruote!

Così avrai piano d’appoggio in più quando devi cucinare, ma lo puoi spostare quando non ti serve!

Questo è anche un ottimo modo per aggingere movimento e colore se prendi un pezzo unico, diverso dal resto dei mobili!

(Credit: Apartment Therapy; blog.decorsteals.com)

– ORDINE

In ambienti piccoli, quindi la cucina non fa eccezione, è davvero importante eliminare il superfluo dalla vista e mantenere tutto in ordine.

Togli tutto quello che non usi regolarmente dal piano di appoggio, e tieni in ordine quello che resta.

Troppi elementi creeranno caos e rimpiccioliranno otticamente lo spazio.

Pensa anche all’opportunità di incassare il forno a microonde, magari creando una piccola nicchia sottopensile.

Questo ti libererà spazio sul piano di lavoro!!

(Credit: vivadecora.com.br; Pizca de Hogar)

 

Spero che questo articolo ti sia piaciuto, fammelo sapere, la tua opinione è importante per me!

Se poi vorrai condividere l’articolo con un appassionato di design, ne sarò onorata!

In caso tu voglia una consulenza per la tua casa non esitare a contattarmi!

Un mesetto fa ho parlato di 10 sedie iconiche che gli amanti del design non possono non conoscere, oggi, sempre in ambito “elementi di design” ti vorrei parlare di 10 lampade che hanno fatto la storia!

Se poi vuoi saperne di più sull’illuminazione in generale trovi due video in cui ne parlo in maniera generale e  dove racconto come scegliere le luci di casa.

LAMPADE DA TERRA

1 – ARCO LAMP

Progettata dai fratelli Achille e Pier Giacomo Castiglioni nel 1962 per Flos.

I fratelli si inspirarono all’illuminazione stradale: la possiamo definire una versione interna di un lampione stradale!

(Credit Fratelli Castiglioni per Flos)

È costituita da un braccio a forma di arco fissato su un basamento rettangolare di marmo di Carrara; al braccio, telescopico e regolabile in acciaio, è attaccato il paralume a cupola in alluminio bianco, cromato internamente, che resta distante fino a due metri dalla base lasciando lo spazio per sedie e tavoli.

Il foro presente sul basamento è stato pensato per poterci infilare un bastone o un manico di scopa per potere spostare la lampada, calcolando che, senza basamento pesa comunque più di 45 kg!!!

Nella sua perfetta semplicità è un pezzo che può adattarsi ad ogni tipo di arredamento, in un ambiente rustico da un’impronta di carattere senza snaturare lo stile!

Fa parte delle collezioni permanenti del Triennale Design Museum di Milano e del MoMA di New York; è uno degli oggetti di design più ammirati nel dopoguerra e la si ritrova spessissimo in riviste, programmi televisivi e scenografie di film (come nel film di 007 “Una cascata di diamanti”!)

Curiosità: Si tratta inoltre del primo oggetto di disegno industriale a cui viene riconosciuto la tutela del diritto d’autore al pari di un’opera d’arte.

(Credit: madewithome.com; archisloci.com)

2 – PARENTESI

Idea abbozzata da Pio Manzù e poi reinterpretata da Achille Castiglioni per Flos nel 1970.

(Credit: Pio Manzù e Achille Castiglioni per Flos)

Manzù pensò ad un volume cilindrico che potesse scorrere verticalmente lungo un’asta arrestabile all’altezza desiderata da una vite (muore nel 1969 prima che la lampada fosse definita).

Castiglioni sostituì l’asta rigida con un cavo metallico ancorato a pavimento e soffitto e modificò il bloccaggio del cilindro con una deviazione del cavo che facesse da attrito.

Questo sistema è stato poi perfezionato con un tenditore e alleggerito facendo scomparire il cilindro.

La versione definitiva prevede che la lampada venga sospesa a soffitto mediante gancio ad espansione, coperto da copriforo metallico, cavo in acciaio tesato con contrappeso cilindrico in piombo rivestito in gomma.

Lungo il cavo in acciaio scorre un tubo a forma di parentesi che supporta un portalampada snodato, che permette di direzionare a piacere la luce!

La forma di parentesi non è casuale: mantiene l’attrito necessario per alzare o abbassare la lampada senza fatica, ma potendola anche fermare all’altezza voluta.

Vinse il Compasso d’Oro nel 1979 ed è tutt’ora esposta al museo del design della Triennale di Milano.

Per la sua semplicità e la pulizia delle sue forme è una lampada di design che si adatta perfettamente a qualunque stile!

Curiosità: il sistema, semplice e geniale, fu presentato al pubblico in una confezione con coperchio trasparente, stampata e sagomata in base alla linea della parentesi metallica e dotata di maniglie per un suo agevole trasporto.

(Credit: westwing.it; avenuelifestyle.com)

LAMPADE A PARETE

3 – LAMPADA 265

Progettata da Paolo Rizzatto nel 1973 per Arteluce, ora prodotta da Flos.

È una lampada basata su un sistema di bilanciamento: il braccio in acciaio orientabile di ben due metri al lato opposto del riflettore in acciaio ha un cono in ghisa.

Semplice e moderna dallo stile essenziale si adatta ad ogni ambiente!

È stata progettata per poter creare l’atmosfera giusta in ogni ambiente, genera, infatti una luce diffusa e calda.

Essendo orientabile la si può indirizzare dove ce n’è più bisogno, rendendo questa luce davvero dinamica!

(Credit: flos.com; medium.com)

4 – LUCELLINO

Progettata e prodotta da Ingo Maurer nel 1992, che un giorno vide una lampadina imprigionata come lampada ad un muro e decise di liberarla…

Di fatto è una lampadina con le ali sorretta da un semplicissimo filo di rame e un cavo elettrico rosso!

Le ali sono realizzate in piuma d’oca lavorate a mano.

Il nome “Lucellino” nasce dalla crasi delle parole “luce” e “uccellino”

Esistono anche le versioni da tavolo e da soffitto, con anche più di una lampadina alata!

(Credit: agofstore.com; moobilia.it)

LAMPADE A SOSPENSIONE

5 – PH ARTICHOKE

Progettata da Poul Henningsen nel 1958 per il ristorante Langelinie Pavillonen di Copenhagen, prodotta da Louis Poulsen.

Il nome che inizialmente il progettista diede alla lampada fu  Kogle,  che in danese significa “pigna”.
Sia il nome iniziale che quello definitivo denotano l’amore per la natura del designer!

È una lampada a sospensione formata da 72 foglie trapezoidali di rame che gli conferiscono una forma organica decisamente originale.

Queste foglie di rame sono attaccate a mano a 12 archi strutturali che sono posizionati intorno alla lampadina.

Queste strutture servono a amplificare la luce, ma anche a nasconderne la fonte per un confort visivo maggiore.

La lampada fa parte di molte collezioni pubbliche e private a livello internazionale, come per esempio al MoMA, al Vitra, e al V&A

(Credit: andtradition.com; louispoulsen.com)

6 – ZETTEL’Z

Progettata e prodotta da Ingo Maurer nel 1997

Al porta lampada centrale sono fissate delle astine metalliche a cui sono attaccati dei foglietti di carta giapponesi.

I foglietti sono 80: 31 prestampati e 49 bianchi personalizzabili con un disegno o un pensiero, facendo diventare questa lampada assolutamente unica, originale e creativa!

Si possono comprare anche i folgietti di ricambio… per una lampada sempre nuova!

Curiosità: esistono delle edizioni limitate come la “BangBoom” fatta con i fumetti di Thilo Rothacker oppure “Viva l’Italia” con poesie e immagini del Bel Paese.

(Credit: light11.it; agofstore.com)

LAMPADE DA TAVOLO

7 – ATOLLO

Progettata da Vico Magistretti nel 1977 per l’azienda Oluce.

La sua forma, immediatamente riconoscibile, è costituita da elementi perfettamente proporzionati: un cilindro, un cono e una semisfera appoggiata in un equilibrio quasi magico!

Pensata in due varianti, alluminio laccato e vetro opalino, entrambi materiali studiati e scelti dal designer per poter riprodurre e diffondere la luce in maniera morbida e accogliente.

Per entrambi questi materiali ci sono tre tipologie di grandezza.

Oggi è possibile avere il corpo in metallo e il diffusore in vetro di murano.

Vincitrice del premio Compasso d’Oro nel 1979 è entrata a fare parte delle collezioni permanenti dei più importanti musei.

(Credit: oluce.com; westwing.it)

8 – TACCIA

Progettata dai fratelli Castiglioni nel 1958 e prodotta da Flos nel 1962.

È una lampada da tavolo che, nella sua versione più grande può essere anche usata da terra!

Nasce dalla volontà dei 2 designers di realizzare una luce da tavolo, però con luce indiretta.

“Questa lampada è stata pensata in modo sbagliato” (cit. Castiglioni”): la lampada infatti era stata progettata con materie plastiche, che però con il calore del supporto del riflettore si deformava… si è quindi poi optato per il vetro, resistente alle alte temperature.

La lampada Taccia ricorda una colonna classica dell’antica Grecia di ordine dorico, dalle caratteristiche scanalature che permette ai progettisti di utilizzare materiali e tecniche di lavorazione molto semplici.

Il risultato è un oggetto elegante e bilanciato che si adatta a qualunque stile.

La campana di vetro trasparente riflette la luce della lampadina creando un’atmosfera sospesa e soffusa.

Taccia appare nella mostra del MoMa nel 1997 dedicata ad Achille Castiglioni,

(Credit: medium.com; flos.com)

9 – SNOOPY

Progettata dai fratelli Castiglioni nel 1967 per Flos.

È una lampada a luce diretta con riflettore in metallo verniciato e base in marmo bianco.

L’idea di base è quella di creare un oggetto divertente che si adattasse a tutte le esigneze e tutti gli ambienti.

La sua forma ricorda il musetto simpatico del cagnolino Snoopy creato dal fumettista Charles M. Schulz.

Il riflettore in metallo sembra un volume non equilibrato rispetto al supporto, in realtà è molto stabile grazie alla corretta distribuzione del peso della base compensato dalla spessa lastra in cristallo.

(Credit: Sinergreen srl; flos.com)

10 – ECLISSI

Progettata da Vico Magistretti nel 1965 per Artemide che la mette in produzione nel 1967 (anno in cui vince anche il Premio Compasso d’Oro).

Magistretti si rifà alla lanterna semi-cieca di Jean Valjean presente nel romanzo “I miserabili” di Victor Hugo, trasformandola in una lampada da lettura.

La potremmo definire una luce dimmerabile, perché grazie alla calotta interna che si muove si può modificare l’effetto della luce aumentandone o diminuendone la quantità.

Si può arrivare ad oscurare la lampadina, proprio come un eclissi di luna!

Eclisse è presente nella collezione permanente del MOMA di New York dal 1972.

(Credit: artemide.com)

 

Queste 10 tra le lampade di design più iconiche, ma, come dissi riguardo allepa sedie NON sono le uniche… anche qui, magari ci ritorneremo!

Qual è, tra queste presentate, la tua preferita? Ne hai qualcuna in casa tua? Fammelo sapere nei commenti!

Spero che questo articolo ti sia piaciuto, fammelo sapere, la tua opinione è importante per me!

Se poi vorrai condividere l’articolo con un appassionato di design, ne sarò onorata!

In caso tu voglia una consulenza per la tua casa non esitare a contattarmi!

Oggi voglio ritornare sull’argomento case e spazi piccoli, perché sono ambienti davvero complicati da arredare.

C’è bisogno di funzionalità, ma ovviamente anche di comodità e estetica!

E allora vediamo gli elementi di cui si ha bisogno quando si hanno spazi piccoli in casa!

SOGGIORNO

1 – DIVANO

Se il soggiorno è davvero piccolo, non sarà possibile mettere divani a tre posti e tento meno poltrone o sedute aggiuntive, ci starà solo un divanetto!

È molto importante che il divano sia proporzionato allo spazio.

La primissima cosa da fare quindi è prendere le misure corrette dell’intera area della zona relax!

Avendo poco spazio a disposizione molto facilmente il divano sarà posto contro il muro, quindi, individuata la zona, entra nello specifico e prendi la lunghezza massima disponibile del muro per il divano.

Non dimenticarti di prendere in considerazione eventuali tavolini o lampade!

Dove è possibile scegli un divano con chaise longue per aggiungere un posto a sedere, oppure aggiungi un pouf!

Anche divani angolari possono essere un’ottima soluzione per riempire un angolo e ottimizzare così lo spazio!

Se ti capita di avere ospiti va da se che il consiglio è di prendere un divano letto!

Sarà importante scegliere, oltre alle dimensioni, anche la forma e soprattutto il materiale che più si adattano allo stile della tua casa.

Tieni presente che il divano è uno dei “pezzi” più importanti, e in una casa piccola potrebbe diventare il punto focale!

(credit: westwingnow.it; Pinterest)

N.B. Idea Originale:

potresti decidere di usare un letto come divano!

Potrebbe essere comodo soprattutto se tu avessi un monolocale, perché il divano sarebbe il tuo letto, senza dover aprire e chiudere ogni volta.

Ovviamente se hai una camera può fungere da letto per gli ospiti!

Basterà mettere dei cuscinoni comodi che fungano da schienale e decorarlo come un divano!

(credit: triplejfurniture.com.au; stylebyemilyhenderson.com)

2 – SEDIA GIREVOLE

Se hai spazio a sufficienza per aggiungere una seduta potresti sceglierne una girevole!

Avere un perno centrale e non le classiche 4 gambe occuperà visivamente meno spazio!

Inoltre se hai l’area pranzo vicino, basterà girarla su se stessa per “spostarsi” di zona!

In spazi piccoli gli oggetti multifunzionali sono la chiave, per ambienti funzionali e armoniosi.

Guarda quindi a pezzi che possano avere una doppia funzione!

Prendi una sedia che possa raccontare chi sei e dare quel tocco in più all’ambiente!

(credit: elle.com; westelm.in)

3 – TAPPETO

Negli spazi piccoli, dove tutto è vicino è importante dividere, almeno otticamente gli spazi…

Un bel tappeto che divida quindi la zona relax dalla zona pranzo diventa essenziale.

Il tappeto deve essere ovviamente proporzionato all’ambiente e al divano ed eventuali sedute.

Prendi un tappeto che sia tono su tono con il pavimento in modo che le aree siano divise, ma che i confini non siano troppo netti.

I confini netti, infatti, tendono a rimpicciolire otticamente gli spazi (ne parlo nei 5 errori che si commettono arredando case piccole qui in versione articolo e qui in video).

(credit: Margaret Boatner; @reserve_home)

SALA DA PRANZO

4 – TAVOLO ROTONDO

Il tavolo rotondo, negli spazi piccoli è da preferirsi perché, non avendo angoli, è più facilmente fruibile!

Non solo un tavolo rotondo, a parità di dimensioni, ha almeno posto in più a sedere.

Meglio ancora se il tavolo ha un solo perno centrale e non le classiche 4 gambe, tutti saranno più comodi!

Lo stesso ragionamento vale per i coffee table: la forma rotonda otticamente riempie meno!

(credit: puresaltinteriors.com; aptdeco.com)

5 – PANCA

In spazi piccoli è facile non avere lo spazio necessario tra tavolo e muro per avere delle sedie e muoversi comodamente.

Questa distanza dovrebbe essere di almeno 90cm (parlo delle misure che contano qui in versione articolo e qui in video)

Se questo è il caso allora è bene optare per una panca da posizionare contro il muro.

Questo ti permetterà di recuperare dello spazio utile per sedersi.

Mi raccomando di scegliere una panca che non abbia braccioli per facilitare l’accesso al posto.

Ça va sans dire che se la panca fosse contenitrice, avrai altro spazio per riporre!!

(credit: @melissa_shapiro_interiors; studioalyse.com)

6 – CREDENZA/CONSOLLE

Una credenza, o una consolle, risulta essere un elemento fondamentale:

può essere messa in entrata per fungere da svuota tasche e elemento decoratore, ma anche e soprattutto nella zona pranzo come elemento contenitore.

E lo sappiamo c’è sempre bisogno di spazio per contenere!

L’importante sarà sempre avere una consolle o credenza con gambe perché otticamente sono meno pesanti di quelle poggiate direttamente a terra!

Se scegli una consolle con molto spazio sotto potresti sfruttare questo spazio per metterci dei pouf… saranno ottime sedute in più quando hai ospiti, che quando riposte però non “rubano” spazio prezioso!

Non dimenticarti poi che il ripiano sarà il posto ideale dove mostrare delle belle e accattivanti composizioni dei tuoi oggetti preferiti!

(credit: roomandboard.com; Christina Perry)

CAMERA DA LETTO

7 – ARMADIO ALTO

L’armadio è uno degli elementi indispensabili insieme al letto.

Come per il divano, per prima cosa individua il muro che vorrai usare per l’armadio e poi prendi le misure e prender l’armadio più grande possibile.

Prendilo anche il più alto possibile per avere più spazio a disposizione.

Fai attenzione agli ingombri come porte, finestre per riuscire ad aprirle con facilità.

Se lo spazio è davvero piccolo opta per un armadio con porte scorrevoli.

Per far sembrare otticamente l’ambiente più grande scegli un armadio con piedi, risulterà meno pesante!

Se ti piace e vuoi un look più “sbarazzino” puoi anche decidere di usare appendi abiti e scaffalature aperte.

Dovrai sempre stare attenda ad essere molto ordinata, ma, non avere una struttura sicuramente amplificherà visivamente lo spazio.

(credit: Ikea; Diakrit)

8 – COMODINI

Poco spazio non è una scusa valida per non avere dei comodini!

I comodini sono essenziali, per posare il telefono, un bicchiere d’acqua, un libro o una sveglia!

Se lo spazio è poco potrebbero non starci comodini tradizionali, ma ci sono davvero tante soluzioni diverse, come una semplicissima mensola!

Puoi anche decidere di avere un piccolo sgabello… non ci sono regole precise, alla fine l’importante è avere una superficie, anche piccola su cui poter appoggiare le cose essenziali!

(credit: greydeco.se; craftedbythehunts.com)

N.B. Idea Originale:

Se hai bisogno di un angolo studio, potresti pensare di sostituire (se lo spazio lo consente) uno dei comodini con una piccola scrivania!

Sarà un pezzo multifunzionale che ti permetterà di non sprecare spazio prezioso, sfruttandolo al meglio!

(credit: @tthese_beautiful_thingss; hgtv)

9 – LETTO CONTENITORE

Si sa che lo spazio per riporre non è mai abbastanza!

Un letto contenitore può davvero fare la differenza perché ti permette di riporre biancheria del letto e coperte.

Anche qui ricordati i piedini, rialzare anche di poco aiuta a non appesantire lo spazio.

(credit: familyhandyman.com; roomandboard.com)

10 – PANCHE

Se lo spazio lo consente, perché hai preso un armadio ad ante scorrevoli, potrebbe essere un’ottima idea mettere in fondo al letto una panca contenitrice:

– avrai altro spazio per riporre
– è una seduta in più!

Per un perfetto stile la panca dovrebbe essere un poco più bassa del materasso e leggermente più stretta della larghezza del letto.

(credit: potterybarn.com; aptdeco.com)

IN GENERALE

11 – LAMPADARI E LAMPADE A MURO

Lampadari e lampade a muro permettono di illuminare correttamente senza occupare spazio prezioso a terra!

Aiutano a far sembrare lo spazio più largo e aggiungono davvero un tocco si stile all’ambiente.

(credit: medium.com; focaldecor.com)

12 – SPECCHI

Ne ho già parlato altre volte, lo specchio riflette la luce (e non solo) quindi aiuta ad ingrandire otticamente gli spazi piccoli.

L’accortezza sarà posizionarlo in modo che rifletta una parte ordinata della stanza o, per i più fortunati, un bellissimo esterno!

Uno specchio con una bella cornice sarà anche un pezzo importate, quanto può esserlo un bel quadro, con il fatto che raddoppierà la luce e la sensazione di avere più spazio!

(credit: Micheala Diane Designs; songofstyle.com)

13 – LIBRERIE ALTE

Che siano in soggiorno, in entrata, in corridoio o in camera da letto la libreria è un elemento che non manca mai!

Nel caso di spazi piccoli è importante avere ilbrerie molto alte, più alte sono meglio è.

Questo per due motivi:

– sfrutti più spazio
– otticamente un elemento a tutt’altezza amplifica lo spazio!

Puoi decidere di prendere librerie con cassetti o mobiletti chiusi in basso per poter riporre ciò che non vuoi sia alla vista, e mostrare libri e oggetti importanti sugli altri ripiani (parlo di come decorare la libreria qui in versione articolo e qui in video)

Puoi anche usare la libreria come divisorio tra due aree per creare un po’ di privacy dove necessario.

(credit: aewee.top; but.fr)

 

Quando si hanno spazi piccoli è importante davvero sfruttare ogni spazio in modo da poter vivere in modo funzionale e piacevole.

Spero che questo articolo ti sia piaciuto, fammi sapere cosa ne pensi nei commenti.

Se vorrai condividerlo con qualcuno a cui pensi possa interessare ne sarò onorata e mi aiuterai a farmi conoscere!

Per una consulenza per la tua casa non esitare a contattarmi!

Quando si tratta di rinnovare e arredare casa è davvero un attimo spendere un sacco di soldi.

Qualche settimana fa abbiamo visto le cose importanti e le domande da farsi quando è ora di comprare i mobili di casa, oggi vorrei vedere con te dove è meglio investire e dove invece, eventualmente, ci si può permettere di risparmiare!

1 – RISTRUTTURAZIONE: IMPRESA EDILE VS FINITURE E MATERIALI

Cominciamo con la ristrutturazione: conviene investire nell’impresa edile e risparmiare in finiture e materiali o viceversa?

Potresti essere portata a pensare che sia meglio investire in finiture e materiali, ma in realtà è meglio investire nell’impresa edile!

Certo, devi trovare l’impresa giusta, e a tal proposito ho scritto un articolo (qui in versione video).

Perché questo?

Te lo spiego con un esempio: ammettiamo che tu ami il marmo un prodotto sicuramente costoso, però hai risparmiato sull’impresa edile e questa non è capace di valorizzare questo materiale, che risultato otterrai?

Se decidi di risparmiare sui materiali, optando per esempio per ceramiche o gress porcellanato effetto marmo, e investi in un’impresa coi fiocchi, questa ti potrebbe studiare una posa particolare, che faccia apparire pavimento (o il muro) come fosse marmo vero!

Non avere paura di valutare pose diverse insieme alla tua impresa, vedrai che potrai ottenere risultati inimmaginabili!

“Se credi che un professionista ti costi troppo è perché non hai idea di quanto ti costerà alla fine un dilettante!” (cit. anonima)

(credits: istock; metroquadro)

(credits: borgamarmi.it; brianzagraniti.it)

2 – SALONE: DIVANO VS ACCESSORI DIVANO

Lo puoi immaginare: è meglio investire nel divano piuttosto che negli accessori per “abbellirlo”

Ne abbiamo parlato la settimana scorsa, il divano deve essere comodo, devi poterti sedere o sdraiare e rilassarti totalmente.

Il divano è probabilmente l’elemento più grande e costoso del salotto, ma è anche quello che usi di più, vuoi per guardare la tv, vuoi per leggere, vuoi per chiacchierare con gli amici…

Se non è davvero comodissimo, sarà tutto più “faticoso”.

Inoltre il divano è una spesa che, se fatta bene dura per svariati anni!

Nel scegliere il divano, oltre alla robustezza della struttura e la comodità dell’imbottitura, ovviamente guarda poi a forma, stile e colore che valorizzino la stanza e, come sempre, il tuo modo di essere… anche il divano ti deve rappresentare!

Per quanto riguarda gli accessori, come cuscini ed eventuali coperte, potresti, dopo un po’ voler cambiare colori, materiali… e se hai investito lì ci penserai due volte a cambiare!

Inoltre trovi ovunque soluzioni davvero carine e originali a prezzi moderati!

(credits: inmod.com; michaelanoelledesigns.blogspot.com)

(credits: furniture jolene-113; @oh.eight.oh.nine)

3 – SALA DA PRANZO: TAVOLO VS SEDIE

Scommetto che penserai che è meglio investire in un buon tavolo anziché nelle sedie!

Ebbene, no: meglio investire in sedie di qualità e eventualmente trovare un compromesso per il tavolo.

Il motivo è semplice e lo abbiamo appena visto con il divano: sulla sedia devi essere comodo!

Se sei a tavola, seduto su una sedia scomoda, non ti godrai pranzo o cena al 100%!

Non è il massimo vero?

Investire in una seduta, comoda, facile da mantenere è davvero la migliore scelta!

Se ci pensi il tavolo è una superficie su cui appoggiarsi e oggi trovi davvero ogni tipo di materiale e di forma e stile che non sarà difficile trovare un bel tavolo senza doversi svenare!

Inoltre delle sedie particolari possono rendere unico anche il tavolo più semplice!

(credits: shops5.top; pinterest)

(credits: pinterest; breyi.com)

4 – CUCINA: ELETTRODOMESTICI VS MOBILI VS MANIGLIE E RUBINETTERIE

La cucina è tra gli ambienti più cari da arredare, in generale comunque risparmiare sulla cucina non è mai un bene!

Come detto altre volte, per primo bisogna pensare agli elettrodomestici, che verranno scelti in base a come si vive la cucina

Potresti essere una persona che ama molto cucinare con il forno  e quindi darai importanza a questo elemento e magari meno ad un altro, come la lavastoviglie.

Ricorda che non è obbligatorio che tutti gli elettrodomestici siano della stessa marca, scegli in base alle funzioni più utili per te!

Tra mobilio, maniglie e rubinetterie, ci va un giusto compromesso:

– il mobilio deve essere robusto, se no ti ritroverai presto con ante disconnesse, parti gonfie… insomma una cucina da buttare.

Quello cu cui puoi risparmiare è la lavorazione delle ante o dei cassetti, mantenendoli più semplici perché comunque possono essere elevati da una bella maniglia!

– le maniglie sono quello che tocchi di più e ovviamente di questo devi tenerne conto, devono essere pratiche e comode!

– Per quanto riguarda il discorso rubinetteria, deve essere funzionale e pratico al lavandino che hai scelto!
Per esempio, se hai una vasca sola, grande è consigliabile optare per un rubinetto allungabile con doccino… per riuscire a pulirlo senza difficoltà!

Quindi qui è davvero importante prima di tutto capire tu come vivi la cucina, per capire dove investire un po’ di più e dove investire un po’ meno, ma non andare mai al risparmio!

(credits: euronics;designingvibes.com; pinterest)

(credits: durasupreme.com; naturalnieczarno.pl)

5 – CAMERA DA LETTO: MATERASSO VS STRUTTURA LETTO

Qui vale il discorso fatto con il divano: è assolutamente meglio investire nel materasso, perché quando vai ha dormire devi poterlo fare comodamente! (ricorda che passi un terzo della tua vita sul materasso!)

Cerca il materasso che possa supportarti al meglio in base alla posizione in cui dormi e che si adatti davvero ai tuoi bisogni.

Un buon sono ristoratore è importante per poter affrontare la meglio la giornata.

I materassi non sono tutti uguali e il materasso giusto potrebbe davvero fare la differenza!

Ovviamente oltre la materasso bisognerà anche pensare ad una buona rete, per non far perdere al materasso le sue buone qualità.

Sulla struttura del letto in sé invece puoi risparmiare, potresti anche solo decidere di mettere una testata appesa al muro!

Ci sono soluzioni davvero di tutti i tipi, stili, materiali e colori, sicuramente non sarà difficile trovare quella più adatta a te!

(credits: pinterest)

(credits: theidentite.co; The Heart and Haven)

6 – LAMPADARI VS LAMPADINE

Ti potrà sembrare un paragone forzato perché le lampadine non hanno certo i prezzi dei lampadari, ma nonostante questo ti dico che è meglio investire nelle lampadine!

Mentre di lampadari puoi trovarne di tutti tipi, stili, materiali e colori, la lampadina è quello che farà la differenza per una buona illuminazione e un perfetto confort visivo.

Scegli una lampadina che abbia una corretta potenza, temperatura colore, ma anche una ottima resa cromatica!

(parlo di illuminazione qui!)

(credits: Pinterest)

(credits: mill-studio.ru; Studio design HDm2)

7 – TENDE VS BASTONI

Le tende vestono una casa e apportano calore!

Tra tende e bastoni, con i vari accessori, è meglio investire in una tenda di qualità!

Anche solo perché la tenda la tocchi, mentre il bastone è in alto e lo puoi solo vedere!

Inoltre una tenda di qualità inoltre sarà più facile da mantenere quando si lava e stira!

Anche per i bastoni trovi ormai colori, materiali e stili i più disparati, quindi è facile trovare il più adatto.

(credits:dreamstime; acecurtains.com.sg)

(credits: hackrea.com; TendaTappeti.com; Lidia Siragusa)

8 – ELEMENTI FATTI A MANO

Vale sempre la pena investire in qualcosa di fatto a mano, un qualcosa di artigianale, ovviamente parliamo di elementi di qualità durevoli e solidi!

Le cose fatte a mano hanno un qualcosa in più: intanto sono uniche perché, per quanti pezzi possa produrre l’artigiano, non ne produrrà mai quantitativi enormi, e poi, essendo fatte a mano, difficilmente si troveranno pezzi perfettamente uguali!

Questo renderà questi elementi diversi e originali!

Ovviamente non parlo solo di mobili, ma anche di decorazioni come quadri, sculture, ceste, oggetti vari.

Se sei una persona che viaggia molto, butta sempre un occhio agli oggetti artigianali locali, saranno quel quid in più!

Investire in questo genere di elementi non è per forza sempre dispendioso, pensa anche ai mercatini dell’usato o vintage…

(credits: Couleur Locale; Awanay stories)

(credits: etsy.com; artdecorationcrafting.gr)

 

 

Tu cosa ne pensi? Concordi con me? O su qualcosa la pensi diversamente? Fammelo sapere nei commenti!

Spero che questo articolo su spender per rinnovare e arredare casa ti sia piaciuto, se vorrai condividerlo con qualcuno a ci pensi possa interessare ne sarò onorata e mi aiuterai a farmi conoscere!

Se, invece, hai dei dubbi e vuoi una consulenza per casa tua non esitare a contattarmi!

Questa settimana vorrei fare una cosa diversa e parlare di elementi di design, nella fattispecie di 10 sedie iconiche che chi ama il design NON può non conoscere!

– EAMES CHAIR

Progettata dai coniugi Ray e Charles Eames nel 1950 per Herman Miller e prodotte da Vitra.

Allora era una sedia abbastanza futurisica perché fatta in plastica e abbinabile a gambe diverse  a seconda dell’utilizzo (si può anche avere nella versione a dondolo!)

(credit: Vitra; elisamacchi.com)

I coniugi Eames, quando hanno pensato a questa sedia, volevano creare qualcosa di “estremamente pratico”, mai si sarebbero sognati di riuscire a creare una vera e propria icona!

Con o senza braccioli, oggi sono tra le sedie di design più imitate e visibili ovunque, diventando un pezzo davvero senza tempo.

È una sedia lineare e semplice che si abbina a tutti gli stili, anche con lo stile classico, creando un bellissimo gioco di contrasti!

La si può usare ovunque perché la sua leggerezza e versatilità la rendono un pezzo ideale in qualunque interno!

(credit: shokodesign.com; hackrea.com)

– TULIP CHAIR

Disegnata da Eero Saarinen nel 1956 e prodotta da Knoll.

L’intento di Saarinen era di “ripulire i bassifondi delle gambe” di tavoli e sedie che secondo lui  rendevano “il mondo brutto, confuso e inquietante”.

(credit: Knoll)

Ecco quindi che nasce una sedia con un unico piedistallo flessuoso che richiama lo stelo di un fiore o un calice di vino.

Piccola curiosità: A partire dal 1966 la sedia è comparsa anche nella sala di comando USS Enterprise, l’astronave della serie tv Star Trek.

A oltre 60 anni di distanza questa sedia conserva tutt’oggi il fascino di un prodotto proveniente dal futuro, ma allo stesso tempo è diventato un oggetto consueto, familiare e tradizionale.

(credit: ceihawaii.com; eigenwijsdesign)

– CH24 – WISHBONE CHAIR

Progettata da Hans J. Wegner nel 1949 e prodotta da Carl Hansen & Son è una sedia dal design scandinavo, semplice, minimale dal caratteristico schienale sagomato a forma di Y!

Questa sedia è usata per aggiungere un tocco di calore, di eleganza e movimento all’ambiente.

(credit: Carl Hansen & Son)

Molto confortevole la sua seduta realizzata con una incordatura di cavi di carta che la rendono resistente e durevole.

Per produrre una di queste sedie sono necessari più di cento passaggi, molte dei quali fatti a mano!

Grazie al fatto che ha una struttura minimale è adatta anche in ambienti piccoli!

Piccola curiosità: ogni anno, alla ricorrenza dell’anniversario di nascita dell’autore l’azienda produttrice ne presenta una versione speciale in edizione limitata!

(credit: shop.mohd.it; xlab.design)

– PANTON CHAIR

Disegnata da Verner Panton nel 1960, è una sedia in plastica, la prima stampata in un unico pezzo con la tecnica dello stampaggio ad iniezione.

Pensata con l’obiettivo di produrre una sedia innovativa, particolare, ma comunque confortevole, che si potesse usare ovunque!

(credit: Vitra)

La comodità di questa sedia è il risultato della combinazione tra la struttura a sbalzo dal design antropomorfo e un materiale leggermente flessibile.

Dal 1967 è prodotta in serie dall’azienda Vitra.

La Panton Chair ha ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali di design ed è presente nelle collezioni di molti musei importanti.

Icona del XX secolo, possedere una di queste sedie di design significa avere a casa un pezzo davvero raffigurativo che dona movimento e anche eleganza all’ambiente, quasi come fosse una scultura!

Le trovi in tanti colori e potrebbe essere un modo di portare un tocco di colore accento in casa!

È una sedia talmente particolare che si adatta a diversi stili, anche a quello classico, apportando un po’ di giocoso contrasto che dona carattere!

(credit: vitra.com)

– DIAMOND CHAIR

Disegnata da Harry Bertoia nel 1952 e prodotta dall’azienda Knoll.

 “Se guardi queste sedie, vedi che sono come sculture fatte principalmente di aria. Lo spazio le attraversa” (cit. Harry Bertoia alla presentazione della sua sedia!)

(credit: Knoll)

La sua struttura è una rete realizzata in tondino d’acciaio cromato ha quindi un’estetica leggera, ma decisamente robusta, una vera e propria scultura!

La sua forma e le sue dimensioni la rendono praticamente una poltroncina.

Perfetta come seduta accento vicino al divano!

La sua struttura leggera la rende perfetta anche in spazi piccoli.

(credit: elisabethheier.no; vosgesparis.com)

– BUTTERFLY CHAIR

Conosciuta anche come B.K.F. Chair è stata progettata da Antonio Bonet, Juan Kurchan e Jorge Ferrari Hardoy nel 1938 e prodotta da Knoll.

(credit: Knoll; homemakers.com)

È formata sa una struttura tubolare e una “imbragatura” agganciata alle estremità rendendola una seduta sospesa!

Perfetta per aggiungere un tocco di calore, relax e “boho” agli spazi.

È un classico della modernità, simbolo di leggerezza e libertà, ma anche di un’eleganza informale e raffinata al tempo stesso.

La sedia è esposta al MoMa di New York.

(credit: meblo.hr, MB mobles)

– BARCELONA CHAIR

Progettata da Mies Van der Rohe nel 1929 e prodotta da Knoll.

Icona del movimento modernista, con la sua elegante semplicità incarna il celebre motto dell’autore “less is more” (meno è meglio).

(credit: Knoll)

È un perfetto connubio di innovazione e artigianato.

Concepita “per il riposo del re” Van der Rohe prende ispirazione allo scranno etrusco, sedia pieghevole usata in antichità da uomini di potere.

L’ispirazione e il riferimento culturale a una civiltà antica, insieme alla semplicità e alla purezza formale conferiscono alla Barcelona chair un fascino senza tempo!

Perfetta nel living o in uno studio per conferire eleganza e sofistichezza.

Il suo stile semplici e lineare e l’uso di materiali moderni, rendono queste sedie di design ideali per lo stile minimalista e contemporaneo.

(credit: metropolisdesign.it; 1stdibs.com)

– EAMES LOUNGE CHAIR E OTTOMAN

Progettati dai coniugi Ray e Charles Eames per Herman Miller nel 1956, sono ufficialmente chiamati Eames Lounge e Ottomana e prodotte dall’azienda Vitra.

Questa sedia non ha bisogno di presentazione, è tra le sedie più iconiche del XX secolo un pezzo di cultura americana.

(credit: Vitra; hermanmiller.com)

È una poltrona senza tempo, che combina in maniera ideale raffinato design, massimo comfort e alta qualità di materiali e lavorazioni.

È formata da tre pezzi di legno compensato con cuscini in pelle, con un basamento girevole è moderna, stilosa e dalle curve morbide!

La Lounge chair è nelle collezioni di venti musei negli Stati Uniti e in Europa.

Piccola curiosità: la trovi in molti film e serie tv come Dr. House!

È perfetta nel living, ma anche in camera da letto o nello studio (dimensioni permettendo!), è davvero ideale per rilassarsi, leggere o guardare la tv.

È un pezzo davvero rappresentativo che da quel tocco sofisticato all’ambiente!

(credit: houseandhome.com; ylighting.com)

– EGG CHAIR

Disegnata da Arne Jacobsen nel 1958 e prodotta dall’azienda Fritz Hansen.

(credit: Fritz Hansen; addesign.it)

La Egg Chair era nata per arredare il Royal Hotel di Copenaghen.

È la rivisitazione moderna della Bergere, la seduta dallo schienale alto.

Nasce in imbottito di pelle con base in acciaio, ma ora esiste in una infinita varietà di tessuti e colori.

È perfetta per aggiungere un tocco di colore e di glamour anche grazie alla sua forma sinuosa e organica.

(credit: trias.it; paybanks.ga)

– WOMB CHAIR

Progettata da Eero Saarinen nel 1948 e prodotta da Knoll.

Il designer desiderava riuscire a disegnare una sedia che riuscisse ad essere confortevole per la forma della struttura e non per la densità dell’imbottitura.

(credit: Knoll)

Ha una struttura organica e sinuosa e esiste in una varietà di colori, questo la rende ideale come seduta accento!

È una seduta che richiede particolari materiali e tecniche, molto innovative allora!

La poltrona  ha una forma arrotondata che avvolge il corpo in un confortevole e rassicurante abbraccio!

La sua forma semplice ed elegante la rende adatta a qualunque stile!

(credit: 9now.nine.com.au; madewithome.com)

 

Queste 10 tra le sedie di design più iconiche, ma, come puoi immaginare NON sono le uniche… magari ci ritorneremo!

 

Qual è, tra queste presentate, la tua preferita? Ne hai qualcuna in casa tua? Fammelo sapere nei commenti!

Spero che questo articolo ti sia piaciuto, fammelo sapere, la tua opinione è importante per me!

Se poi vorrai condividere l’articolo con un appassionato di design, ne sarò onorata!

In caso tu voglia una consulenza per la tua casa non esitare a contattarmi!

Vorresti una camera da letto che sembri più lussuosa?

Allora questo articolo fa per te!

Qualche tempo fa ho scritto un articolo su come rendere la casa più lussuosa, e, trasformato in video è stato in assoluto tra i più visti del canale…

Visto che l’argomento ti piace ho deciso di entrare nel dettaglio della camera da letto!

Leonardo da Vinci diceva “La semplicità è la suprema sofisticazione” e questo si può applicare in tutti i campi (pensa ad Audrey Hepburn in “Colazione da Tiffany”…) anche in interior!

Quindi quando si vogliono spazi eleganti, attraenti e lussuosi dobbiamo prima di tutto ricercare la semplicità!

1 – COLORI NEUTRI

Se vuoi che la tua camera da letto sia elegante e sembri più lussuosa dovrai trovare la giusta palette colori.

L’ideale è scegliere colori neutri, come bianco, beige e grigio, per i muri e per il mobilio più grande.

I neutri sono davvero la scelta migliore per esprimere lusso ed eleganza, anche perché sono versatili e facili da abbinare, e aiutano a creare ambienti piacevoli che stimolano il relax!

Come fare se ami i colori?

I colori accesi stimolano la mente e rischiano di non permetterti un relax completo, questo però non significa che non puoi usarli!

Ci sono 3 modi:

– il tuo colore preferito desaturato

L’ho detto quando ho parlato di neutri, se ad un colora aggiungi molto bianco questo diventerà un colore neutro con sottofondo di quel colore (puoi aggiungere nero per avere un neutro scuro).

Questo ti permetterà di avere il tuo colore preferito, ma non essendo acceso non avrà la componente eccitante!

– colori pastelli

Blu, verde o rosa pastello, sono colori tenui che comunque, abbinati a neutri, danno un poco di movimento pur rimanendo soft!

– a piccole dosi come colore accento

non devi rinunciare al colore vivace, se lo ami e lo vuoi in camera tua, lo potrai aggiungere come colore accento in alcuni oggetti come i cuscini!

Se lo stesso colore poi lo hai anche a parete in versione desaturata avrai un effetto wow assicurato!

La scelta del neutro dipenderà dallo stile che hai scelto per camera tua.

Stili come il minimalista, lo scandinavo e il contemporaneo prediliscono neutri puri come bianco, nero e grigio per mantenere la loro formalità e la pulizia dello spazio.

Altri stili come il classico, il japandi, il boho si abbinano bene a neutri caldi.

(credit: Westwing Italia; thespruce.com)

2 – CARTA DA PARATI

Ormai in commercio ci sono tantissimi tipi di carte da parati, e questo elemento davvero potrebbe essere un modo per rendere la camera da letto sofisticata e lussuosa.

Mantenendo colori neutri o comunque non troppo vivaci come spiegato prima, potresti decorare la parete letto con carta da parati.

Renderà quella zona il punto focale e se ben scelta darà ancora più importanza al letto, che è l’elemento principale della camera.

(credit: westwing.it; istockphoto.com)

3 – PIANIFICAZIONE DEGLI SPAZI

La pianificazione degli spazi è fondamentale per avere spazi gradevoli da vedere.

Non è tutto solo questione di estetica, così come non è solo questione di funzionalità, ma del bilanciamento corretto di questi due aspetti!

Per una camera da letto che possa sembrare più lussuosa è molto importante calcolare bene lo spazio “di manovra”.

Lo spazio tra i vari elementi deve essere sufficiente per potersi muovere facilmente!

Non solo questi spazi vuoti sono importanti anche per fare riposare gli occhi!

È quindi essenziale, prima di comprare i vari mobili fare una pianta in scala della stanza e di tutto quello che vorresti comprare.

Questo ti permetterà di posizionare al meglio tutti i pezzi ed eventualmente modificare quegli elementi che potrebbero risultare troppo ingombranti!

La prima cosa da vedere è di poter aprire porte e finestre senza ingombri e poi lo spazio di manovra tra i vari pezzi dovrebbe aggirarsi intorno agli 80 cm!

Se la stanza è piccola allora sarebbe meglio pensare ad elementi multifunzionali come un letto contenitore, per limitare il numero di mobili o complementi che creerebbero disturbo sia visivo che di movimento!

(credit: Akahana Homes Residences; Solteiras Noivas Casadas)

4 – VESTIRE IL LETTO

Il letto, come detto poco prima, è l’elemento principale della camera da letto e quindi è quello che dobbiamo curare di più!

Per un aspetto sofisticato è bene abbinare diversi tipi di tessuti che abbiano, magari, trame diverse.

Non è obbligatorio che il letto sia BIANCO per essere elegante!

Anche qui, come per i colori in generali, usa soprattutto neutri, magari di diverse tonalità e usa anche, come detto prima, trame diverse!

Per dare quel tocco in più usa un bel copriletto, ma aggiungi anche una coperta che abbia un tessuto differente:

– la puoi mettere ben piegata tutto lungo i piedi del letto per un aspetto più classico

– o quasi lanciata lì per caso., per un aspetto meno formale.

Questo creerà del contrasto dando maggior interesse alla stanza.

Saranno importanti anche i cuscini, perché daranno sontuosità al letto.

(parlo in dettaglio di cuscini qui!).

(credit:desenio.it; decoraideas.com)

5 – TENDE

Le tende sono importanti se vuoi far sembrare la tua camera da letto più lussuosa!

Per ottenere un aspetto elegante bisogna saper scegliere le giuste tende, che abbiano le giuste dimensioni e corrette proporzioni con il resto!

Qualunque sia lo stile che sceglierai ricorda che la tenda deve essere più larga di 1,5/2 volte la larghezza della finestra, esse, infatti devono “sporgere” lateralmente di una decina di centimetri.

Questo farà sembrare la finestra più larga e, aprendo le tende permetterai alla luce naturale di penetrare meglio!

Il bastone delle tende deve essere messo il più vicino possibile al soffitto per dare maggior respiro alla finestre e farla sembrare più grande.

In caso di soffitti molto alti è importante comunque posizionare il bastone almeno una quindicina di centimetri al di sopra della finestra.

Usa tende che arrivino a pavimento, le tende corte rimpiccioliscono l’ambiente.

Se proprio diventa impossibile o scomodo avere una tenda lunga, meglio optare per un pannello a vetro!

Scegli un bel supporto per le tende, in metallo o in legno e, ove necessario prendi dei bei terminali, che seguano bene lo stile della camera.

Attenzione ai tessuti, quando si dorme è importante riuscire a bloccare completamente la luce, quindi se non hai scuri, ante o tapparelle che possano fare ciò pensa all’opportunità di un doppio tendaggio, mettendone uno filtrante e uno oscurante!

Il doppio tendaggio apporta inoltre un po’ di contrasto e questo renderà la camera da letto ancora più elegante e la farà sembrare più lussuosa!

(credit: mydomaine.com; inredningshjalpen.com)

6 – PROFUMI

Lo abbiamo già visto, la percezione di uno spazio non è solo visivo, ma anche quello che sentiamo con altri sensi come il tatto e l’olfatto!

I profumi sono davvero importanti, non devono essere aggressivi, va da se, ma aggiungere essenze in camera da letto la renderà subito più sofisticata.

Lo puoi fare tramite candele profumate, diffusori con oli essenziali e vasi di fiori freschi!

Un profumo delicato aiuta a rilassarsi completamente!

(credit: westwing.it)

7 – PIANTE

A proposito di profumi, le piante apportano il profumo della natura, ma non solo!

Anche le piante apportano eleganza e lusso ad una camera.

Inoltre purificano l’aria rendendola più salubre!

Se vuoi conoscere le piante ideali per una camera da letto ti basterà guardare questo video!

(credit: westwing.it)

8 – SPECCHI

Qualunque sia la dimensione della tua camera uno specchio grande è indispensabile per rendere una stanza elegante e lussuosa!

Lo specchio aiuta a illuminare la stanza grazie alla sua capacità di riflettere la luce, inoltre darà l’impressione di una stanza più spaziosa.

Non è solo un elemento funzionale, ma anche un modo per aumentare lo stile, conferendo carattere all’ambiente.

Puoi appenderli al muro o, se particolarmente grandi, anche appoggiarli a terra.

L’importante sarà scegliere uno specchio che per stile, forma , materiale dell’eventuale cornice riesca a completare ed enfatizzare lo stile e il decoro che hai scelto!

Se la tua camera è piccola ti consiglio di posizionare lo specchio dove possa riflettere al meglio la luce, ma soprattutto in modo che rifletta una zona ordinata!

Questo farà sembrare la stanza più grande!

(credit: ramadaneidrecipes.com; Micheala Diane Designs)

9 – ILLUMINAZIONE

La luce è fondamentale e può cambiare la percezione degli spazi.

Per far sembrare la stanza più lussuosa, non usare solo una luce centro volta!

Distribuisci piuttosto la luce usando più fonti luminose:

– strisce led nascoste in una cornice che segue il perimetro della stanza, per una illuminazione generale

– luce specifica per la zona armadi

– abatjour

– piantane!

Più punti luce hai maggiore sarà anche il confort visivo oltre ovviamente a decorare!

Forma, materiali delle lampade dovranno, come sempre, esaltare lo stile della tua camera da letto.

Per gli abatjour, non avere paura di osare… non sei obbligata ad usare le stesse lampade, al contrario usarne due tipi diversi potrebbe creare un po’ di contrasto e movimento.

Le due lampade, diverse, devono avere un punto in comune, che può essere la forma, il colore o il materiale.

Se vuoi saperne di più su come scegliere le luci, ne parlo qui!

(credit: ramadaneidrecipes.com; lights.com)

 

Spero che questo articolo ti sia piaciuto e ti sia stato utile, mi farebbe piacere avere la tua opinione nei commenti.

Se vorrai condividerlo con qualcuno a cui pensi possa interessare questo argomento ne sarò onorata!

Se invece hai bisogno di una consulenza per casa tua o anche solo una stanza non esitare a contattarmi!

Soluzioni filo muro, quali sono e come utilizzarli?

Se hai una casa dallo stile minimal le soluzioni filo muro sono davvero perfette per mantenere ambienti “puliti”, essenziali e minimal appunto!

In generale comunque queste soluzioni vanno bene anche con altri stili perché permetteranno di dare ancora più rilevanza allo stile scelto!

Comunemente vengono definiti soluzioni filo muro gli elementi a scomparsa, quelli che, quindi, non sporgono rispetto al filo della parete o al soffitto mimetizzandosi in qualche modo!

Vediamone ben 11!

1 – PORTE

Le porte a battente filo muro sono forse tra gli elementi di questa categoria più conosciute ed utilizzate.

Non hanno stipiti e cornici, hanno cerniere invisibili, e quando sono chiuse, se non fosse per i tagli e le maniglie scomparirebbero!

Queste porte sono più sottili rispetto al muro, quindi l’effetto “scomparsa” potrà esserci solo da un lato… bisognerà scegliere dove è più bello avere questo effetto.

Puoi sbizzarrirti con effetti particolari: queste porte, infatti, possono essere comprate ed installate a tutt’altezza (quindi arrivare a soffitto), oppure essere realizzate della stessa finitura della parete, sia esso semplice colore, carta da parati o legno (magari boiserie!).

(credits: lasartoriadellarchiettura.tumblr.com; CeramicheeDintorni)

2 – ANTE  E SPORTELLI

Se hai delle nicchie, dei ripostigli, magari un sottoscala, che vuoi chiudere, senza “dare nell’occhio” ecco che delle ante filo muro possono fare al caso tuo.

Puoi, con questo elemento, nascondere la zona lavanderia sia che tu ce l’abbia in bagno, tanto più se ce l’hai in cucina o in un’altra zona della casa!

Potresti anche fare un armadio a muro con ante filo muro per una mimetizzazione completa.

Nell’ingresso e nei corridoi, soprattutto se non sono grandi questo tipo di soluzioni, specialmente se concepite a tutt’altezza aiutano a non soffocare lo spazio!

(credits: comearredare.com; vertical.it)

3 – PANNELLI

Tutti abbiamo delle aree dove sono presenti degli impianti come, ad esempio, i collettori di acqua oppure il quadro dell’impianto elettrico.

Certo non sono il massimo dell’estetica e, solitamente, vengono coperti con dei pannelli che vengono “avvitati” al muro.

Se studiati prima ora è possibile usare particolari pannelli che, essendo a filo muro, chiudono questi vani in maniera pulita, essenziale e soprattutto discreta!

Questo vale anche per i pannelli con bocche di ventilazione degli impianti d’aerazione.

(credits: eclisse.it; aurainfissi.it)

4 – INTERRUTTORI

Anche gli interruttori della luce possono essere a scomparsa!

Questa soluzione è decisamente originale!

Per i più tecnologici esistono anche modelli touch, in questo caso i comandi sono nascosti dietro una placchetta in cristallo, con un led sempre acceso per essere visibile anche al buio!

(credits: it.aliexpress.com)

5 – BATTISCOPA

Anche il battiscopa può essere realizzato filo muro, senza quindi sporgere dalla parete.

Uno dei vantaggio di questa soluzione è che i mobili si appoggeranno perfettamente alla parete evitando quel, fastidioso e inestetico centimetro causato dal battiscopa tradizionale!

Non solo, aiuta enormemente per quanto riguarda le pulizie: la polvere non avrà superfici su cui depositarsi!!

Per gli amanti esistono anche battiscopa con led integrati… potrebbe essere un’ottima soluzione per chi si alza di notte ma non accende la luce: i led faranno da guida!

(credits: protoporte.com; allegro.pl)

6 – CASSONETTI PER AVVOLGIBILI

Ammettiamolo i cassonetti per avvolgibili sono davvero antiestetici, e spesso rendono difficili mettere eventuali bastoni per le tende!

Ebbene ora esiste la possibilità di incassare anche questi cassonetti con coperture filo muro decisamente meno impattanti alle vista!

(credits: sistemirasoparete.it; madewithhome.com)

7 – CORRIMANO

Lo confesso, questa soluzione l’ho scoperta da poco e mi ha davvero colpita!

Integrare il corrimano a parete potrebbe essere davvero ideale per quelle scale un po’ strette, perché libera davvero parecchio spazio!

Come per i battiscopa possono essere integrati con luce a led, aumentandone la funzionalità!

(credits: designboom.com; architonic.com)

8 – TENDE A RULLO

Quando ho parlato di tende (trovi il video qui) ho parlato anche di tende a rullo.

Ovviamente qui non parliamo di filo muro, ma di filo soffitto!

Non sono tende utilizzate spesso, ma certo sono adatte per chi ama lo stile minimalista.

Anche qui, per una maggiore “pulizia” e una migliore estetica è possibile nascondere la struttura di avvolgimento in una controsoffittatura in cartongesso.

Questo farà si che se la tenda è completamente aperta scomparirà nel controsoffitto!

Per una maggiore comodità è possibile avere avvolgibili azionabili a distanza.

Questa soluzione è valida anche per nascondere un telo per proiettore, magari in un ufficio!

(credits: gaiamiacola.it)

9 – BOTOLA

Rimanendo in ambito di filo soffitto, se hai una soffitta, oppure se hai un controsoffitto dove c’è un’area tecnica per gli impianti il pannello a filo soffitto ti permetterà di mimetizzare queste aperture, mantenendo la facilità di fruizione!

(credits: 2.teknoring.com; sistemirasoparete.it)

10 – FARETTI

Sempre in ambito filo soffitto, come non nominare i faretti ad incasso?

I faretti incassati in un controsoffitto di cartongesso sono una soluzione davvero quasi “invisibile”, devi sapere però che ne esistono anche di quelli senza cornice che quindi avranno un effetto ancora più pulito e lineare!

(credits: m.zxzhijia.com; Lighting Stores)

11 – PIATTO DOCCIA

Anche qui, con il piatto doccia, non parliamo di filo muro, ma di filo pavimento!

Esistono in commercio dei piatti doccia incassati nel pavimento, che consentono di non avere nessun tipo do gradino, seppur minimo, per entrare nella doccia

È anche possibile, con una corretta pendenza del massetto e inserendo un buon drenaggio dell’acqua, usare la pavimentazione stessa…
Questa soluzione ti permette di uscire dalle misure standard dei piatti doccia!

(credits: tavolla.com;vivere lo stile)

 

Conoscevi tutte queste soluzioni filo muro? Ne hai a casa tua una o più?

Spero che questo articolo ti sia stato utile, nel caso fammelo sapere con un commento!

Se vorrai poi condividerlo con qualcuno a cui pensi possa interessare l’argomento ne sarò onorata!

Se hai bisogno di una consulenza per casa tua, non esitare a contattarmi!

Ho già accennato all’importanza di creare una moodboard quando si deve rinnovare una casa.

È importante creare una moodboard anche quando si ristruttura in modo da avere la visione completa dai materiali e finiture fino agli oggetti decorativi.

Oggi vorrei entrare nel dettaglio e vedere con te come creare la moodboard perfetta per i tuoi ambienti!

La moodboard vera e propria è fisica e fatta con immagini e anche materiali come un pezzo di piastrella, un ritaglio di stoffa ecc…

Fatta così è una tavola sensoriale a tutti gli effetti, oltre che vedere puoi toccare!

(credit:freepik)

(credit: Charles Allem Design)

Non è sempre possibile, ma soprattutto facile, poter fare una moodborad in questo modo, è molto più semplice farla digitalmente con le immagini.

Così fatta, correttamente sarebbe un conceptboard, ma la maggior parte delle persone la chiama moodboard e così farò anche io per praticità!

Come si può creare una moodboard?

– PINTEREST

Io credo che la maggior parte delle persone abbia questa applicazione che è davvero fonte di ispirazione.

Usare questa applicazione è uno dei modi più semplici e veloci per creare una moodboard.

Crea cartelle per ogni ambiente di casa e raccogli immagini dei mobili e accessori che vorresti comprare, dei colori che vorresti usare.

Le immagini le puoi prendere da Pinterest stesso, ma, almeno dal computer, puoi anche aggiungerle extra applicazione! Quindi se sai già, per esempio, che divano vorresti aggiungi quel divano del colore giusto!

Evita di mettere immagini di intere stanze, ma cerca di mettere foto degli elementi singoli, perché sfondo o altri elementi non “disturbino”.

Nella cartella creata avrai così tutto ciò che è di tuo interesse e vedrai subito se le cose stanno bene insieme o meno.

Ti basterà un click per aggiungere qualcosa oppure per eliminare qualcosa che ti disturba!

È divertente e davvero utilissimo.

Il bello di Pinterest è che puoi creare cartelle pubbliche o private; queste ultime puoi anche condividerle con chi vuoi per un eventuale parere o per una “collaborazione”. Tra l’altro è possibile aggiungere note ad ogni immagine.

Con i miei clienti uso molto questo metodo, almeno all’inizio perché mi aiuta a capire meglio i loro gusti e, di conseguenza, poi preparare loro proposte davvero mirate.

Purtroppo non è possibile esportare la cartella dall’app, e se la cartella contiene tante immagini lo screenshot tradizionale diventa inutile… come sempre c’è una scappatoia: una estensione del browser che si chiama “full page screen capture”.

Questa estensione permette di screenshottare l’intera pagina, quindi, in questo caso, tutte le immagini presenti nella cartella; puoi poi salvare il risultato come immagine o come pdf!

Et voilà la moodboard è fatta e stampabile!

– POWERPOINT O CANVA

Canva è un programma on line che è simile a powerpoint, con la differenza che puoi decidere le misure del file di base.

Esiste la versione free e ovviamente quella a pagamento.

Per creare una moodboord è assolutamente sufficiente la versione free.

In entrambi i casi prima cerca e raccogli in una cartella del computer tutte le immagini che ami.

Come per Pinterest ti consiglio di prendere foto dei prodotti e dei materiali, senza fronzoli attorno.

Una volta che hai tutte le immagini vai su powerpoint o su canva e metti insieme le tue immagini, adattandone le misure per farle stare tutte insieme.

Anche qui sarà facile eliminare, aggiungere o modificare un immagine in modo che l’insieme risulti coerente e armonioso.

Per esempio potresti vedere che il divano che hai scelto sta bene con il resto ma che devi cambiare il colore perché il tutto sia davvero equilibrato.

– PHOTOSHOP O ILLUSTRATOR

Sono entrambi programmi di Adobe e sono davvero versatili.

Come per Canva puoi decidere il formato di base e sceglierne uno facilmente stampabile.

Con entrambi questi programmi puoi davvero sbizzarrirti con le grafiche, sfondi, e modificare la grandezza delle immagini…

Inoltre grazie alle guide potrai riuscire ad allineare perfettamente le immagini… piccolo particolare di grande impatto visivo.

Non è difficile da usare, ma se non sei esperto certo ti prende del tempo!

Ho scoperto recentemente anche un altro programma on line che si chiama Milanote, che non nasce solo per le moodboard, ma proprio per progetti di interior design più in generale.

Non l’ho ancora studiato bene quindi te lo segnalo, se tu fossi curiosa, ma mi riservo di studiarlo!

 

Come vedi i mezzi per creare una moodboard sono tanti, l’importante è di usarla correttamente: le immagini che raccogli devono parlare di te, della tua personalità e del tuo stile di vita!

Una volta creata soffermati un attimo e poniti queste domande:

– mi piace quello che vedo?

– mi rappresenta davvero?

– posso fare meglio?

Gioca con le immagini, creando anche combinazioni di colori, dettagli e atmosfere diverse finché il risultato non ti soddisfa davvero pienamente!

L’obiettivo è di riuscire a creare un ambiente che ti rappresenti e che amerai!

Vedere le cose insieme ti porterà sulla strada corretta e ti farà comprare quindi le cose davvero giuste per i tuoi ambienti.

Il rischio se no è di andare in giro e comprare solo avendo idee vaghe!

Spero che questo articolo su come creare una moodbord ti sia stato utile!
Tu ne hai mai creata una? Nel caso fammelo sapere nei commenti!

Se poi hai bisogno di una consulenza per i tuoi spazi non esitare a contattarmi!