Articoli

Arredare al meglio il soggiorno è importante perché è la stanza che tendenzialmente viviamo di più ed è quella in cui riceviamo eventuali ospiti.

Naturalmente la primissima cosa da fare è capire come usi questo ambiente, qual è la sua funzione principale!

Potresti usare il soggiorno per leggere, guardare la tv, rilassarti o avere spesso ospiti.

È ovvio che una non esclude l’altra, ma una sarà principale e le altre secondarie.

Questo step è essenziale per la scelta dei mobili e la loro posizione!

Definito questo ci sono comunque 5 + 4 elementi che restano indispensabili, vediamoli insieme!

– CREARE UNA ZONA CONVERSAZIONE

Avere una zona dedicata alla conversazione è importate per rendere l’ambiente più accogliente e intimo.

Per crearla basterà avere, oltre al divano principale, un altro divano o anche solo una seduta di fronte o quanto meno laterale al divano stesso.

Potresti pensare di non averne bisogno se vivi solo e raramente hai ospiti…

Se questo fosse il caso, certamente dovrai considerare la funzione principale, relax, televisione o lettura per cercare il divano che sia più funzionale per questa funzione!

Una volta individuato questo, però, l’aggiunta di una seduta, la creazione quindi di una piccola zona di conversazione, renderà il tuo soggiorno ancora più invitante e piacevole.

Per prima cosa posiziona il divano nel modo più funzionale a come vivi il soggiorno!

Fatto questo aggiungi una o più sedute, in modo da creare una zona un po’ più intima in modo che, in caso di ospiti tutti possano godere della compagnia dell’altro.

Se hai un soggiorno molto grande puoi pensare di creare aree conversazioni differenti!

Nel cercare gli elementi giusti per creare questa zona conversazione ricorda di prendere bene le misure in modo che tutto sia proporzionato e che tutto sia facilmente fruibile.

– TAVOLINO

Un’altra cosa davvero essenziale in un soggiorno è il tavolino, per appoggiare tutto quello di cui hai bisogno, dal telefonino al bicchiere d’acqua allo snack!

Il tavolino è funzionale per appoggiare appunto ciò che ti serve, ma è anche decorativo!

Se adornato con i giusti accessori, il tavolino può davvero diventare un elemento unico e caratterizzante!

La dimensione e la forma del tavolino dipenderà da quella del divano (è una di quelle misure importanti di cui parlo qui!).

In caso di soggiorno piccolo, lo abbiamo visto, potrebbe essere utile prendere un set di tavolini che si possono riporre uno nell’altro.

Naturalmente scegli un materiale che si accordi bene con lo stile o il mix di stili che hai scelto!

– ATTENZIONE ALLA LUCE GENERALE

Un’altra cosa davvero importantissima da considerare è la luce generale!

La stanza deve essere correttamente illuminata, quando sei seduto nella tua zona di conversazione tutto deve essere ben visibile!

Se l’altezza lo consente potresti pensare ad un controsoffitto per poter avere faretti incassati, oppure un bel lampadario, magari scenografico.

Nel caso di un lampadario l’ideale sarebbe che puntasse nel mezzo della zona conversazione!

Ovviamente puoi anche pensare di avere entrambe le soluzioni o se hai una cornice in alto potresti metterci delle strip led per un’illuminazione uniforme e avere anche un bel lampadario.

– CREA UN PUNTO FOCALE

Per rendere interessante il tuo soggiorno è importante creare un punto focale, ovvero un punto che attragga l’attenzione!

Il punto focale di solito parte dal divano scelto.

Spesso e volentieri infatti il punto focale è proprio la parete sopra il divano.

Usa del colore, un quadro particolare, qualcosa che attiri l’occhio!

Se hai la fortuna di avere una vetrata con una vista meravigliosa, ovviamente è bene enfatizzare questa cosa come punto focale.

Lo stesso vale se tu avessi un camino: valorizzalo e fallo risaltare su tutto!

Potresti anche, perché no, far diventare l’angolo televisione o la tua bella libreria il tuo punto focale…!

Se vuoi saperne di più sul punto focale ne ho parlato in questo video (qui come articolo)

– TAPPETI

Il discorso tappeti non è sempre facile perché non a tutti piacciono eppure sono un elemento davvero essenziale per un soggiorno elegante ed accogliente.

Il tappeto serve a legare insieme tutti gli elementi: il tavolino e le sedute dell’area conversazione!

È estremamente importante che il tappeto accolga in se tutti gli elementi o quanto meno, come ormai sai, accogliere i piedi frontali delle varie sedute.

Questo crea coesione e rende l’ambiente caloroso, intimo e confortevole.

La scelta dei colori dipenderà prima di tutto dalla tua palette colori, dallo stile e poi dal volere o meno creare un po’ di contrasto con i vari elementi.

Per quanto riguarda il materiale invece dipenderà dal suo utilizzo, da quanto viene calpestato e se ci sono in casa bambini e/o animali!

Parlo di tappeti qui!

Questi i 5 elementi che a parere mio sono indispensabili in un soggiorno, ora diamo un po’ di ritmo e personalità all’ambiente con qualche extra!

– LUCI DECORATIVE E DI ATMOSFERA

Avere una illuminazione generale non è sufficiente per un buon confort visivo e soprattutto per creare atmosfera.

È importante quindi aggiungere luci a parete, o a terra e magari qualche bella lampada da tavolo.

Questo aiuta a dare profondità e, come detto prima a creare atmosfera.

Sarebbe davvero auspicabile di avere luci dimmerabili così potrai avere il controllo sull’intensità della luce nella stanza.

Parlo in dettaglio di illuminazione qui.

– CREDENZA – LIBRERIA

Sappiamo che lo spazio per riporre non è mai sufficiente!

Sarà importante quindi avere una credenza per poter ritirare e sistemare tutto.

Puoi anche pensare ad avere un tavolino contenitore o una bella cesta per riporre tutte quelle piccole cose che potrebbero creare disordine.

Se sei un amante dei libri potrebbe essere utile una bella libreira dove mettere in bella mostra, oltre ai libri, magari qualche bell’oggetto!

– TAVOLINI LATERALI

Anche le superfici su cui appoggiare le cose sembrano non bastare mai: aggiungi quindi dei tavolini di fianco al divano, magari nell’angolo che possa servire anche all’altra seduta.

Potrebbe essere il posto ideale per mettere una bella lampada, magari qualche oggetto personale come delle foto.

– PIANTE

Potevo non concludere con le piante?

Ormai lo sai che portare in casa la natura è essenziale in ogni stanza, e che questa aiuta apportando texture e colori.

Inoltre le piante danno quel tocco di vita e di fresco all’ambiente.

Spero che questo articolo sui 5 elementi indispensabili per arredare il soggiorno ti sia stato utile e ti sia piaciuto, nel caso fammelo sapere nei commenti.

Non esitare a condividere l’articolo con qualcuno a cui pensi possa interessare l’argomento, ne sarò onorata e mi aiuterà a farmi conoscere!

E come sempre se hai bisogno di una consulenza non esitare a contattarmi!

Ci sono elementi di uso quotidiano che hanno un design talmente “semplice” che ci da impressione che esistano da sempre.

Eppure tutti questi oggetti hanno una loro storia!

Oggi ne ho scelti 5 e voglio raccontarteli, se poi è un argomento che ti piace ne cercherò altri!

1 – METRO TASCABILE

metro tascabile

Quando si deve misurare qualcosa la precisione dello strumento che si usa è assolutamente cruciale, ma sono importanti anche maneggevolezza e praticità!

Ecco quindi che nel 1821 James Chesterman (1795-1867) registrò un brevetto per la sua invenzione: un metro che si arrotolava automaticamente grazie ad un meccanismo a molla.

L’anno precedente si era trasferito da Londra a Chesterfield dove, dopo aver ottenuto il brevetto, fondò la Chesterman Steel Company, che divenne sinonimo di strumenti di alta qualità per la misurazione e iniziò ad esportare negli Stati Uniti.

Il primo metro tascabile fu messo in commercio nel 1842: inizialmente era in a striscia in tessuto rinforzata da filo metallico.

In seguito scaldando e unendo tra loro lunghe file di acciaio creò un nastro che poteva essere contenuto in una custodia di pelle.

Una volta srotolato dalla custodia il nastro restava rigido e poteva rimanere disteso senza subire modifiche.

Il nastro aveva una giunzione ogni 6mt e in gancetto iniziale che si ripiegava nella custodia.

La rivista Scientific American, nel 1869, scrisse un’ottima recensione su questo metro, lodandone l’unicità, la precisione nella misurazione, l’essenzialità e la possibilità di essere portato ovunque.

Oggi il metro tascabile esiste in varie metrature con all’estremità anelli, occhielli, filo di piombo o ganci pieghevoli.

2 – METRO PIEGHEVOLE

metro piegnevole

Non si sa con esattezza quando è stato inventato e da chi, di certo è che ci sono degli esemplari che risalgono a partire della prima metà del XIX secolo.

La caratteristica principale è di facile da trasportare.

Ne esistevano di diverse misure: da 43 cm a 268 cm.

I metri di precisione venivano prodotti in metallo, ma essendo caro, difficile da lavorare e pesante, prima dell’introduzione della plastica i righelli erano prodotti in legno o avorio.

L’avorio, comodo per il suo sfondo bianco sul quale si vedeva bene il nero delle misure era usato però come seconda scelta: esteticamente bello, ma poco pratico visto che patisce l’umidità.

Per fare quelli di legno solitamente si usava il legno di bosso, essenza decisamente durevole che non s’ dilata né si contrae con l’umidità.

Le cerniere e i profili per i righelli in legno erano di ottone, mentre per quelli in avorio erano di argento tedesco (una lega di argento e nickel).

Queste cerniere dovevano essere strutturate in maniera perfetta affinché il metro stesse aperto e non cedesse.

Inizialmente graduati a mano, prendendo a modello la scala graduata e la lama calibrata, incidendo i numeri e i vari segni. Questi solchi successivamente vennero riempiti con nerofumo e strofinati con olio di semi di lino.

3 – FORBICI

Elementi di design: forbici

Questo oggetto esiste, sotto forma di cesoie, almeno dal XIV a.C.  e come forbici dal primo secolo d.C.

In tutto questo tempo ovviamente il suo design è cambiato infinite volte, dalle punte, allo spessore delle lame, ovviamente ai manici.

Le forbici casalinghe, dal designer sconosciuto, hanno la punta smussata che da chiusa protegge la lama affilata, mentre da aperta la lama appuntita può penetrare facilmente nel materiale da tagliare.

Il percorso che portò alla produzione industriale delle forbici iniziò con l’invenzione dell’acciaio in Inghilterra, intorno al XVIII secolo.

Questo avvenne in particolare a Sheffield  che era già un polo importante di produzione di coltelleria dal XIII secolo (ne parla Chaucer  nei “Racconti di Canterbury”).

La produzione di forbici (e coltelli) crebbe molto con  l’invenzione da parte di Henry Bessemer nel 1856 del convertitore Bessemer: una fornace in grado di produrre 30 tonnellate di acciaio in mezz’ora.

Sheffield poté così fare fronte alla crescente richiesta che arrivava dall’America.

Il convertitore di Bessemer è stato usato in tutto il mondo per lungo periodo, ma ad oggi ne rimangono 3, uno dei quali è esposto nel Kelham Island Museum di Sheffield.

Sheffield, acnora oggi è un importante centro manifatturiero e aziende come la William Whiteley & Sons producono forbici dal 1760, tramandando quest’attività da più di sette generazioni.

4 – LA GRAFFETTA

Elementi di design: graffetta

Alle volte le idee più semplici sono le migliori! Tecnologia pari a zero, utilità infinita!

Le graffette odierne sono state affinate alle dimensioni ottimali per provvedere all’esatta tensione richiesta tra solidità e flessibilità.

La perfezione con cui questo filo d’acciaio è ripiegato e la sua perfetta flessibilità ha dell’incredibile eppure… chi di noi non l’ha srotolata almeno una volta???

L’inventore della graffetta è il norvegese Johan Vaaler (1866-1910) che la sviluppò nel 1899,  anche se depositò il brevetto successivamente in Germania perché la Norvegia non aveva leggi in merito.

Ad onore di cronaca nel 1900 L’americano Cornelius I. Brosnan aveva depositato un brevetto per la propria graffetta, il Konaclip.

Comunque fu l’azienda inglese Gem Manufactoring a disegnare a prima graffetta a doppio ovale che usiamo ancora oggi.

Si diversifica dall’originale di Vaaler per via del doppio ovale che protegge maggiormente la carta da possibili graffi.

In seguito sono nati altri design come le graffette antiscivolo o quelli più grandi per raccogliere più fogli.

Curiosità: Durante la seconda guerra mondiale fu proibito ai norvegesi di indossare qualsiasi tipo di spilla che ricordasse il loro re… allora loro iniziarono ad indossare le graffette come spille!

5 – MOLLA FERMA CARTE

Elementi di design: molletta fermacarte

Inventata da Louis E. Baltzley (1895 -1946) nel 1911, ha un design davvero semplice ed originale che, come la graffetta, serve a tenere insieme più foglio non rilegati… o, perché no a chiudere i pacchi di pasta o biscotti!

Rispetto alla graffetta riesce a tenere insieme più fogli!

Baltzley, nato a Washington DC è, diciamo così, un figlio d’arte: padre e zio infatti avevano registrato una decina di brevetti e il nonno Elias Howe ha inventato la prima macchina da cucire.

Il padre, Edwin Baltzley era anche uno scrittore e necessitava di un modo semplice per tenere insieme le pagine dei suoi scritti evitando il sistema dell’epoca: bucare a margine i fogli e cucirli!

Sistema indubbiamente perfetto per tenere insieme i fogli, ma scomodo in caso di aggiunta o di rimozione di alcune pagine!

Ecco quindi che Louis prese ispirazione da questo fatto e trovò la soluzione.

La molla consiste in una base nera sagomata a forma di triangolo a cui sono attaccate due stanghette mobili di metallo inserite a cerniera.

Le stanghette possono essere piegate all’indietro per esercitare pressione sulla base e aprirla.

Poi possono rimanere così oppure essere ripiegate in avanti per occupare meno spazio.

La felice combinazione di volume cavo della base e stanghette leva regolabili sono state la fortuna di questo strumento davvero utile e versatile.

Inizialmente Baltzley produsse il fermaglio nella sua stessa azienda, la LEB Manufacturing e in seguito concesse la licenza anche ad altri produttori.

Curiosità: lo stesso Baltzley revisionò per ben 58 volte la sua invenzione tra il 1915 e il 1932, e nel 1934 aveva già altri 20 brevetti per oggetti da lui inventati!

 

Spero che tu abbia trovato questo articolo sulla storia degli elementi di design di uso quotidiano interessante, nel caso fammelo sapere nei commenti!

Se hai bisogno di una consulenza non esitare a contattarmi!

Arredando casa è davvero comune commettere alcuni errori, che rischiano di non darti il risultato sperato!

Oggi vorrei parlare di 7 errori che spesso si fanno.

Mi raccomando di non preoccuparti se hai commesso uno o più di questi errori, è normale, lo abbiamo fatto tutti… ora però che lo sai puoi sistemare il tutto!

1 – COMPRARE I MOBILI COORDINATI

Spessissimo capita di comprare mobili coordinati per la camera da letto soprattutto, ma anche per soggiorno e sala da pranzo, questo perché è la soluzione più facile!

Dov’è l’errore?

Se compri tutto in coordinato la stanza risulterà monotona e molto difficilmente riuscirà a rappresentare appieno la tua personalità!

Con i mobili coordinati tutto sarà perfetto, ma anche tutto piatto, perché ti perderai la possibilità di giocare con i contrasti (sia di forme che di materiali e colori).

Il contrasto è uno dei 6 concetti base dell’interior design (ne parlo qui)

Giocare di contrasto con elementi differenti renderà l’ambiente decisamente più dinamico e piacevole.

Questo contrasto, inoltre ti permetterà, come detto prima di esprimere al meglio la tua personalità, con elementi che ti possano rappresentare davvero!

Come fare se a casa hai mobili coordinati?

Dove puoi sposta elementi similari, magari in altre stanze, scambiando con elementi cha abbiano altre forme, materiale o colori.

Prova a giocare coi mobili e complementi di casa tua, usa la fantasia, vedrai che già così otterrai un ottimo risultato.

Se non è una cosa facile da farsi comincia a cambiare gli elementi più piccoli come le sedie o cambiare una poltrona con una poltroncina diversa…

(credits: Mondo convenienza; Dekoluce)

(credits: mobilisparaco; westwingnow)

2 – APPENDERE IL BASTONE DELLE TENDE AD ALTEZZE DIVERSE

Capita spesso che, se nella stanza ci sono finestre e porte finestre di grandezze diverse, i bastoni siano appesi ad altezze diverse.

Questo è un errore da evitare assolutamente perché crea confusione!

Il bastone andrebbe SEMPRE posizionato il più vicino possibile al soffitto, ma se questo fosse davvero molto alto, quanto meno alla stessa altezza.

Questo renderà la stanza più lineare, elegante e armoniosa.

3 – UTILIZZO DI QUADRI “GENERICI”

Un altro tra gli errori comuni che si fanno arredando casa è usare quadri generici prodotti in serie…

Usare questo tipo di immagini o seguire la moda dei quadri con le scritte non apporta originalità ai tuoi ambienti e non raccontano chi sei!

Se è vero che un quadro d’autore ha dei costi che non sempre ci si può permettere, è altrettanto vero che si può essere creativi.

È importante scegliere pezzi che sembrano fatti per te, che in qualche modo dicano chi sei e ti rappresentino.

Quadri dalle forme astratte possono essere la soluzione giusta.

Mi raccomando di usare le cornici, perché rendono i quadri più eleganti e lussuosi.

Naturalmente puoi pensare di creare tu stesso/a i tuoi quadri, magari dipingendo o usando stoffe… sii creativo e non aver paura di osare.

L’unica accortezza sarà l’utilizzo dei colori che dovranno riprendere la tua palette!

(credits:bimago; agavequadri)

(credits: ladecodepauletlola; aliexpress)

4 – ABBINARE I COLORI IN MANIERA SCORRETTA

A proposito di colori, un altro errore è quello di non abbinare correttamente i colori.

Capita spesso infatti che si comprino cose senza pensare a come il suo colore impatterà con gli altri presenti nella casa.

È quindi molto importante creare una palette colori e per questo ti suggerisco di vedere il video in cui ne parlo.

Poi identifica il colore principale, quello secondario e il colore accento, e tieni sempre a mente questo quando compri qualcosa di nuovo.

Per i corretti abbinamenti dei colori è importante usare la ruota del colore, con questa non sbaglierai mai e creerai abbinamenti armoniosi (parlo di questo qui).

(credits: zinovatnaya.com; Fabmood.com)

5 – ESAGERARE CON LE PIANTE

Le piante sono importanti, perché ci riportano alla natura, apportano colore e trame… ma bisogna fare attenzione a come e quante se ne mettono.

Le piante sono un po’ come un quadro, vanno usate in modo corretto.

Se scelte bene nella forma e nelle dimensioni, sono davvero un ottimo alleato per arredare.

Se hai soffitti alti, per esempio, enfatizza questo elemento con piante grandi!

Come ogni elemento decorativo, la pianta deve essere piacevole da vedere, quindi mantienile curate e sane.

Naturalmente mettile in vasi che si sposino con lo stile che hai scelto per casa tua.

(credits: @PicGreen; harlowejames.com)

6 – TROPPI CUSCINI

Lo stesso discorso vale per i cuscini decorativi: sono belli, apportano colori e trame, ma se sono troppi riempiono e creano disordine.

Pochi cuscini, di dimensioni e fantasie diverse aiuteranno a decorare in maniera elegante e a dare un po’ di ritmo.

Cuscini dal colore similare ma di materiale differente, oppure un trio con un cuscino dalla tinta unita, uno fantasioso e uno geometrico apporteranno un po’ di contrasto senza appesantire.

(credits: lifeoncedarlane.com; Becca Booker)

7 – FOTO DI FAMIGLIA

Le foto di famiglia e dei ricordi dei bei momenti sono un elemento sempre presente nelle nostre case e guai al mondo non ci fossero!

L’errore c’è quando si esagera, mettendo foto dappertutto!

Cerca quindi uno o due posti dove mettere queste foto e fai in modo che abbiano qualcosa in comune.

Usa per esempio la stessa tipologia di cornici e metti vicine foto dalle tinte similari.

Per un aspetto davvero elegante e uniforme potresti usare foto in bianco e nero.

Per dare un po’ di ritmo alterna foto di persone a paesaggi, sempre mantenendo i punti in comune.

Per non bucherellare i muri, in caso di photo gallery, crea la tua composizione prima a terra e aiutati con pezzi di carta… ne parlo in dettaglio qui.

(credits: casavogue.globo.com; laurenevansinteriors.com)

(credits: hgtv; transformingrooms.com)

 

Spero che questo articolo sugli errori che si fanno arredando ti sia stato utile e ti sia piaciuto nel caso fammelo sapere con un commento.

Se vorrai condividerlo con qualcuno a cui pensi possa interessare ne sarò onorata!

Se hai bisogno di una mano per casa tua non esitare a contattarmi!!

Eccoci arrivati alla primavera… è ora di sistemare i nostri spazi all’aperto e rendere anche un balconcino piacevole e funzionale.

La pandemia, nostro malgrado, ci ha insegnato l’importanza di utilizzare al massimo ogni spazio all’aperto possibile.

L’anno scorso scrissi un articolo su come fare per chi avesse un balcone lungo e stretto (qui versione video), oggi vorrei integrare parlando di mini balconcini.

Il balconcino, come ogni ambiente della casa, ti deve rappresentare, deve essere gradevole passarci del tempo…

– FINALITÀ

Per rendere piacevole e funzionale un balconcino, la prima cosa da fare è capire come lo vuoi usare: per rilassarti? Per mangiare?

Quando il balcone è lungo è possibile dividerlo in più zone, ma se il balcone è davvero piccolino si potrà adibire ad una sola funzione…

Come scegliere?

Diciamo che la posizione del balconcino rispetto agli interni potrebbe essere d’aiuto:

– vicino alla cucina potrebbe essere adibito a spazio per mangiare o alla coltivazione delle piante aromatiche;

– adiacente al soggiorno potrebbe essere arredato come zona relax;

– accanto ad una camera da letto potrebbe diventare un angolo rifugio!

Ovviamente tutto dipende dalle tue abitudini e da ciò che senti di avere più bisogno.

(credits: themoodpalette; Nadine De; myparadissi.com)

– ATTENZIONE ALLE DIMENSIONI

Anche il balconcino, per essere funzionale e piacevole, deve essere arredato con mobili che siano proporzionati con lo spazio!

Prendi quindi bene le misure per comprare complementi che possano permettere una facile fruizione dello spazio.

Per quanto piccolo possa essere il balcone deve essere sempre accessibile!

(credits: bekleidet.net; trendencias.com)

 

– ARREDI

La scelta degli arredi dipenderà in primo luogo dalla finalità che hai deciso di dare al tuo balconcino.

In caso di zona relax potresti optare per delle poltroncine o un divanetto; in caso tu preveda di mangiare, un tavolino e due sedie saranno la scelta obbligata.

In caso di dimensioni davvero ridotte mobili multifunzionali e/o pieghevoli sono senza dubbio da preferirsi.

Esistono anche degli elementi che si possono appendere alla ringhiera.

Se il balconcino è davvero minimo potresti decidere di mettere semplicemente un cuscinone a terra!

(credits: decoradeas.com; decostore)

– PARETI E RINGHIERE

Terresti mai una camera con un muro scrostato? Non credo! Allora mi raccomando di fare attenzione anche alla ringhiera!

Lo so che è un po’ noioso dipingere una ringhiera, ma per un balconcino piacevole anche questo aspetto è importante!

Naturalmente, va curata anche la o le pareti (nel caso che ne hai anche di laterali): se non le puoi tinteggiare, ricoprile, magari con piante rampicanti o elementi a parete.

(credits: atelierdozero.com; @smyk_w_kuchni_blog)

– PAVIMENTAZIONE

È un aspetto a cui spesso non si fa troppo caso, ma anche questo è un particolare che influisce sul risultato finale.

Valuta attentamente la pavimentazione del tuo balconcino per capire se lasciarlo così, se modificarlo, o semplicemente nasconderlo.

Se non fosse così piacevole alla vista e non ha voglia di opere murarie per cambiare le piastrelle, hai almeno 2 opzioni:

– un tappeto da esterno

– oppure, se, in caso di persiane, lo spazio lo consente, piastrelle da esterno componibili, da appoggiare a quello esistente (massima resa minima spesa!).

(credits: gordmans.com; fantasticfrank.se)

– PIANTE

Per quanto piccolo sia il balconcino un po’ di vegetazione NON può mancare!

Le piante ci fanno sentire più vicini alla natura e sono davvero un toccasana perché hanno proprietà rilassanti.

Il quantitativo ovviamente dipenderà dallo spazio a disposizione, ricordandosi però dell’utilizzo delle fioriere appese alla ringhiera e di sfruttare le altezze delle pareti!

Per quanto riguarda la tipologia, prima di tutto dipenderà dall’esposizione al sole e alle intemperie, poi, naturalmente allo stile che vuoi dare al tuo balconcino.

(credits: blackhaus.co; architeworks.com)

– DECORA

Per rendere davvero piacevole il balconcino, ricordati di decorarlo, come faresti in casa!

Quindi metti qualche cuscino colorato e qualche coperta sulle sedute… darai così un tocco di stile al tuo balcone.

Per non dovere ritirare sempre tutto cerca complementi che abbiano tessuti specifici per l’esterno, saranno più facili da curare.

(credits: westwingnow.it; Dalila Dawid)

– ILLUMINA

In primavera e soprattutto in estate è facile che il balconcino venga usato anche e soprattutto di sera, per prendere un po’ di fresco, per questo motivo è molto importante che ci sia una buona illuminazione!

Non accontentarti della classica luce a parete o soffitto, prendi fili con lampadine e spargile in giro per il balcone!

Puoi avvolgerle alla ringhiera o appenderle da una estremità all’altra della parete.

Un buon confort visivo renderà più funzionale e piacevole il balconcino!

Esistono anche lampade a batteria che potresti appendere o appoggiare a terra… sono di tendenza e davvero molto decorative.

(credits: LauraPollon8; marzena.marideko)

 

Spero che questo articolo su come rendere un balconcino piacevole e funzionale ti sia stato utile, nel caso fammelo sapere nei commenti!

Se poi vorrai condividere l’articolo con qualcuno a cui pensi possa interessare l’argomento ne sarò onorata!

Se invece vuoi una consulenza, non esitare a contattarmi!

Dividere una stanza grande senza muri è possibile, oggi vediamo come si può fare.

Se hai la fortuna di avere una casa con ambienti tanto grandi da poter creare due o più zone con funzioni diverse è possibile che tu voglia fare in modo che queste due zone siano in qualche modo separate, ma senza opere murarie!

Oggi voglio proporti almeno 7 possibili modi per dividere una stanza senza muri.

1 – OTTICAMENTE CON I COLORI

Ormai me lo hai sentito dire innumerevoli il colore ha una valenza psicologica molto forte e, oltre a provocare emozioni diverse è un ottimo alleato anche per cambiare la percezione degli ambienti.

Usare quindi 2 colori diversi alle pareti aiuterà a ingannare la mente e dividere otticamente le 2 zone con funzioni diverse.

Questa soluzione è fantastica quando hai l’entrata che da direttamente sul soggiorno oppure l’angolo studio in camera o in sala!

dividere col colore

(Credits: rolig.design; Castorama)

2 – PARAVENTI

Può sembrare quasi banale, ma in effetti i paraventi nascono proprio per schermare, quindi sono un ottima soluzione per dividere due zone!

Tra l’altro sono facilmente spostabili e removibili a seconda delle esigenze.

Ne esistono di varie altezze e materiali.

dividere-col-paravento

(Credits: wayfair.com; urbanoutfitters.com)

3 – DIVISORI A TUTT’ALTEZZA

Un modo per schermare, senza però chiudere del tutto è quello di usare dei divisori a tutt’altezza, ce ne sono di vari tipi:

– Listelli verticali

I più usati sono i listelli verticali in legno, ma ci sono anche di altri materiali come il metallo o addirittura la corda!

Sono posizionati in modo da avere la stessa distanza tra un listello e l’altro. Questa distanza varierà a seconda di quanto vuoi schermare.

Anche lo spessore dei vari listelli dipenderà dallo spazio a disposizione.

dividere con listelli veritcali

(Credits: Marcelo Rosenbaum; lirazbdesign.co.il; diymotive.com)

È possibile ricavare delle “nicchie” inserendo all’interno della struttura delle forme geometriche.

Queste possono creare gioco oltre che ripiani per mostrare libri, oggetti o piante.

(Credits: Hufft Projects; httpslakbermagazin.hu)

Se il tutt’altezza non ti piace o se hai bisogno di appoggiare qualche mobile potresti decidere di fare un muretto basso in cartongesso su cui poi sormontare questi listelli.

(Credits: lairdubois.fr; adelinebellot.com)

Le barre verticali te sembrano “noiose” e rigide? beh puoi pensare a strutture più movimentate magari incrociando i listelli!

(Credits: Inara Medeiros Arquitetura; caandesign.com)

– Rami

Se ami la natura la soluzione dei rami potrebbe piacerti!

Ovviamente si parla di rami abbastanza grossi!

L’originalità di questo modo di dividere è che perdi completamente la “rigidità” dei listelli perché non avrai mai un ramo uguale all’altro!

(Credits: bauhaus.info; Karisma)

– Pannelli

È anche possibile creare dei pannelli veri e propri con le fantasie più disparate, pattern, forme geometriche o organiche.

Su Amazon trovi anche dei moduli componibili per creare pannelli unici e originali, ma soprattutto funzionali alle tue necessità.

(Credits: @thelocalproject; dekostile.com)

Puoi anche creare dei pannelli con delle piante: si tratta di verde stabilizzato che non necessita di cure.

Hanno proprietà acustiche fantastiche, apportano in casa la natura, che sappiamo è un fattore rilassante.

(Credits: bynaturedesign.ca; makehomeeasier.pl)

I pannelli possono anche essere realizzati in tessuto, magari con la tecnica del macramè se ti piace l’idea.

O ancora in feltro di lana, che oltre tutto hanno un ottima proprietà acustica!

(Credits: @windychien; plectere.nl)

Questo ultimo l’ho scoperto da poco, proprio ricercando divisori particolari… e imbattendomi in un’azienda olandese che fa questi divisori originalissimi.

Naturalmente puoi pensare, perché no, di dividere con una tenda!

La potrai anche aprire o chiudere a seconda delle esigenze.

(Credits: Vicente Wolf; thegreenmadhouse.com)

4 – PIANTE

Perché non usare piante?!

Più piante alte una vicina all’altra possono fare da divisorio.

Puoi anche pensare di metterle in grandi vasi colorati per apportare movimento e colore.

Consiglio sempre le piante vere, naturalmente, ma ci sono anche belle soluzioni con piante artficiali.

(Credits: Tosize; na-dache.pro)

5 – MOBILI BIFACCIALI

I mobili bifacciali sono un altro ottimo modo per dividere in due una stanza, e sono davvero l’ideale quando gli ambienti sono piccoli, perché sono elementi in più per riporre.

Come per i divisori a tutt’altezza esistono diversi tipi di mobili bifacciali.

– Librerie a giorno

Sono librerie che, essendo sprovviste del pannello di fondo, permettono alla luce e allo sguardo di andare oltre!

È possibile avere anche librerie a giorno che abbia delle parti chiuse, questo aumenta l’effetto schermatura e consente di riporre cose che magari non sono bellissime lasciate a vista.

(Credits: Humber & Poyet; Papperrom)

– Armadiatura

Per separare una stanza si possono usare anche gli armadi, più o meno alti e grandi.

È facile che l’armadio non sia bifacciale in realtà, quindi bisognerà rifinire il retro o creare un’apposita nicchia, per accogliere l’armadio.

(Credits: dm-line.be; @Lushome)

– Camino

Questa soluzione è più invasiva, perché richiede la realizzazione di una struttura almeno in cartongesso, ma il vano del camino aperto da ambo i lati apporterà un tocco di eleganza e di calore.

(Credits: archiexpo)

6 – VETRATE

Il vetro è un ottimo alleato per dividere una stanza in due:

– non soffoca e lascia passare a luce, come se non ci fosse nulla

– permette di dividere effettivamente la stanza in due isolando odori e suoni (ideale soprattutto per dividere un open-space cucina e soggiorno).

L’apertura di questo “muro” di vetro potrebbe essere scorrevole o a battente a seconda dello spazio a disposizione.

(Credits: Marie Claire Maison; Fj Interior Design)

Non è poi obbligatorio usare la vetrata come un muro intero, potresti decidere di tare un più semplice pannello o sormontare un muretto basso fatto in cartongesso!

(Credits: Transition Interior Design; zhuanlan.zhihu)

7 – PARETI MANOVRABILI

Probabilmente ti sarà capitato di partecipare a qualche convegno e potresti aver notato che alcune sale possono essere ingrandite o rimpicciolite a seconda della capienza necessaria.

Questo è fattibile grazie a delle pareti manovrabili che se chiuse fanno da muro vero e proprie, ma se aperte impacchettano i vari pannelli ai lati.

Alcune aziende realizzano pareti con questo sistema anche per le case.

Queste pareti possono essere più o meno trasparenti a seconda delle tue esigenze.

(Credits: dalitlilienthal.com)

Come vedi i modi per dividere una stanza senza muri sono davvero tanti, qual è il tuo preferito?

Spero che questo articolo ti sia stato utile e ti sia piaciuto, nel caso fammelo sapere nei commenti!

Se poi hai bisogno di una mano e vuoi una consulenza, non esitare a contattarmi!

Riuscire a creare la casa dei propri sogni, è ciò che tutti noi vorremmo fare, ma non è sempre facile.

Se sei in procinto di mettere su casa è possibile che tu sia eccitato/a ma allo stesso tempo spaventato/a di non ottenere il risultato che vorresti.

Eccoti allora 8 step da seguire per poter creare ambienti armoniosi, accoglienti che riflettano la tua personalità!

1 – PENSA ALLA FUNZIONE CHE VUOI DARE A QUEL DETERMINATO SPAZIO

Per creare la casa dei propri sogni la prima cosa da fare è pensare alla funzione che vuoi dare ad ogni stanza.

Attenzione a non sottovalutare questo aspetto minimizzando con semplici:

– camera per dormire

– salotto per il relax e la tv

– cucina per mangiare

eccetera…

Certo queste sono le funzioni ovvie, ma entra nel dettaglio di come vuoi vivere in ogni ambiente e delle sensazioni che vuoi provare.

Questo quindi include capire cosa fai e come ti muovi in ogni spazio e i tuoi bisogni specifici.

Per esempio, dicevamo che il salotto serve per il relax ed eventualmente la tv (in effetti non tutti ce l’hanno), però devi anche capire se sei una persona che ama ricevere ospiti o meno perché la progettazione sarà diversa!

(credits: Minimalist Living Room Decor Ideas; sabinainteriors.com)

La camera da letto è ovvio che serva per dormire, ma per esempio i comodini verranno scelti in base a come li usi:

– hai bisogno di cassetti per riporre qualcosa?

– ti basta una mensola per appoggiare la sveglia e magari un libro se leggi?

(credits: studio-mcgee.com; @once.upon.a.home)

Questi sono tutti piccoli dettagli a cui spesso non si fa troppo caso, ma che poi cambiano l’aspetto della casa e la rendono più  o meno funzionale per il proprio modo di vivere.

Quindi prima cerca di capire come userai un determinato spazio e dopo tutti i mobili e i complementi che ti servono e che siano funzionali al tuo stile di vita!

2 – FATTI ISPIRARE

Trovi ispirazioni ovunque, dalle riviste a internet in particolare, lo sappiamo, su Pinterest.

Creati cartelle per ogni stanza mettendo dentro TUTTO quello che ti ispira.

Ricordo che lasciarsi ispirare NON vuol dire copiare… quello sarebbe davvero deleterio (ne parlo qui)!

Non preoccuparti subito se le cose che ti piacciono sono anche molto diverse tra loro, è abbastanza normale e comune, d’altronde lo abbiamo detto più volte difficile che uno stile solo ti possa rappresentare.

E, per creare la casa di propri sogni, questa deve rappresentare la tua personalità unica, solo così ti sentirai davvero sempre a tuo agio.

Una volta che hai le tue immagini esaminale e guarda cosa hanno in comune anche quelle che ti sembrano opposte: potrebbe essere il colore, oppure i materiali, i pattern…

Questi punti in comune ti permetteranno di mixare vari stili mantenendo spazi armoniosi e coesi.

 3 – COLOR PALETTE

La scelta dei colori da utilizzare nei vai ambienti è davvero importante per creare la casa dei propri sogni.

Il colore, ormai lo sai già ha una forte valenza psicologica e sarà quello che darà l’atmosfera ai vari ambienti.

Neutri, colori vivi e accasi, caldi o freddi cambiano completamente la percezione della stanza.

Anche qui puoi inspirarti cercando palette colori su internet, ma se vuoi qui spiego per filo e per segno come crearne una e qui come scegliere i colori neutri giusti!

Anche per i colori come per gli stili, è facile che ti piacciano colori che ti sembrano molto diversi qui spiego come fare degli abbinamenti.

L’ideale è avere una palette comune per tutta la casa, ma se vuoi creare atmosfere un po’ diverse e creare un po’ di ritmo puoi giocare con i colori della tua palette in maniera differente in ogni stanza!

4 – PRENDI LE MISURE

A questo punto passiamo a cose più pratiche e prendiamo le misure della stanza.

Larghezza, profondità e altezza, ma anche ingombri come le finestre e le porte!

Disegnalo in scala su un foglio o su un programma che puoi trovare anche on line, ce ne sono di semplici e gratuiti come per esempio sketchup.

5 – POSIZIONA I MOBILI

A questo punto puoi cominciare ad arredare disegnando, sempre in scala, i mobili che ritieni indispensabili!

Non avere paura di osare: sistema i mobili come ritieni più opportuno, puoi anche creare più opzioni (facendo più piantine oppure, se disegni su carta, disegnando e ritagliando i vari mobili in modo da spostarli come meglio ritieni sulla piantina).

Prendere bene le misure ti permetterà, di poter capire la giusta grandezza dei mobili affinché siano proporzionati con lo spazio.

Gioca con la piantina e i mobili finché la soluzione non ti soddisfa appieno e soprattutto sia funzionale con il tuo modo di vivere la casa.

(credits: Fred Gonsowsky)

Una volta fatto questo fai una lista dei mobili necessari e delle misure di ogni pezzo, questo ti aiuterà a rimanere centrato/a sulle cose indispensabili.

6 – CREATI UNA MOODBOARD

Ci siamo, ora ti sei fatto/a un’idea di che mobili vuoi in ogni stanza e della loro grandezza e hai la tua color palette, è ora di creare una moodboard.

Una moodboard ti serve per mettere insieme le idee e vedere come i vari elementi stanno insieme.

Ti da un’idea generale di quello che sarà il risultato finale perché ti permette di visualizzare l’insieme e capire se tutto è armonioso o meno.

Cerca immagini dei vari mobili che vuoi acquistare e mettili vicino.

A volte può capitare che gli elementi che hai scelto stanno bene vicini per forma e grandezze, ma i colori no.

Basterà quindi cambiare il colore dell’elemento che stona e voilà!

Ci sono vari modi di creare una mooboard, qui lo spiego (qui versione video).

Come per la piantina, gioca con le varie immagini finché non sentirai che tutto ti rappresenta nel profondo.

7 – ACQUISTA

A questo punto, con piantina, moodboard e la tua lista in mano puoi andare alla ricerca degli elementi necessari per arredare ogni ambiente.

Aver preso bene le misure della stanza e, quindi, aver capito la corretta grandezza dei vari mobili e complementi farà davvero la differenza nel creare la casa dei propri sogni!

Se vai nei negozi senza avere idee chiare in questo senso, il rischio è di perderti tra le miriadi di accattivanti proposte con il rischio poi di prendere qualcosa di troppo grande o troppo piccolo.

La mooadboard, invece, ti sarà d’aiuto per i colori, i materiali e le forme.

8 – DECORA CON GLI ACCESSORI

Una volta che hai i mobili principali è ora di dare il tocco finale con accessori decorativi come quadri, vasi e cuscini.

Questi elementi sono importanti per esprimere la tua personalità fino in fondo.

Grazie agli accessori, inoltre puoi apportare, trame e colori differenti.

Ricordati, anche per questi, della tua palette colori e, perché no, aggiungili alla tua moodboard per mantenere l’armonia.

Cerca pezzi che davvero parlano di te!

(credits: etsy.com; H&M home)

 

Spero che questo articolo su come creare la casa dei propri sogni ti sia stato utile, nel caso fammelo sapere nei commenti!

Se ritieni che possa essere di interesse per qualcuno non esitare a condividerlo, ne sarò onorata e mi aiuterà a farmi conoscere!

Se poi hai comunque dei dubbi e vorresti una consulenza non esitare a contattarmi!!

Oggi mi piacerebbe parlare con te di uno stile particolare molto popolare negli ultimi tempi: il Wabi-Sabi.

Non mi sono mai soffermata su uno stile solo, perché sono estremamente convinta che difficilmente uno stile solo possa rappresentare a pieno una personalità!

Ho parlato dei maggiori stili (qui in versione articolo e qui in versione video), perché è giusto conoscerli, ma in generale senza mai andare nel dettaglio e questo per evitare che ci si possa “concentrare” su uno stile solo.

Il rischio, in quel caso, è di copiarlo e imitarlo, ma sappiamo che poi si rischia di finire come quando si copia dalle immagini che si trovano sulle riviste o su internet: una casa bella ma che non ci rappresenta fino in fondo (qui l’articolo e qui il video in cui ne parlo).

Oggi faccio una piccola eccezione con questo stile, il Wabi-Sabi, perché la sua filosofia, è davvero qualcosa di unico!

Dimenticati delle case da copertina il Wabi-Sabi è un vero e proprio modo di vivere, che incoraggia a provare, sperimentare le cose, esattamente per come sono, senza giudizio!

Wabi-Sabi è una filosofia giapponese che ci dice che bellezza e gratitudine arrivano da dentro, dal nostro essere profondo e dall’accettazione delle cose imperfette che invecchiano, della natura e dai semplici piaceri della vita.

Possiamo riassumerlo nell’accettare e non giudicare e nel capire che la perfezione non esiste!

La trovo una splendida filosofia, soprattutto in questo mondo in cui si va di corsa sempre alla ricerca sfrenata di una perfezione, che lo abbiamo capito non arriverà mai!

Come trasformare questa filosofia di vita in uno stile per la casa?

Vediamo insieme i principi di questo stile:

1 – RIORDINARE

Se ti interessa lo stile Wabi-Sabi la prima cosa da fare è riordinare gli spazi, eliminando il superfluo.

Bisogna focalizzarsi solo sulle cose che sono funzionali per la vita di tutti i giorni o veramente significativi!

Il trucco è di bilanciare correttamente bellezza e utilità!

È facile infatti che si abbiano tanti oggetti di cui non si ha necessità e che non si usano… vanno eliminati, lascia andare le cose non indispensabili che appesantiscono gli spazi e la tua energia!

Sii spietato/a nel liberarti di ciò che non serve e di concentrarti solo su ciò di cui hai bisogno davvero!

Come per lo stile minimalista “less is more” è una regola davvero fondamentale per il Wabi-Sabi!

Spazi puliti e ordinati sono essenziali per una casa serena e rilassante!

(credit: usa.armadillo-co.com; yanaprydalna.com)

2 – COLOR PALETTE

Il wabi-Sabi si rifà ai colori della natura!

L’obiettivo di questa scelta è di trasformare gli spazi in atmosfere serene e armoniose, che focalizzandosi su natura e calore.

I colori principali sono quindi i neutri, soprattutto i neutri caldi: beige, marroni, grigi caldi, verde salvia e colori pastelli tenui naturali.

Sono i colori che vedi quando vai in montagna, al mare o al lago… tutti i colori che vedi in natura sono perfetti per questo stile.

(credit: amaricreative.com)

(credit: mcusercontent.com; @myscandinavianhome)

3 – LUCE NATURALE

Questo stile, più di altri, richiede quanta più luce naturale possibile!

La luce naturale è davvero importante per il nostro benessere, perché in qualche modo ci riporta a madre natura, aiuta il nostro sistema immunitario e ci fa sentire, in qualche modo, meno isolati!

La luce naturale apporta un’importante energia sia per il corpo che per la mente!

Il modo in cui si muove e cambia la sua temperatura colore durante il giorno ha una potenza incredibile sul nostro modo di percepire l’ambiente.

Quindi lascia entrare la luce dalle finestre il più possibile evitando di coprirle! Se necessiti privacy usa tende molto filtranti in modo da fare comunque passare i raggi del sole!

(credit: @jessicamenda; @reactarchitects)

4 – PORTA LA NATURA IN CASA

Se abiti in città è possibile che le tue finestre non diano su uno splendido giardino, ma puoi portare comunque la natura in casa.

Potresti mettere dei rami fioriti in un grande vaso, meglio ancora se questo presenta imperfezioni!

Non è obbligatorio avere un grande e costosissimo mazzo di fiori freschi, basta anche una grande foglia in vaso…

La filosofia del Wabi-Sabi, lo ricordiamo, è “trova bellezza nelle cose comune e semplici!”… e la natura ha davvero una enorme varietà di bellezza…

(credit: John coolidge; eye-swoon.com)

5 – MATERIALI GREZZI

Non devi avere le tende o tovaglie perfettamente stirate, così come non sei costretta ad avere il tuo letto rifatto alla perfezione, al contrario lascia che i materiali si vedano per quello che sono e goditeli!

Usa materiali naturali come cotone e lino, in colori neutri e lascia che questi materiali si vedano.

Un letto sistemato un po’ “ a caso”, ma con questi materiali, magari un po’ grezzi, e colori, trasmettono calore, calma e relax.

Materiali grezzi danno davvero un senso di natura, soprattutto se fatti a mano.

Tappeti, tessili, ceramiche ed elementi che siano irregolari e grezzi sono davvero il must have in questo stile!

(credit: kaylagex.com; teawithruby.co.uk)

6 – ASIMMETRIA

Lo abbiamo detto: qui non si punta alla perfezione, e cercare di controllare l’equilibrio della simmetria potrebbe essere stressante!

Il Wabi-Sabi, per questo motivo preferisce l’equilibrio asimmetrico!

Quindi metti i mobili in maniera da poterti sentire sempre a tuo agio, senza seguire regole specifiche!

Segui solo quello che ti fa sentire bene nei tuoi spazi senza complicarti la vita cercando la perfezione!

(credit: Natalya Bespalova; byggimpuls.com)

7 – MOBILI

Il Wabi-Sabi celebra gli artigiani, ama i vecchi legni e il cotone e lino grezzo, bisogna capire e apprezzare i materiali grezzi.

È un po’ un tornare alle origini, stando lontano dagli elementi prodotti in larga scala, e dalle finiture di lusso!

Quindi sono molto adatti mobili dal sapore rustico, possibilmente artigianali, magari fatti con vecchio legno riciclato!

Arrivando dalla cultura giapponese i mobili sono spesso leggeri, semplici e bassi, è facile infatti vedere un letto a terra per esempio.

Questo perché essere vicini alla terra è proprio una caratteristica dello stile giapponese.

Inserire mobili bassi quindi è un’ottima idea, certo, non ti dico di mettere il letto a terra, ma qualche elemento come il coffee table potrebbe essere la chiave!

La semplicità e la leggerezza degli elementi aiuta l’energia fluire al meglio.

(credit: behance.net; nikitapaidesignstudio)

8 – SEMPLICITÀ

Il Wabi-Sabi, ha molto in comune con il minimalismo, infatti la semplicità è il principio primario di questo stile!

Non di deve esagerare nel riempire troppo gli spazi con le decorazioni, o avere chissà quali oggetti particolari.

Il Wabi-Sabi ti invita a concentrarti su un’eleganza semplice e non vistosa: è importante enfatizzare elementi naturali senza esagerare.

Cerca mobili ed elementi dalle linee semplici e pulite che non abbaiano decorazioni inutili, così si preserva l’autenticità!

(credit: @thomas.melhorn; archilovers.com)

 

Cosa ne pensi di questo stile? Ti piace?

Spero che questo articolo ti sia piaciuto e ti sia stato utile, nel caso fammelo sapere nei commenti!

Non esitare a condividerlo con qualcuno a cui pensi possa interessare l’argomento, ne sarò onorata e mi aiuterà a farmi conoscere!

Se in vece hai bisogno di una qualsiasi consulenza per casa tua non esitare a contattarmi!

I tappeti  sono ottimi alleati, per definire gli spazi, per apportare trame e colori e anche per dare calore!

La giusta scelta del tappeto farà davvero una grande differenza tra ambienti armoniosi o meno!

Vediamo quindi come scegliere i tappeti per casa!

– MISURE CORRETTE

È davvero la cose più importante comprare il tappeto della misura corretta.

L’ideale sarebbe avere un tappeto che racchiuda tutti gli elementi che vogliamo in quell’area; quindi si dovrebbe aver un “bordo” di almeno 10-15 cm oltre agli elementi “di confine”.

Quando questo non fosse possibile, perché le dimensioni sarebbero molto grandi e difficili da trovare, o perché c’è un qualche ostacolo, è bene prendere un tappeto che comunque stia al di sotto dei piedi frontali.

Metti quindi tutti gli elementi che vuoi in quell’area al loro posto e poi prendi le misure corrette!

Perché queste misure sono così importanti?

Come detto all’inizio il tappeto definisce gli spazi: nel living definirà la zona pranzo, se lo metti sotto il tavolo, o la zona relax se lo metti sotto i divani, in camera da letto definirà la zona letto e così via… separando queste aree dal resto della stanza.

Se usi un tappeto piccolo, che non accoglie tutti gli elementi al suo interno, quell’area sembrerà otticamente più piccola di quel che è,  e viceversa!

Questo diventa fondamentale quando gli spazi sono piccoli, ma rimane importante anche quando lo spazio è abbondante!

 

 

(credit delle tre immagini: roomandboard.com)

Vedi che differenza?

– MATERIALE

Si trovano tappeti fatti davvero con i più materiali più disparati, come scegliere?

Beh dipende da dove e come usi il tappeto!

Per esempio se hai figli o animali avrai bisogno di un tappeto durevole e molto facile da pulire.

Se invece il tappeto è quello del letto, e sei abituato/a a camminare a piedi nudi, prendi un tappeto bello morbido, per provare belle sensazioni!

Di base comunque possiamo dividere i materiali dei tappeti in 2 macro categorie:

– fibre naturali come lana, cotone, seta e iuta

(cretits: usegreenco.com.br; artedelricamo.com)

– fibre sintetiche quali poliestere e nylon.

(credits: homeservize.com; avito.ru)

Possiamo dire che le fibre sintetiche sono ottime se hai bisogno di qualcosa di performante, durevole e facile da pulire.

Esistono, ad onore di cronaca anche tappeti senza fibre che sono anti macchia e usura!

I tappeti sintetici forse non sono morbidi e “lussuosi” come quelli in fibra naturale, ma se ben scelti daranno comunque quel tocco in più!

Tra le fibre naturali, la lana è quella che da le migliori prestazioni in termini di durevolezza e anche facilità di pulizia!

La lana è decisamente morbida sotto i piedi e a seconda di come è lavorato il tappeto potrà essere super lussuoso o molto lineare e semplice.

I tappeti di lana sono tra i più cari, ma come sempre sono quelle spese che fai una volta nella vita!

Il cotone è molto morbido sotto i piedi, ma anche molto più delicato rispetto ad un tappeto in lana.

Quindi i tappeti in cotone non sono adatti nelle zone ad alto calpestio.

Sicuramente costano molto di meno di quelli in lana, ma se sono in una zona molto frequentata preparati a doverli cambiare presto!

I tappeti in iuta sono molto duraturi, facili da pulire e sono perfetti nelle zone ad alto calpestio!

(credits: deesup.com; westwingnow.com; sa.hm.com)

– STRUTTURA DEL TAPPETO

Il tappeto può avere davvero molte strutture diverse:

– tessitura piatta

– pelo corto/medio/lungo

– intrecciati

(credits: ikea.com; amazon; homedepot.com)

Insomma chi più ne ha più ne metta… senza dimenticare le pelli di animali (vere o finte che siano!)

Come scegliere?

Di nuovo, dipende da dove e come usi il tappeto, vicino al letto potrà andare benissimo un pelo lungo, tanto ci vai a piedi nudi o la massimo in pantofole, mentre magari meglio una tessitura piatta vicino al divano!

Esistono anche tappeti che sono l’unione di pezzi di tappeti, spesso di forma quadrata, potremmo chiamarli patchwork.

La bellezza di questi tappeti è che spesso possono creare dei pattern molto interessanti e decorativi, ma soprattutto si possono sostituire i pezzi che si rovinano, senza dover cambiare tutto il tappeto.

L’idea del patchwork è interessante anche per quanto riguarda le misure, puoi decisamente farne fare uno delle misure che più ti sono congeniali!

(credits: floor.com)

– COLORI E DISEGNI

Tinta unita, super colorato, dai mille disegni?

Ancora una volta molto farà dove lo metti e qual è lo stile che hai scelto per casa tua.

Se hai molti colori tra muri, mobili e decorazioni, potrebbe essere utile calmierare con un tappeto tinta unita, magari di colore neutro.

Al contrario, se hai una casa molto semplice potresti movimentare un po’ con un tappeto un poco più fantasioso!

Qui giocherà molto il fattore equilibrio, mai esagerare né in un senso né nell’altro!

(credits: leroymerlin.it; wayfair.com)

INOLTRE…

Il tappeto ha delle fantastiche proprietà acustiche, se tu avessi un pianoforte, a coda o meno, metti sotto un tappeto: ne migliora l’acustica!

È anche importante mettere una piccola imbottitura sotto il tappeto, può essere il semplicissimo antiscivolo, oppure un feltro: protegge il tappeto e, nel caso del feltro lo rende più morbido!

– DOVE COMPRARE?

Ormai ci sono davvero molti siti on-line in cui hai davvero l’imbarazzo della scelta.

Se prendi un tappeto per provare, poco costoso, allora va bene on-line, se poi vedi che la qualità è ottima, puoi anche azzardare un investimento più consistente.

Ma in generale se puoi toccare con mano la qualità di un tappeto, soprattutto quando l’investimento è consistente, è assolutamente meglio.

 

Spero che questo articolo ti sia piaciuto e ti sia stato utile, nel caso fammelo sapere nei commenti!

Non esitare a condividerlo con qualcuno a cui pensi possa interessare l’argomento, ne sarò onorata e mi aiuterà a farmi conoscere!

Se in vece hai bisogno di una qualsiasi consulenza per casa tua non esitare a contattarmi!

In generale non è facile arredare spazi piccoli, una vera sfida diventa arredare una cucina piccola!

In cucina ci si deve poter muovere facilmente, si deve avere lo spazio per preparare i vari manicaretti e si deve avere spazio per riporre!

Come fare a conciliare tutto in uno spazio piccolo? Come farla sembrare più grande di quello che in realtà è?

Lo vediamo oggi!

– ATTENZIONE ALLA FORMA!

Nelle cucine piccole si ha spesso la tendenza a scegliere la forma lineare per paura di soffocare… in realtà non è così!

Meglio sfruttare il più possibile i muri con cucine a L o a U, che tra l’altro renderanno più facile i passaggi tra i vari elettrodomestici!

Se hai un open-space potresti pensare di creare una piccola isola o penisola che, oltre a dare piano di appoggio e magari di contenimento farà da divisione ottica con il resto dell’ambiente.

Attenta anche alle misure dei mobiletti, mobiletti più grandi daranno maggior respiro.

Mi spiego: in uno spazio da 90 meglio un mobiletto da 90 che uno da 60 e uno da 30 o 2 da 45!

(Credit:moovdesign.it)

– SFRUTTA LE ALTEZZE

Lo spazio per riporre in cucina è davvero importantissimo, quindi pensa all’opportunità di avere pensili che arrivano fino al soffitto!

Otticamente i pensili a soffitto faranno sembrare la cucina più grande, un po’ come dicevo con le piastrelle nell’articolo sui bagni piccoli (qui in versione video).

Potresti anche pensare di avere una doppia fila di pensili, quella bassa con la profondità standard di 30cm, ma quelli alti potrebbero essere della stessa profondità delle eventuali colonne.

Lo spazio per riporre sarà ancora maggiore e se usi colori in contrasto i pensili inferiori sembreranno incorniciati!

(Credit: naturalnieczarno.pl; Contemporary Home Decor)

– COLORI E FINITURE

I colori chiari ingrandiscono visivamente gli spazi perché riflettono maggiormente la luce.

Con colori chiari, come ormai sai, no intendo solo i bianchi, ma qualunque colore molto desaturato.

Una palette monocromo aiuta ad ampliare otticamente gli spazi, ma puoi tranquillamente usare più di un colore, l’importante sarà tenere poco contrasto.

Attenzione anche alle finiture, quelle lucide sono un aiuto in più per fare sembrare lo spazio più grande!

(Credit:pianetadesign.it; casaegiardino.it)

Come dicevo per il bagno piccolo, potresti decidere di usare colori scuri, perché danno un senso di profondità!

Anche qui il trucco sarà di avere poco contrasto e ovviamente finiture lucide qui sono altamente consigliabili.

(Credit: assonometria.com; for-interieur.fr)

– ELEMENTI A GIORNO E ANTINE IN VETRO

Un altro trucco per fare apparire la cucina più grande è quella di usare, elementi a giorno o, per alcuni pensili, le ante in vetro.

Vedere attraverso, oltre “l’ostacolo” inganna la mente dando l’impressione di un ambiente più grande.

Se poi aggiungi l’illuminazione in questi pensili aumenterai l’effetto!

(Credit:gruppoturi.gr; ke-99.top)

– PORTE

La porta tradizionale a battente, è un elemento che ruba spazio prezioso!

Quando si hanno cucine piccole l’ideale sarebbe avere delle porte scorrevoli a scomparsa o esterne o, dove non ci fosse spazio, una porta a libro che si piega e diventa molto meno ingombrante!

(Credit: Direct Doors; lakewestrenovations.com)

– PAVIMENTAZIONE

Usa piastrelle grandi, per avere meno linee fughe visibili, che creano come delle linee di confine rendendo l’ambiente otticamente più piccolo.

Puoi decidere per una tinta unita a basso contrasto con il resto della cucina, ma puoi anche usare dei pattern.

Fare questo creerà un elemento sorpresa, ma soprattutto darà profondità che darà l’illusione di avere una cucina più grande di quello che davvero è!

(Credit: leroymerlin.it; micro interior design)

– LUCE

La luce è importante sempre, lo è soprattutto in cucina tanto più quando questa è piccola!

Tieni le finestre della cucina il più libero possibile in modo che la luce naturale possa entrare senza ostacoli.

Per questo motivo se hai le tende, tienile chiare e molto filtranti.

Luce generale, ma anche puntuale sotto pensile e sul tavolo se c’è.

Non aver paura a mettere lampadari grandi e scenografici (purché non disturbino l’apertura delle ante dei pensili), anche questi daranno l’impressione di una stanza più grande.

Se hai delle mensole con qualche pezzo interessante potresti mettere delle luci a parete per attirare l’attenzione su quel punto, aggiungendo utili punti luce!

(Credit: ikea; campoelettrico.it)

– CARRELLO CON RUOTE

Lo so che la penisola o l’isola è il sogno di molti, e che, purtroppo, non sempre è possibile, soprattutto in una cucina piccola.

Però il trucco c’è: avere un tavolino o carrello con ruote!

Così avrai piano d’appoggio in più quando devi cucinare, ma lo puoi spostare quando non ti serve!

Questo è anche un ottimo modo per aggingere movimento e colore se prendi un pezzo unico, diverso dal resto dei mobili!

(Credit: Apartment Therapy; blog.decorsteals.com)

– ORDINE

In ambienti piccoli, quindi la cucina non fa eccezione, è davvero importante eliminare il superfluo dalla vista e mantenere tutto in ordine.

Togli tutto quello che non usi regolarmente dal piano di appoggio, e tieni in ordine quello che resta.

Troppi elementi creeranno caos e rimpiccioliranno otticamente lo spazio.

Pensa anche all’opportunità di incassare il forno a microonde, magari creando una piccola nicchia sottopensile.

Questo ti libererà spazio sul piano di lavoro!!

(Credit: vivadecora.com.br; Pizca de Hogar)

 

Spero che questo articolo ti sia piaciuto, fammelo sapere, la tua opinione è importante per me!

Se poi vorrai condividere l’articolo con un appassionato di design, ne sarò onorata!

In caso tu voglia una consulenza per la tua casa non esitare a contattarmi!

Un mesetto fa ho parlato di 10 sedie iconiche che gli amanti del design non possono non conoscere, oggi, sempre in ambito “elementi di design” ti vorrei parlare di 10 lampade che hanno fatto la storia!

Se poi vuoi saperne di più sull’illuminazione in generale trovi due video in cui ne parlo in maniera generale e  dove racconto come scegliere le luci di casa.

LAMPADE DA TERRA

1 – ARCO LAMP

Progettata dai fratelli Achille e Pier Giacomo Castiglioni nel 1962 per Flos.

I fratelli si inspirarono all’illuminazione stradale: la possiamo definire una versione interna di un lampione stradale!

(Credit Fratelli Castiglioni per Flos)

È costituita da un braccio a forma di arco fissato su un basamento rettangolare di marmo di Carrara; al braccio, telescopico e regolabile in acciaio, è attaccato il paralume a cupola in alluminio bianco, cromato internamente, che resta distante fino a due metri dalla base lasciando lo spazio per sedie e tavoli.

Il foro presente sul basamento è stato pensato per poterci infilare un bastone o un manico di scopa per potere spostare la lampada, calcolando che, senza basamento pesa comunque più di 45 kg!!!

Nella sua perfetta semplicità è un pezzo che può adattarsi ad ogni tipo di arredamento, in un ambiente rustico da un’impronta di carattere senza snaturare lo stile!

Fa parte delle collezioni permanenti del Triennale Design Museum di Milano e del MoMA di New York; è uno degli oggetti di design più ammirati nel dopoguerra e la si ritrova spessissimo in riviste, programmi televisivi e scenografie di film (come nel film di 007 “Una cascata di diamanti”!)

Curiosità: Si tratta inoltre del primo oggetto di disegno industriale a cui viene riconosciuto la tutela del diritto d’autore al pari di un’opera d’arte.

(Credit: madewithome.com; archisloci.com)

2 – PARENTESI

Idea abbozzata da Pio Manzù e poi reinterpretata da Achille Castiglioni per Flos nel 1970.

(Credit: Pio Manzù e Achille Castiglioni per Flos)

Manzù pensò ad un volume cilindrico che potesse scorrere verticalmente lungo un’asta arrestabile all’altezza desiderata da una vite (muore nel 1969 prima che la lampada fosse definita).

Castiglioni sostituì l’asta rigida con un cavo metallico ancorato a pavimento e soffitto e modificò il bloccaggio del cilindro con una deviazione del cavo che facesse da attrito.

Questo sistema è stato poi perfezionato con un tenditore e alleggerito facendo scomparire il cilindro.

La versione definitiva prevede che la lampada venga sospesa a soffitto mediante gancio ad espansione, coperto da copriforo metallico, cavo in acciaio tesato con contrappeso cilindrico in piombo rivestito in gomma.

Lungo il cavo in acciaio scorre un tubo a forma di parentesi che supporta un portalampada snodato, che permette di direzionare a piacere la luce!

La forma di parentesi non è casuale: mantiene l’attrito necessario per alzare o abbassare la lampada senza fatica, ma potendola anche fermare all’altezza voluta.

Vinse il Compasso d’Oro nel 1979 ed è tutt’ora esposta al museo del design della Triennale di Milano.

Per la sua semplicità e la pulizia delle sue forme è una lampada di design che si adatta perfettamente a qualunque stile!

Curiosità: il sistema, semplice e geniale, fu presentato al pubblico in una confezione con coperchio trasparente, stampata e sagomata in base alla linea della parentesi metallica e dotata di maniglie per un suo agevole trasporto.

(Credit: westwing.it; avenuelifestyle.com)

LAMPADE A PARETE

3 – LAMPADA 265

Progettata da Paolo Rizzatto nel 1973 per Arteluce, ora prodotta da Flos.

È una lampada basata su un sistema di bilanciamento: il braccio in acciaio orientabile di ben due metri al lato opposto del riflettore in acciaio ha un cono in ghisa.

Semplice e moderna dallo stile essenziale si adatta ad ogni ambiente!

È stata progettata per poter creare l’atmosfera giusta in ogni ambiente, genera, infatti una luce diffusa e calda.

Essendo orientabile la si può indirizzare dove ce n’è più bisogno, rendendo questa luce davvero dinamica!

(Credit: flos.com; medium.com)

4 – LUCELLINO

Progettata e prodotta da Ingo Maurer nel 1992, che un giorno vide una lampadina imprigionata come lampada ad un muro e decise di liberarla…

Di fatto è una lampadina con le ali sorretta da un semplicissimo filo di rame e un cavo elettrico rosso!

Le ali sono realizzate in piuma d’oca lavorate a mano.

Il nome “Lucellino” nasce dalla crasi delle parole “luce” e “uccellino”

Esistono anche le versioni da tavolo e da soffitto, con anche più di una lampadina alata!

(Credit: agofstore.com; moobilia.it)

LAMPADE A SOSPENSIONE

5 – PH ARTICHOKE

Progettata da Poul Henningsen nel 1958 per il ristorante Langelinie Pavillonen di Copenhagen, prodotta da Louis Poulsen.

Il nome che inizialmente il progettista diede alla lampada fu  Kogle,  che in danese significa “pigna”.
Sia il nome iniziale che quello definitivo denotano l’amore per la natura del designer!

È una lampada a sospensione formata da 72 foglie trapezoidali di rame che gli conferiscono una forma organica decisamente originale.

Queste foglie di rame sono attaccate a mano a 12 archi strutturali che sono posizionati intorno alla lampadina.

Queste strutture servono a amplificare la luce, ma anche a nasconderne la fonte per un confort visivo maggiore.

La lampada fa parte di molte collezioni pubbliche e private a livello internazionale, come per esempio al MoMA, al Vitra, e al V&A

(Credit: andtradition.com; louispoulsen.com)

6 – ZETTEL’Z

Progettata e prodotta da Ingo Maurer nel 1997

Al porta lampada centrale sono fissate delle astine metalliche a cui sono attaccati dei foglietti di carta giapponesi.

I foglietti sono 80: 31 prestampati e 49 bianchi personalizzabili con un disegno o un pensiero, facendo diventare questa lampada assolutamente unica, originale e creativa!

Si possono comprare anche i folgietti di ricambio… per una lampada sempre nuova!

Curiosità: esistono delle edizioni limitate come la “BangBoom” fatta con i fumetti di Thilo Rothacker oppure “Viva l’Italia” con poesie e immagini del Bel Paese.

(Credit: light11.it; agofstore.com)

LAMPADE DA TAVOLO

7 – ATOLLO

Progettata da Vico Magistretti nel 1977 per l’azienda Oluce.

La sua forma, immediatamente riconoscibile, è costituita da elementi perfettamente proporzionati: un cilindro, un cono e una semisfera appoggiata in un equilibrio quasi magico!

Pensata in due varianti, alluminio laccato e vetro opalino, entrambi materiali studiati e scelti dal designer per poter riprodurre e diffondere la luce in maniera morbida e accogliente.

Per entrambi questi materiali ci sono tre tipologie di grandezza.

Oggi è possibile avere il corpo in metallo e il diffusore in vetro di murano.

Vincitrice del premio Compasso d’Oro nel 1979 è entrata a fare parte delle collezioni permanenti dei più importanti musei.

(Credit: oluce.com; westwing.it)

8 – TACCIA

Progettata dai fratelli Castiglioni nel 1958 e prodotta da Flos nel 1962.

È una lampada da tavolo che, nella sua versione più grande può essere anche usata da terra!

Nasce dalla volontà dei 2 designers di realizzare una luce da tavolo, però con luce indiretta.

“Questa lampada è stata pensata in modo sbagliato” (cit. Castiglioni”): la lampada infatti era stata progettata con materie plastiche, che però con il calore del supporto del riflettore si deformava… si è quindi poi optato per il vetro, resistente alle alte temperature.

La lampada Taccia ricorda una colonna classica dell’antica Grecia di ordine dorico, dalle caratteristiche scanalature che permette ai progettisti di utilizzare materiali e tecniche di lavorazione molto semplici.

Il risultato è un oggetto elegante e bilanciato che si adatta a qualunque stile.

La campana di vetro trasparente riflette la luce della lampadina creando un’atmosfera sospesa e soffusa.

Taccia appare nella mostra del MoMa nel 1997 dedicata ad Achille Castiglioni,

(Credit: medium.com; flos.com)

9 – SNOOPY

Progettata dai fratelli Castiglioni nel 1967 per Flos.

È una lampada a luce diretta con riflettore in metallo verniciato e base in marmo bianco.

L’idea di base è quella di creare un oggetto divertente che si adattasse a tutte le esigneze e tutti gli ambienti.

La sua forma ricorda il musetto simpatico del cagnolino Snoopy creato dal fumettista Charles M. Schulz.

Il riflettore in metallo sembra un volume non equilibrato rispetto al supporto, in realtà è molto stabile grazie alla corretta distribuzione del peso della base compensato dalla spessa lastra in cristallo.

(Credit: Sinergreen srl; flos.com)

10 – ECLISSI

Progettata da Vico Magistretti nel 1965 per Artemide che la mette in produzione nel 1967 (anno in cui vince anche il Premio Compasso d’Oro).

Magistretti si rifà alla lanterna semi-cieca di Jean Valjean presente nel romanzo “I miserabili” di Victor Hugo, trasformandola in una lampada da lettura.

La potremmo definire una luce dimmerabile, perché grazie alla calotta interna che si muove si può modificare l’effetto della luce aumentandone o diminuendone la quantità.

Si può arrivare ad oscurare la lampadina, proprio come un eclissi di luna!

Eclisse è presente nella collezione permanente del MOMA di New York dal 1972.

(Credit: artemide.com)

 

Queste 10 tra le lampade di design più iconiche, ma, come dissi riguardo allepa sedie NON sono le uniche… anche qui, magari ci ritorneremo!

Qual è, tra queste presentate, la tua preferita? Ne hai qualcuna in casa tua? Fammelo sapere nei commenti!

Spero che questo articolo ti sia piaciuto, fammelo sapere, la tua opinione è importante per me!

Se poi vorrai condividere l’articolo con un appassionato di design, ne sarò onorata!

In caso tu voglia una consulenza per la tua casa non esitare a contattarmi!