Articoli

Per decorare la casa un professionista segue alcuni concetti, ne ho parlato in questo articolo (qui la versione video).

Ci sono però 3 elementi che sono proprio la base da cui partire per riuscire ad decorare casa tua come farebbe un professionista…

Vediamo insieme quali sono e come usarli in casa facilmente usando cose comuni

1 – ENFASI

Questo elemento è conosciuto come il punto focale.

Per ambienti accattivanti devi cercare di mettere insieme in maniera armoniosa elementi dominanti ed elementi “secondari” che attirino l’attenzione.

Per capire come fare analizza la zona o il punto che merita di essere enfatizzato.

Vediamo vari modi per creare punti focali:

– Usa il colore:

Dipingi un muro o una porzione di esso con un colore che sia in contrasto con tutto il resto.

Ovviamente tieni sempre bene a mente la tua palette colori e usa uno di quei colori, ma nella sua versione più satura!

(credits: Rugh Design; archimadestudio.com)

– Usa la carta da parati

La carta da parati, oltre che a colore, apporta tridimensionalità, texture e movimento.

Inoltre ha un forte impatto visivo che crea teatralità!

Puoi usare carta da parati con geometrie o pattern…

(credits: vivadecora.com; etsy.com)

– Usa quadri e specchi

Quadri e specchi sono elementi fantastici per catturare l’attenzione!

Attenzione alla “scala”: prendi un quadro, una composizione di quadri o uno specchio abbastanza grande rispetto al muro a disposizione e al resto dei mobili della stanza!

Non dimenticare di evidenziare questo quadro con le luci, come i faretti, questo aiuterà ad enfatizzare ancora di più il punto focale.

(credits: pianetadesign.it; etsy.com)

– Usa un arredo

Il punto focale non deve essere per forza a muro!

Una poltrona di design, un grande divano in un colore che sia in contrasto con il resto danno carattere alla stanza!

Anche questi elementi serviranno ad attirare l’attenzione contribuendo a mantenere fluidità nella stanza.

(credits: casaclaudia.abril.com.br; ikea)

2 – COLORE E PROPORZIONE (regola del 60-30-10)

Una palette colori deve essere armoniosa e bilanciata.

Per fare questo la palette colori va studiata e composta con colori neutri e colori accento!

Solitamente i colori neutri vengono usati come base, sfondo perché sono molto versatili e e si abbinano facilmente a qualunque stile e colore.

I colori accento sono quelli che danno carattere e personalità agli ambienti!

Per usare in maniera bilanciata i colori in palette, in modo che siano proporzionati allo spazio e tra di loro, esiste la regola del 60-30-10.

Vediamo subito in cosa consiste:

– il 60% è il colore principale della stanza, solitamente un neutro, e viene usato sulla maggior parte dei muri, il pavimento, e gli arredi più grossi;

– il 30% è il colore secondario, servirà da supporto al colore principale, ma dovrà essere sufficientemente diverso da attirare l’attenzione creando interesse visivo.

Di solito viene usato per una parete o una porzione di essa, arredi più piccoli come poltrone o tappeti.

– il 10% è il colore accento, può essere un colore forte o vivace, dipenderà dallo stile o dall’atmosfera che vorrai creare.

Comunque sia questo colore deve davvero spiccare!

Viene usato in elementi piccoli, come cuscini, in elementi decorativi come vasi, pouf e nei quadri.

Con questa regola tutto sarà correttamente bilanciato e proporzionato e quindi molto piacevole da vedere!

3 – MATERIALI E TRAME

I materiali e le trame, sono davvero elementi molto importanti in interior design, perché apportano tridimensionalità e carattere ad uno spazio, migliorandone l’aspetto!

Ogni oggetto ha il suo materiale e la sua consistenza, il segreto è ottenere un perfetto mix di questi materiali e di queste trame.

Ci sono molti modi di apportare trame e materiali e creare composizioni interessanti e armoniche

1 – Mixare texture differenti

– Aggiungi al tuo divano una coperta dalla consistenza differente rispetto al divano e magari qualche cuscino con stoffe diverse, aggiungi tende e tappeti…

– aggiungi una poltrona dai materiali differenti e contrastanti.

Il segreto è avere trame o materiali vicini, contrastanti tra di loro.

(credits: casafacile.it; graziademonte.com)

2 – Aggiungi accessori

Vasi, ceste, vassoi o portacandele sono un altro validissimo modo aggiungere trame e materiali.

Quando crei delle composizioni e metti alcuni di questi elementi vicini, di nuovo, fai attenzione che ci sia del contrasto per colore o per materiale.

(credits: orsipanosinteriors.com; pinimg.com)

3 – Aggiungi piante e fiori

Ogni volta che ho parlato di piante e fiori ho detto che apportano colore e texture, quindi non ti sorprenderai a vederle citate qui, di nuovo!

Il bello delle piante è che le puoi aggiungere sempre, indipendentemente dallo stile o dai colori scelti!

A seconda della grandezza della pianta o del vaso di fiori puoi metterle davvero dappertutto: dall’angolo della stanza al tuo coffe table!

(credits: Brianne Penney; decor.by.dp)

Questi tre elementi sono fondamentali per creare ambientazioni davvero incredibili!

Sono il segreto per decorare la casa come un professionista!

Spero che questo articolo ti sia piaciuto, fammelo sapere con un commento!

Se poi vorrai condividerlo con qualcuno a cui pensi possa interessare l’argomento ne sarò onorata!

Se hai bisogno di una consulenza per qualunque ambiente di casa tua non esitare a contattarmi!

COME USARE E ARREDARE UNA STANZA IN PIÙ

Ammettiamolo non capita spesso di avere una stanza in più… ma se fosse vediamo insieme come usare e arredare questa stanza!

Chi ha la fortuna di avere questa stanza ha alcune opzioni:

– studio

– camera per ospiti

– cabina armadio

– palestra

– camera giochi (per chi avesse figli)

Vediamole una per volta:

STUDIO

Abbiamo visto quanto sia importante ormai avere una zona della casa dedicata allo studio o allo smart working!

Se hai la fortuna di avere una stanza in più, anche piccola, potrebbe davvero essere il posto ideale per creare il tuo studio!

Indispensabili saranno:

–  la scrivania, se non è sufficientemente grande pensa ad un altro tavolino per la stampante

– almeno una libreria

– una corretta illuminazione, generale e soprattutto puntuale sulla scrivania.

Posiziona la scrivania in modo che possa ricevere il più possibile la luce naturale della finestra e da lì sistema il resto.

Se non  blocca il passaggio non avere paura di metterla in mezzo alla stanza, in questo caso dovrai avere una presa a pavimento, se no devi avvicinarti al muro… i fili volanti sono pericolosi!

Rendi l’ambiente confortevole con colori che aiutino la concentrazione come i blu o i viola, oppure che aiutino a rilassarsi come i verdi!

Naturalmente cerca di mantenere i colori presenti nella palette che hai scelto per casa tua.

Aggiungi qualche pianta per purificare l’aria e per farti sentire più vicina alla natura.

Personalizza decorando con qualcosa che ti piace per sentirti ancora di più a tuo agio!

(credits: yellowa.it; Decoist.com)

CAMERA DEGLI OSPITI

Se sei una persona che spesso ospita amici e parenti, adibire questa stanza a camera per gli ospiti è l’ideale.

Indispensabili sono:

– letto

– armadio.

– specchio, possibilmente grande che possa riflettere la persona nella sua interezza.

– corretta illuminazione generale e abatjour

L’armadio non deve essere enorme, ma deve senza dubbio essere vuoto e libero per lasciare che i tuoi ospiti ripongano le loro cose!

Usa soprattutto colori neutri in modo che chiunque possa sentirsi a suo agio, i colori sono molto personali, quindi se vuoi usarli fallo in piccole quantità!

Decora il letto semplicemente, ma in maniera invitante con un morbido copriletto e qualche cuscino decorativo per renderlo elegante.
Se poi vuoi dare quel quid puoi mettere sul letto una coperta, quasi buttata lì per caso, che contrasti con il copriletto e riprende il colore dei cuscini!

Metti dei tappeti morbidi in modo che l’ospite si senta coccolato se cammina a piedi nudi.

Le tende alle finestre sono indispensabili per la privacy, ma anche per filtrare la luce che, lo sappiamo, può disturbare il sonno.
Potrebbe essere un’ottima idea mettere un doppio tendaggio, mettendo anche tende oscuranti.

Se hai lo spazio metti anche una piccola seduta, magari anche solo un pouf, decora e potrebbe essere un elemento in più di appoggio o da sfruttare magari per togliere le scarpe!

Candele, fragranze e piante possono completare l’arredo apportando ancora più calore e atmosfera!

(credits: studio-mcgee.com; duomodesign.it)

CABINA ARMADIO

E questo è il sogno più o meno nascosto di quasi tutte le donne!

Ma non è sufficiente mettere 4 armadi e via!

Prima di tutto è importante capire quanti capi sono da appendere e quanti da ripiegare per capire la tipologia di armadi e eventuali cassettiere!

Ovviamente potresti anche avere una parte dia armadio dedicata alle scarpe, va valutato e studiato anche questo aspetto.

Pensa ad un bello specchio grande in cui riesci a vederti a figura intera, mentre provi i tuoi outfits. Può essere a muro oppure a terra.

Pensa a un servo muto per i vestiti già usati, ma che ancora non vanno lavati.

Inoltre pensa all’opportunità di avere una seduta, sempre per avere un appoggio in più, ma soprattutto per metterti e toglierti le scarpe comodamente!

Una cosa molto furba è anche di avere, magari in mezzo alla stanza, un piano di appoggio, abbastanza largo, ti servirà per piegare comodamente gli abiti!

Ovviamente sarà anche uno spazio in più per riporre!

Laddove lo spazio fosse sufficiente puoi pensare di mettere anche una toletta, per poterti truccare e mettere i tuoi gioielli… potrebbe essere quel tocco molto chiccoso!

Anche qui presta attenzione all’illuminazione, generale, ma anche particolare in modo da vedere bene negli armadi!

(credits: NaturallyMary; bassettfurniture.com)

PALESTRA

Se sei una sportiva perché non sfruttare questa stanza come tua palestra personale?

Dovrai fare molta attenzione che ci sia una buona illuminazione!

Poi metterai gli strumenti che più usi per fare i tuoi esercizi, prima i macchinari grossi, poi sistemati in modo che siano facilmente fruibili, anche eventuali altri strumenti utili al tuo allenamento!

Posso anche consigliare un piccolo armadio per esempio per riporre le scarpe!

Usa colori vivaci che ti trasmettano energia, come i gialli, sempre cercando di restare nella palette dei colori di casa.

Sì anche alle piante che purificano l’aria e ti aiutano a sentirti più vicina alla natura!

(credits: casamagazine.it; warehouse3c.top)

CAMERA GIOCHI

Se hai dei figli più o meno piccoli, lo sai: lo spazio non basta mai!!!

E quindi dedicare la stanza in più per i suoi giochi potrebbe essere una bella idea!

Questo permetterà di avere la cameretta solo per dormire e studiare e dividere quindi le varie attività!

Qui sarà importante la buona organizzazione dello spazio e disporre di molti armadi e elementi di contenimento, possibilmente appoggiati alle pareti, per lasciare spazio libero al centro della stanza per giocare.

Un bel tappetone morbido, ma facile da pulire sarà essenziale perché possa stare a terra senza prendere freddo!

Puoi anche pensare a creare un piccolo angolo lettura, con una libreria, una seduta e ovviamente una luce dedicata.

Qui puoi sbizzarrirti con i colori… e puoi anche uscire dalla palette di casa!

(credits: adventuresofatwinmom.com; inspio.it)

COME DECIDERE?

Come scegliere tra queste opzioni per decidere come usare e arredare una stanza in più?

Ovviamente parti dalle tue esigenze e cerca di capire cosa ti serve di più!

Puoi anche “mixare” queste opzioni come studio e camera ospiti…

Se gli ospiti che hai non sono così tanti puoi avere per esempio un divano letto nello studio così da unire queste due funzioni e fruttarle al meglio a seconda dell’occasione.

O ancora potresti avere una palestra, ma anche qualche armadio in più per i cambi di stagione!

(Credits: Liliana Zenaro Interiores; litzrealestate.com)

Insomma, come sempre, non ci sono regole vere e proprie, quanto più suggerimenti!

Quindi per usare e decorare al meglio una stanza in più, prima soffermati su ciò che ti serve di più poi studia la stanza e sistemala secondo come è meglio per te viverla!

Spero che questo articolo ti sia stato utile, come sempre fammelo sapere nei commenti, la tua opinione è importante!

Se vorrai condividerlo con qualcuno che pensi sia interessato a vedere come usare e decorare una stanza in più ne sarò onorata!

Se invece vuoi una consulenza per la stanza in più o qualunque stanza di casa tua non esitare a contattarmi!

Come scegliere le luci per casa?! L’altro giorno, tra i commenti ad un video del mio canale youtube mi è stata posta questa domanda posta questa domanda.

Sappiamo perfettamente che la luce è davvero fondamentale e che una illuminazione sbagliata può rovinare tutto il tuo progetto di arredo e decoro.

Come detto altre volte, puoi avere scelto l’arredo più bello, i colori e i materiali migliori, se però sbagli luce tutto si “spegnerà”!

Ora ho già parlato di illuminazione spiegando le temperature colori, la resa cromatica… (trovi l’articolo qui e il video qui!), oggi vorrei vedere come scegliere le luci per casa tua e come posizionarle correttamente per spazi illuminati alla perfezione!

Vediamo prima di tutto i differenti tipi di illuminazioni che esistono in base anche alla loro funzione.

Possiamo dividere le lampade in 2 macro categorie:

– decorative

– architettoniche

(credits: Mooeilight; cb2.com; shopee.com; amazon.com; pinterest; obsoleteinc.com; astrolighting.com; indiamart.com)

LAMPADE DECORATIVE

Le lampade decorative, ovviamente ci danno luce, ma ci aiutano anche nel design e estetica dei nostri ambienti.

Hanno varie forme:
– lampadari
– lampade da tavolo
– lampade da terra
– lampade a muro

(Mooeilight; cb2.com; pinterest; obsoleteinc.com)

E ognuna può avere stili diversi!

Queste tipologie di lampade, oltre ad illuminare una particolare area, aiutano ad abbellire la stanza grazie alle forme e i materiali di cui sono fatte!

Quindi sono elementi importanti nel progettare l’arredo di ogni ambiente.

Per capire come scegliere le luci  per casa dobbiamo tenere presente 2 aspetti fondamentali:
– come emana la luce
– forma, stile e colore

COME EMANA LA LUCE

– LAMPADE CON PARALUMI

Lampade con paralumi emanano una luce morbida e uniforme.

Questo genere di lampada contribuisce a creare la luce generale della stanza.

Lampadari, lampade da tavolo, da terra o da muro, con il paralume aiutano a creare un’atmosfera calda ed invitante.

Queste lampade sono adatte in zone in cui vuoi rilassarti, come la camera da letto o il salotto.

(credits: urbanoutfitters.com; behance.net)

– LAMPADE CON LUCE DIRETTA

Questo genere di luci sono usati per illuminare zone specifiche dove vengono eseguite determinate funzioni, come leggere, studiare, disegnare, mangiare o cucinare!

Oltre ad essere molto funzionali, dando una luce adeguata per la funzione da svolgere, sono anche una parte fondamentale dell’arredo!

(credits: amazon.it)

A seconda di come una lampada emana la luce sarà più funzionale in uno un determinato posto piuttosto che in un altro!

Quindi questo è il primo aspetto da considerare quando devi scegliere una lampada!

 

FORMA, STILE E COLORE

Una volta capito la tipologia di lampada migliore per come emana la luce dovrai sceglierne anche la forma, lo stile e il colore che meglio si adatta al design che hai scelto per la tua casa!

Per esempio, se ami lo stile minimalista puoi usare lampade dalle forme semplici e dalle linee pulite per mantenere lo stile oppure, se ami mixare potrai mettere delle lampade in contrasto in modo che diventino il punto focale!

(credits: jdpinteriors.com)

In una stanza solitamente ci sono più lampade decorative, affinché l’ambiente risulti coeso e armonioso deve esserci un qualcosa che accomuni queste lampade.

Questo si può fare usando lampade con forme similari che hanno colori e materiali diversi oppure con forme diverse, ma stesso materiale e colore!

LAMPADE ARCHITETTONICHE

Le lampade architettoniche sono lampade più discrete che fanno, in qualche modo, parte della struttura dell’ambiente.

Vengono usate a prescindere dallo stile della casa, sono pratiche e funzionali per illuminare gli spazi.

Possiamo mettere in questo gruppo
– i faretti ad incasso
– plafoniere
– i faretti normali
– le strisce led

(shopee.com; amazon.com;astrolighting.com; indiamart.com)

Questi elementi, oltre ad illuminare gli spazi possono enfatizzare oggetti decorativi o elementi architetturali.

Vediamo dove e come utilizzare queste luci

– FARETTI AD INCASSO

Sono usati molto spesso per l’illuminazione generale di un ambiente.

Bisogna creare una controsoffittatura in cartongesso per poterli incastrare.

Sono lampade funzionali e davvero discrete e possono essere usate in ogni stanza, senza alterarne lo stile.

Possono avere un fascio luminoso più o meno largo.

Quelli con fascio luminoso ampio possono essere usati tranquillamente ovunque come luce generale.

Se invece il fascio luminoso è stretto allora è bene usarli per enfatizzare un’area specifica, dove magari hai un muro con una carta da parati particolare oppure dei bei quadri…

(credits: lednews.lighting; splash-of-light.co.uk)

– PLAFONIERE

Hanno la stessa funzione dei faretti ad incasso, ma sono messe dove non c’è un controsoffitto!

La funzione principale è quella di creare la luce generale.

Esistono mille forme diverse di plafoniere, ovviamente bisognerà cercare quella che per forma, stile e colore meglio si adatterà allo stile di quella stanza!

(credits: archiexpo.com; lampadaribartalini.it)

– FARETTI NORMALI

I faretti “normali”, al contrario, hanno solitamente un fascio luminoso abbastanza ristretto e quindi servono ad enfatizzare una specifica area, come un dettaglio architettonico, un quadro, una scultura o un muro dalla texture particolare!

I faretti devono essere posizionati in modo da puntare esattamente dove vuoi!

Ci sono poi anche i faretti montati su binari.

Sono ideali per quegli ambienti che non hanno il controsoffitto , ma un unico punto luce centrale.

Grazie al binario puoi comunque distribuire uniformemente la luce.

(credits: Vicki Fabian; ikea.com)

– STRISCE LED

Da qualche anno a questa parte sono davvero molto usate in interior design anche grazie alla loro versatilità!

Le strisce led possono definire i volumi, illuminare i mobili o aree funzionali come sotto i pensili della cucina!

Emanano una luce morbida e diffusa ideale per l’illuminazione generale e per creare l’atmosfera!

(credits: krow.rs; maisondorstudio.com)

ALCUNI SUGGERIMENTI

Ora che conosci i vari tipi di luce vorrei ancora darti alcuni suggerimenti per pianificare al meglio l’illuminazione dei tuoi ambienti:

– Usa più lampade

Una sola sorgente luminosa non è sufficiente per illuminare correttamente uno spazio e per poter creare contrasto e profondità!

Quindi l’ideale è avere una luce generale per illuminare totalmente la stanza, una luce spot per enfatizzare alcune aree particolari e luci specifiche che ti aiutino nelle varie attività come cucinare, leggere, studiare e così via…

– Attenta a come verrà usato lo spazio

Cerca di capire come verrà usato un determinato spazio per capire quali luci usare!

In uno studio, per esempio avrai bisogno di lampade da tavolo specifiche per rendere più confortevole lo studio…

– Progetta l’impianto illuminotecnico

Quando si progetta un impianto illuminotecnico bisognerebbe farlo in funzione di come i mobili verranno posti nella stanza.

Così facendo si riuscirà ad avere un impianto illuminotecnico davvero funzionale ed efficiente!

Il rischio, altrimenti, è di avere delle luci in posti in cui non servono e non averne dove invece servirebbero!

 

Bene, spero che questo articolo ti sia stato utile per capire come scegliere le luci per casa tua, se hai voglia fammelo sapere nei commenti!

Non esitare a condividerlo con qualcuno che potrebbe essere interessato all’argomento, mi farebbe davvero molto piacere!

Se per qualunque motivo preferisci avere una consulenza per la scelta delle luci di casa o per qualunque altra cosa non hai che da contattarmi!

Come decorare una libreria?!

È una domanda che mi è stata fatta nella community del mio canale Youtube e oggi ho deciso di rispondere.

La libreria, che uno sia un lettore più o meno appassionato, è un componente di arredo presente in tutte le case!

Può essere una libreria a tutta parete, una libreria divisoria, che separa otticamente 2 ambienti di uno stesso open-space, oppure una serie di mensole… poco importa tutti abbiamo questo spazio in casa!

Solo che spesso non viene valorizzata al meglio e libri e oggetti sono messi senza un vero e proprio criterio.

Vediamo quindi come decorare la libreria per renderla davvero piacevole da vedere, una piccola opera d’arte!

– PARTI DA ZERO

Questo è ovvio se compri una libreria nuova, ma se vuoi dare un nuovo look ad una libreria già presente togli tutto e riparti da zero!

Togliere qualcosa per aggiungere altro rischia di creare caos e confusione.

Naturalmente potrai fare una fotografia prima di togliere tutto, così che se il risultato finale non ti convince e vuoi rimettere tutto com’era prima non farai fatica!

COME ORDINARE I LIBRI?

Partiamo da una libreria formata principalmente da libri, ci sono molti modi per sistemarli:

– IN ORDINE ALFABETICO PER AUTORE

Questo modo rende davvero facile la consultazione, parti dal nome dell’autore e poi il titolo, in caso di serie avrai tutti i libri insieme.

Per dare un tocco di movimento e colore potresti mettere delle belle lettere in legno in corrispondenza del nome dell’autore!

– SECONDO IL GENERE LETTERARIO

Se ti piacciono tanti generi diversi ovviamente potrai dividere i libri a seconda dell’argomento.

Anche qui potrai trovare un oggetto, un’ immagine che possa dare colore e movimento e “segnalare” il tipo di argomento!

– PER COLORE DELLA COPERTINA

Puoi ancora decidere di suddividere i tuoi libri a seconda dei colori delle copertine creando scaffali di grande impatto!

La consultazione sarà più complicata, ma il colpo d’occhio è davvero incredibile!

In tutt’e tre i casi ricorda che i libri vanno messi in orizzontali o in verticale, mai in obliquo onde evitare di rovinarli!

(credits: journal.homemania.ru; Emily Solilak; See Jane Work)

DECORARE LA LIBRERIA NON SOLO CON LIBRI

Non è obbligatorio decorare la libreria solo con libri, al contrario, soprattutto se fosse in un living o se fosse una libreria bifacciale, è possibile, anzi auspicabile accostare altri oggetti ai libri:

– vasi

– quadri, foto

– oggetti vari

– piante

Per una libreria dall’effetto WOW ecco alcuni suggerimenti:

– REGOLA DELL’ 1/3

Con questa regola devi usare 1/3 dello spazio per un oggetto grande, importante, 1/3 per il libri e 1/3 per oggetti più piccoli.

Non è che devi usare questa regola sempre e per tutti i ripiani, può essere che ne hai uno o due solo di libri!

In generale però questa regola, se ben seguita creerà movimento e darà l’idea di qualcosa di davvero raffinato!

(credits: roomfortuesday.com; HomeLilys; Jersey Girl in the South Design Company)

– METTI PRIMA GLI OGGETTI GROSSI

Guarda sempre la libreria nel suo insieme e non solo ogni singolo ripiano.

Cerca di mettere gli elementi grandi in maniera che possano comunicare tra di loro in altezza, forma, materiale o colore.

Non metterli nello stesso posto nei vari ripiani ma crea piuttosto una sorta di zig zag, una triangolazione.

(credits: domino magazine; but.fr; guggenheim-venice.it)

– AGGIUNGI LIBRI E OGGETTI PIÙ PICCOLI

Una volta messi i pezzi grossi aggiungerai i libri, sempre tenendo presente un filo conduttore tra i vari pezzi e tra i ripiani.

Infine metterai gli elementi più piccoli, sempre con lo stesso criterio e avendo cura di non esagerare in quantità!

(credits: Nancy Artsy Chicks Rule; arredamentiriva.it; leroymerlin.com)

– CREA PICCOLE COMPOSIZIONI

Crea piccole composizioni con gli oggetti, che siano coerenti tra loro, ma fai attenzione che abbiano altezze diverse per creare movimento.

Per esempio potresti mettere un vaso, una cesta e un quadro o una fotografia!

Puoi usare i libri messi in orizzontale e appoggiarci un oggetto per modificarne l’altezza!

Rendi ogni ripiano unico, ma non dimenticarti di controllare la libreria nel suo insieme.

Bilancia gli oggetti, i colori, le altezze e i materiali/texture riprendendoli su più ripiani.

(credits: briahammelinteriors.com; farmhouse-decor-home-tour-2020; Kelly-Wearstler)

– NON AVERE PAURA DEI VUOTI

Non avere l’ansia di riempire tutto, al contrario lascia qualche vuoto qua e là nei vari ripiani.

Questo lascerà maggiore respiro e soprattutto valorizzerà ciò che hai messo sui vari ripiani che, altrimenti si perderebbe!

(credits: prattandlambert.com)

– AGGIUNGI PIANTE

Ebbene sì, è buona decorare la libreria con qualche cosa di vivo, con un poco di natura!

Questo particolare darà subito quel tocco di eleganza e unicità alla tua libreria.

Può essere un vaso di fiori, un vaso con qualche ramo o foglia, o una vera e propria pianta!

Anche qui non metterne una sola, ma ripeti sapientemente il tocco di verde su più di un ripiano!

(credits: Heart & Paper Studio; cutypaste.com; mistudiodesign.com)

 

Spero che questo articolo su come decorare la libreria ti sia stato utile, dimmi cosa ne pensi nei commenti!

Se poi hai bisogno di una mano per arredare o decorare casa tua sono a disposizione per una consulenza, ti basterà contattarmi qui!

Come arredare l’entrata correttamente? È una domanda che mi viene posta spesso!

L’entrata è il biglietto da visita di casa tua, la prima impressione che un ospite si farà del resto.

L’entrata è un passaggio dall’esterno al cuore della tua casa, deve essere accogliente e deve dare l’idea di ciò che aspetta all’interno a livello di stile e atmosfera!

Prima di tutto devi riuscire ad interpretare lo spazio che hai a disposizione: non è detto che uno spazio piccolo possa essere meno accogliente di uno spazio grande!

Alle volte è vero il contrario, perché uno spazio grande può essere dispersivo!!

Puoi creare una entrata accogliente anche se… non ce l’hai affatto e entri direttamente nel living!

Vediamo insieme 6 regole per arredare l’entrata in maniera impeccabile, qualunque sia lo spazio che hai a disposizione!

1 – PAVIMENTO O TAPPETO

Come abbiamo detto prima l’entrata è un luogo di transizione dall’esterno all’interno, quindi sarebbe ottimale avere un pavimento che sottolinei questa transizione.

Potrebbe essere un pavimento diverso dal resto della casa e questo potrebbe essere ideale se entri direttamente nel living, per dividere otticamente i 2 ambienti.

Ovviamente in ambienti molto piccoli, eviterai di avere 2 pavimento in forte contrasto, ma il cambio di pavimentazione aiuta la divisione in aree ben specifiche!

Oppure potrebbe essere un tappeto, dovrai sceglierne uno facilmente pulibile, ma questo potrebbe aiutarti ad evitare che gli ospiti portino sporco nel resto della casa!

Va da se che sarebbe molto d’aiuto anche un tappetino fuori della porta per poter togliere il più grosso dello sporco.

(credits: karstinteriors.com; Stefania Damaggio; Pinterest.com)

2 – AVERE SEMPRE UN PIANO DI APPOGGIO

A prescindere dello spazio a disposizione è importante arredare l’entrata con un piano d’appoggio.

Può essere un bellissimo tavolo rotondo in mezzo alla stanza, una consolle appoggiata al muro, anche una semplice mensola; dipenderà dallo spazio a disposizione!

Ha, prima di tutto, un aspetto funzionale perché è il posto dove “svuoterai le tasche” al tuo rientro, ma sarà anche il punto focale dell’entrata.

Puoi metterci una bella pianta o un vaso di fiori, un vassoio con candele e/o profumatori… insomma puoi decorarlo come meglio ritieni opportuno!

È qui che darai l’assaggio dello stile di casa tua!

Se lo spazio lo consente potresti aggiungere anche una piccola seduta, foss’anche un semplicissimo pouf!

Se ti cambi o togli le scarpe subito in entrata potrebbe tornare utile!

(credits: amazon.com; studio-mcgee.com; ohmeohmyblog.com)

3 – LUCE

La luce in entrata è importante per dare il benvenuto in casa tua ai tuoi ospiti, ma in generale ricordiamoci che c’è un passaggio da esterno ad interno, con luci completamente differenti.

Puoi davvero sbizzarrirti per esempio con faretti incassati a soffitto; dinuovo se hai un’entrata che da nel living, abbassare il soffitto è un modo per dividere otticamente le 2 aree.

Puoi arredare l’entrata con dei lampadari particolari e originali, delle luci a parete… tutto ciò che non solo illumini in modo efficace l’entrata, ma che, come il piano d’appoggio, dia l’idea di stile e atmosfera di casa tua!

Gioca con luci diverse: usa i faretti o lampadari per la luce generale, ma aggiungi, ove possibile anche una piantana o una bella lampada da tavolo. Creeranno atmosfera!

(se vuoi saperne di più su come illuminare correttamente la casa ne parlo qui!)

(credits: vogliadiristrutturare.it; amazon.it; houseofjadeinteriors.com)

4 – ELEMENTI PER RIPORRE

Chi viene a trovarti, soprattutto in inverno, ha sicuramente qualcosa da togliere e appoggiare, ma tu stessa quando rientri a casa!

Un armadio a muro non è sempre possibile ovviamente, ma in commercio ci sono davvero tante soluzioni diverse che si possono adattare a qualsiasi spazio.

Mobili a giorno che fungono da appendi abiti, appendi abiti semplici o anche dei ganci a muro, ce ne sono di super originali e se messi correttamente possono essere molto artistici!

Puoi aggiungere qualche cesta per le cose piccole, ma anche per dare quel tocco in più che non guasta!

Non dimenticarti il porta ombrelli, se dovesse piovere almeno non bagnerai dappertutto con gli ombrelli!!

(credits: cutlerkitchenandbath.com; dienlanhsapa.com; elmueble.com)

5 – SPECCHIO

È molto importante avere uno specchio ad altezza occhi in entrata perché:

– ti puoi dare un’ultima occhiata prima di uscire;

– l’ospite può controllare di essere in ordine prima di entrare definitivamente in casa!

È un aspetto da non trascurare! Come tu sistemi la casa quando aspetti ospite, anche quest’ultimo vuole essere a posto quando viene da te, ma arrivando da fuori potrebbe doversi dare una piccola sistemata, permettiglielo!

Anche qui a seconda dello spazio puoi mettere un bello specchio sopra la consolle oppure una composizioni di specchi… insomma sbizzarrisciti a seconda del tuo stile!

Lo specchio inoltre aiuterà a ingrandire lo spazio riflettendo la luce!

(credits: twotwentyone.net; Marina Karpilovsky; lagnappe.com)

6 – PIANTE E FIORI FRESCHI

Eh sì ormai lo sai le piante sono importanti in qualunque ambiente della casa, ma in entrata hanno anche una valenza psicologica: abbiamo detto che è il luogo di transizione da fuori a dentro e quindi permetterà di non avere un distacco netto (questo anche se abitiamo in città!!).

Piante, vasi con rami, foglie o fiori freschi… non importa, l’importante è avere qualcosa, anche piccolo, che richiami la natura!

Le piante apportano anche profumi, texture e colori e sono davvero l’ideale per arredare un’entrata!

(credits: brainstudy.info; Muebles Home Direct; amazon.es)

 

Spero che questo articolo ti sia stato utile, nel caso fammelo sapere nei commenti, e se vorrai condividerlo con qualcuno che ritieni possa essere interessato ne sarò felice, e mi aiuterà a crescere!

Se poi hai ancora qualche dubbio e vuoi una consulenza per arredare l’entrata di casa tua, non esitare a contattarmi!

Rendere la casa invitante e accogliente è importante, così come è importante renderla personale e unica!

Due settimane fa abbiamo visto i 5 elementi essenziali per rendere accogliente la casa,oggi vorrei condividere con te alcuni oggetti, tra i miei preferiti, che possono aiutarti a renderla più personale, intima…

Cose facilmente trovabili a qualunque prezzo, che saranno impattanti nel rendere la tua casa davvero speciale!

Arredare e decorare la casa non deve essere per forza di cose costoso, si riescono a trovare oggetti particolari per qualunque tasca!

Ma i dettagli possono davvero fare la differenza, qualunque stile o mix di stili tu scelga per la tua casa.

Vediamo insieme questi oggetti:

– CESTE IN VIMINI

Lo dicevo nell’articolo in cui parlavo dei prodotti Ikea (qui trovi l’articolo e qui il video!), le ceste danno calore, portano trame e danno anche un tocco sofisticato alla stanza.

Ne puoi mettere vicino al divano, come porta giornali, li puoi usare come coprivaso.

Le ceste sono un modo davvero semplice e poco dispendioso per dare quel tocco in più in qualunque stanza della casa!

Ceste in nvimini

(credits: Botteh Tapetes; coastalvintage.blogspot.com; mypie.site)

– CANDELE E PORTACANDELE

Le candele creano atmosfera, anche quando sono spente, quando sono accese apportano profumi e luce calda…

Con il giusto portacandele aiuterà a creare una bella composizione.

Ce ne sono di tutte le forme e di tutti i materiali, scegli quello che meglio si abbini con lo stile di casa tua, magari abbinando materiali e forme diverse per un effetto particolare!

Le candele sono un altro modo poco caro di per migliorare l’atmosfera e rendere la casa accogliente invitante e personale!

(credits: olagiatingunaika.gr; aliexspress.com; ilpampanodesignbimbi.com)

– CARTA DA PARATI

La carta da parati ha un forte impatto visivo ed esiste in una varietà infinita di colori e disegni.

Non è necessario coprire tutti muri, la potresti usare anche solo in un punto strategico per creare un punto focale, aiuterà ad enfatizzare quella determinata zona.

La puoi mettere sulla parete letto, oppure su quella del divano, o ancora, perché no anche in bagno! In questo caso esistono carte studiate apposta per resistere all’umidità.

La carta da parata è un ottimo modo per dare un po’ di movimento, colore e dimensionalità all’ambiente.

Nel scegliere una carta da parati ovviamente tieni presente colori e arredi che hai già in casa per mantenere armonia!

(credits: wallanddeco.com; artheco.it; lionshome.it)

– COLORE

Quante volte me lo hai sentito dire, il colore è davvero un alleato potente per decorare la casa e personalizzarla.

Come per la carta da parati non è obbligatorio usarlo su tutti i muri, puoi fare una sola parete, o una porzione di essa…

Puoi anche usarlo solo per mobili o complementi, anche se forse così mancherebbe quel quid.

Un modo per rendere una stanza invitante e accogliente è usare un colore su un muro e riprenderlo in qualche oggetto, nei cuscini, una poltrona o nel tappeto.

Questo crea coesione, armonia, ma anche ritmo!

(credits: wayfair.com; @interiors_dd)

– SPECCHI

Se hai una stanza piccola lo specchio è indispensabile perché, riflettendo la luce, amplifica lo spazio.

Ma a prescindere lo specchio è un elemento che da subito un tocco di eleganza e stile!

Gli specchi possono essere messi ovunque, in entrata, sopra al camino per i fortunati che ce l’hanno in un corridoio, sopra al divano, ma  anche appoggiati a terra contro il muro.

Si trovano specchi di tutte le forme e grandezze, anche qui per tutte le tasche!

È un elemento decorativo dal forte impatto che può fare una grande differenza!

(credits: theurbnite.com; ferm living)

– LAMPADE

Le lampade sono funzionali perché apportano luce, ma possono essere davvero molto decorative.

Per aggiungere una lampada pensa a ciò che fai in quella stanza in modo da usarla nella maniera più utile per te e dare quel tocco di charme in più.

Per esempio se ti piace leggere sulla tua poltrona preferita sarà comoda una bella piantana oppure, se vicino hai un appoggio, una bella lampada da tavolo!

Come per i portacandele, trovi lampade di materiali diversi e dalle forme più disparate!

(credits: Noted Design Studio; sklum.com; diffusioneshop.com)

– PIANTE E FIORI FRESCHI

Piante e fiori trasformano lo spazio, lo rendono immediatamente più elegante, danno un tocco di freschezza, colore e anche profumo!

La loro forma organica e la loro capacità di purificare l’aria inoltre aiutano il rilassamento.

Osserva lo spazio e guarda dove hai necessità di vita e colore, lì sarà il posto giusto per mettere una pianta o un vaso di fiori!

Puoi anche decidere di mettere un vaso con foglie tipo la monstera, durano settimane e sono davvero d’impatto!

Come detto spesso evita piante e fiori finti se non a piccolissime dosi, quelle vere hanno degli effetti benefici che le altre non hanno.

Ci sono piante che sono semplici da curare, che possono però davvero migliorare lo stile di casa tua!

Ricordati di abbellire la tua pianta con dei bei coprivaso!

(credits: Brianne Penney; thevintagerugshop.com)

– USA QUALCOSA CHE AMI

Non c’è niente di più personale che decorare con le tue passioni!

Ami la fotografia? Crea una bellissima galleria di immagini!

Ami i libri? Appoggiali anche su un coffe table per dare quel tocco di raffinatezza.

Usare quello che hai, quello che ti rappresenta è una maniera creativa per decorare e rendere la tua casa davvero unica!

La casa ti deve rappresentare, quindi mostra chi sei, usa ciò che ami per rendere la casa personale!

(credits: @Brittney Edwards; etsy.com; urbanoutfitters.com)

 

Ci sono altri elementi, secondo te, indispensabili per rendere la casa invitante, accogliente e personale? Dimmelo nei commenti!

Spero che questo articolo ti sia piaciuto, nel caso dimmi anche questo nei commenti e se vorrai condividerlo con qualcuno a cui pensi possa interessare ne sarò onorata.

Se vuoi cambiare qualcosa di casa tua e hai bisogno di una mano non esitare a  contattarmi!

Avere un bagno piccolo è davvero un problema, e, nelle case che ne hanno due spesso e volentieri almeno uno dei due è davvero piccolissimo, magari anche senza finestra.

Il bagno piccolo è un ambiente davvero sfidante da progettare, ma con alcuni piccoli trucchetti lo si potrà far sembrare più grande, rendere funzionale e anche decisamente di tendenza!

Vediamoli insieme

– MISURE DEGLI SPAZI

La prima cosa da fare è misurare lo spazio a disposizione per capire come muoversi e comprare elementi proporzionati!

Ci sono delle norme specifiche sulle distanze minime tra elementi fissi come wc e bidet, una volta individuati e posizionati correttamente potrai decidere lavabo (con o senza mobile) doccia o vasca e tutto il resto.

(credits: besidebathrooms.com)

Per quanto riguarda il lavabo, evita di appoggiarlo o incastrarlo in grossi mobili che appoggiano a terra: meglio mobili sospesi, semplici assi o strutture leggere e aperte.

Poter vedere oltre, o avere dello spazio a terra amplifica visivamente gli spazi.

(credits: Sonia Meneghin; xlab.design)

Ricorda che non c’è una misura minima per il lavabo, tutto dipenderà dall’uso che ne fai, dalle tue esigenze.

In caso di bagno secondario un lavabo dalle dimensioni ridotte potrebbe davvero fare la differenza!

(credits: scarabeosrl.com; homedesignlover.com)

In caso di lavabo più grande comunque attenzione alle proporzioni con lo spazio a disposizione!
Magari basta anche solo fare attenzione alla forma: un lavabo arrotondato potrebbe essere più funzionale di uno squadrato!

Una volta individuati le posizioni degli elementi fissi allora potrai scegliere il resto come materiali e colori che possano aiutare ad ingrandire visivamente il bagno.

– RUBINETTERIA A MURO

Può sembrare sciocco, ma avere la rubinetteria a muro ti permette di liberare spazio recuperando quei centimetri dove è ancorato il rubinetto.

Un rubinetto a muro da un tocco di stile al bagno e risulta super funzionale anche per la pulizia: non ci sarà il fastidioso alone che si crea sul lavabo intorno al rubinetto!

(credits: alliedmaker.com; espace-aubade.fr)

In caso di lavabo tipo “ciotola” (passami il termine) appoggiato ad un mobile o ad un asse puoi anche mettere il rubinetto lateralmente.

(credits: group-hadara.com; looox.nl)

– COLORI (chiari e… scuri!)

Per far sembrare un bagno più grande il trucco è di usare pochissimo contrasto con i colori!

Colori chiari, illumineranno e daranno molto respiro al bagno.

Tutto dovrà essere chiaro: muri, elementi, mobili e dettagli, come maniglie; questi ultimi illumineranno ancora di più se avranno una finitura lucida!

Con chiaro non intendo bianco per forza di cose, ma anche nell’utilizzo di un qualunque colore, usalo nella versione chiara, desaturata.

(credits: thehappyhousie.porch.com; Meg Graf Designs)

Anche le tende, chiare e leggere, magari a pacchetto e semi tirate su… è un piccolo dettaglio che allargherà subito otticamente lo spazio.

 

(credits: helloalva.com; ph Michael J. Lee)

Devi però sapere che NON sei costretta ad usare per forza tonalità chiare, sembra assurdo ma i colori molto scuri, soprattutto in bagni senza finestre, danno un senso di profondità dando l’illusione di uno spazio più grande!

Il trucco anche con i colori scuri è di usare pochissimo contrasto: tutto deve essere scuro (fatto salvo i sanitari se non vuoi!). Un’altra furba strategia è quella di usare colori lucidi in modo da riflettere la luce dappertutto!

Come colori chiari non significa bianco, così colori scuri non significa per forza nero, ma colori intensi e luci basse per rendere tutto un po’ teatrale!

 

(credits: dezignark.com; homedit.com)

– BOX DOCCIA E VASCA

Quanto più possibile sarebbe ideale avere box doccia e vasca senza intelaiatura, perché questa crea una barriera.

Sicuramente dove deve per forza esserci questa deve essere il più minimale possibile e chiara (se scegli i colori scuri, va da se che andrà bene scura, ma sempre minimal)

Dove possibile puoi anche mettere un semplice pannello fisso!

(credits: Jacqui Turk; casework.it)

Ovviamente in caso di doccia senza porta bisognerà fare particolare attenzione allo scarico, che sia più grande del normale per non trovarsi l’acqua in giro per il bagno!

In caso di vasca puoi optare per la tenda, una volta aperta non creerà nessuna barriera visiva e aggiungerà un tocco di colore al bagno.

(credits: lovegrowswild.com; stranddesign.com)

– RIVESTIMENTI DALLE FANTASIE GRANDI

Carta da parati o piastrelle dalle fantasie grandi aiutano a dare l’impressione di una ambiente più grande.

Più la fantasia è grande più lo spazio sembrerà ampio!

In questo caso andare “fuori scala, fuori proporzione” è assolutamente consigliabile, quindi libera la tua creatività!!

(credits: anewall.com; etsy.com)

Se non ami le fantasie grandi puoi decidere di prendere pattern piccoli SOLO a condizione che siano tono su tono, con pochissimo contrasto, questo darà l’impressione di un colore più che di una fantasia.

(credits: jenkinsinteriors.com; rebeccaatwood.com)

 

Se la fantasia che ti piace è particolarmente forte, piena, potrebbe essere il caso di usarla solo nella metà alta del muro e piastrellare l’altra metà, per alleggerire un po’!

– PIASTRELLE

Laddove tu non vuoi usare la carta da parati, ma piastrelle, un trucco per far sembrare il tuo bagno più grande è di piastrellare tutti i muri fino a soffitto.

Questo darà un bell’effetto al tuo bagno piccolo!

Come per le fantasie l’ideale è usare piastrelle molto grandi e evitare il più possibile la vista delle fughe!

Non è obbligatorio avere tutti muri con la stessa piastrella, puoi cambiarla nella zona doccia/vasca sempre con l’accortezza di usare poco contrasto!

(credits: redefineinterior.com; lashopagranite.com)

Per quanto riguarda il pavimento, oltre a piastrelle grandi è un’ottima idea usare la stessa piastrella anche al posto del piatto doccia.

Il cambio di materiale crea un confine e questo rimpicciolisce lo spazio.

Se non hai la doccia, ma una vasca incassata puoi pensare di rivestire il muretto con la stessa piastrella del pavimento.

(credits: hupehome.com; i1.wp.com)

– SPECCHIA L’INTERO MURO

Lo specchio riflette la luce e questo amplierà immediatamente lo spazio.

Quindi pensare a un grande specchio che prenda tutta la parete, magari fino a soffitto sarà davvero di grande impatto.

Questo vale soprattutto nei bagni senza finestra… sarà lo specchio a fungere in qualche modo da finestra riflettendo e moltiplicando la luce della stanza.

(credits: eixoz.arq.br; Ph Alessandra Bonotto Hoffmann Paim)

Ovviamente UNA sola parete, evitiamo l’effetto ripetizione all’infinto specchiando tutte le pareti o anche solo le pareti opposte, in questo caso l’unica cosa che si avrà è un gran mal di testa!!

– DAVANZALI E MOBILI CONTENITORI

Creare un piccolo davanzale lungo tutto il muro su cui poter poggiare degli oggetti è un altro valido modo per ampliare otticamente gli spazi.

Lo so può sembrare contro  intuitivo perché di fatto significa rimpicciolire di qualche cm, ma aver uno spazio dove appoggiare magari un quadro o comunque pochi oggetti decorativi ben scelti darà davvero l’illusione di un ambiente più grande.

(credits: oldbrandnew.com; studioezra.com)

Per quanto riguarda i mobili contenitori invece quelli dovranno essere ben chiusi!

In un bagno piccolo le cose a vista come asciugamani e contenitori, anche se ben sistemati, creano disordine e rimpiccioliscono!

 

Con queste piccole accortezza anche un bagno piccolo può diventare funzionale e di tendenza, quasi un piccolo gioiello della casa!

Spero che questo articolo ti sia piaciuto nel caso fammelo sapere nei commenti, e se vorrai condividerlo ne sarò estremamente felice.

Se hai un bagno piccolo e, nonostante questi suggerimenti, hai paura di sbagliare non esitare a contattarmi!

Sapevi che l’elemento più importante in interior design è il punto focale?

È davvero un elemento fondamentale da tenere in considerazione quando si progetta l’arredo di una casa!

Cosa è un punto focale? È l’area della stanza che cattura lo sguardo perché di maggiore interesse visivo.

È un elemento che deve emergere rispetto agli altri elementi della stessa stanza per via del colore, della grandezza, dello stile o del materiale!

Il punto focale è un elemento importante in interior design, perché definisce in qualche modo lo spazio: rispetto a questo, infatti, verranno decisi gli altri elementi e i mobili e la loro posizione, e, di conseguenza anche la fruizione della stanza.

Studia ogni stanza cercando quelli che possono già essere gli elementi architettonici importanti da valorizzare.

Se non ci fossero cerca di capire qual è la zona che potrebbe risultare più adatta per creare un’area interessante da guardare.

Lo puoi fare studiando come vorresti muoverti e vivere quello specifico spazio.

Si possono avere più punti focali in una casa? Certamente sì, ogni stanza può, anzi deve avere il suo punto focale.

L’accortezza che si dovrà avere è di non far “competere” tra di loro questi punti focali, perché, in caso contrario, si perderebbe il significato stesso di punto focale!

Si dovrà cercar, quindi, di creare punti focali che siano visivamente diversi!

Se in entrata per esempio hai usato un colore a parete come punto focale, in sala il punto focale dovrà essere altro, come un camino, uno specchio, o anche la parete tv!

(credits: vivadecora.com; Rugh Design)

I due punti focali così NON competeranno tra di loro, attireranno l’attenzione, stimolando la voglia di godersi ogni ambiente!

(credits: vivadecora.com; alibaba.com)

Vediamo ora come creare un punto focale, stanza per stanza!

– ENTRATA

Se hai la fortuna di avere un’entrata, anche piccola, ricorda che quella è la prima cosa che si vedrà e la prima impressione che si può percepire della casa.

Il punto focale potrebbe essere un grande specchio sopra una consolle, un quadro vivace o uno straordinario vaso di fiori!

L’importante è scegliere UN elemento principale che attiri l’attenzione dopo di ché usare altri elementi, come luce o oggetti decorativi, per enfatizzare il principale!

Questo elemento deve attirare l’attenzione e “invitare” ad entrare!

(credits: albertolamaphotography.com; studio-mcgee.com; pianetadesign.it)

– LIVING

Come accennato prima nel living il punto focale potrebbe essere un bel camino, per i fortunati che lo hanno, oppure la parete tv.

Ma potresti anche decidere di avere una parete piena di foto o quadri, oppure con una bella e particolare carta da parati…

Se sei fortunata anche una grande finestra con super vista può essere il punto focale!

Quando hai capito dove e come creare questo punto focale, che, deve in qualche modo “dominare” sul resto della stanza, allora sistemerai il tuo arredo di conseguenza!

(credits: edilnet.it; vault-light.com)

– SALA DA PRANZO

Nella sala da pranzo solitamente la fa da padrona il tavolo, quindi il punto focale potrebbe essere un grande e particolare centro tavola!

Oppure potresti decidere di avere un bellissimo e stiloso lampadario sopra al tavolo, che attiri immediatamente lo sguardo.

Che tu scelga il centro tavola o il lampadario, ricorda che i muri dovranno rimanere molto semplici e lineari, al fine di non “rubare la scena”.

Naturalmente puoi decidere il contrario e scegliere una parete come punto focale con un bellissimo specchio o quadro o ancora una particolare carta da parati.

In questo caso saranno lampadario e centro tavola ad essere più “modesti” per non competere con il muro!

(credits: dearkitchen.it; casatuaitalia.it; beiboerfineart.com)

– CUCINA

Anche in cucina è possibile avere un punto focale!

Studia lo spazio per valutare le aree potenziali da trasformare, appunto, in punto focale.

Potresti scegliere un colorato o materico paraschizzi, oppure una cappa molto particolare, magari di design o ancora una splendida credenza.

Come sempre la cosa importante è poi usare altri elementi come la luce o il colore che possano enfatizzare questo punto focale.

(credits: bilderwelten.it; homedesignlover.com)

In caso di open space con il living o con la sala da pranzo tieni presente come queste due aree sono connesse tra di loro e cerca il punto più importante e interessante.

Essendo uno spazio unico meglio avere un solo punto focale!

(credits: pinterest.co.uk)

– CAMERA DA LETTO

Come in sala da pranzo è il tavolo a farla da padrona, in camera da letto l’elemento principale è il letto.

Quindi il punto focale della stanza dovrebbe essere la parete letto!

Puoi decidere di avere una testata particolare, oppure decorare il muro con un colore che sia in contrasto con il letto, oppure con una carta da parati, o ancora con una galleria immagini…

Ci sono molti modi per decorare la parete letto, ne parlo qui!

Se però, entrando nella tua stanza ci fosse qualcosa di diverso su cui vuoi “attirare l’attenzione”, come una toiletta con un bello specchio perché non rendere quello il punto focale?

(credits: thespruce.com; casamagazine.it)

– BAGNO

Anche nel bagno è importante avere un punto focale per dare quel tocco in più!

Tendenzialmente il punto focale è la zona specchio.

Puoi decidere di usare uno specchio particolare magari retro illuminato, piastrelle colorate con particolari texture, ma anche qui potresti usare la carta da parati (ne esistono di particolari, molto resistenti all’umidità!)

Se entrando la prima cosa che vedi è la zona doccia o la zona vasca, potresti decidere di rendere quell’area il tuo punto focale sempre con rivestimento murale particolare che contrasti con il resto della stanza per colori, forme o materiali.

(credits: il-bagno.it; arredobagno.shop)

In un bagno il wc non dovrebbe essere la prima cosa che si vede, ma questo non sempre è possibile! Ecco che però studiare correttamente il punto focale può essere d’aiuto per attirare lo sguardo su elementi interessanti facendo passare in secondo piano il resto!

(credits: pinterest; pianetadesign.it)

 

Come vedi il punto focale è davvero un importante elemento in interior design per ogni ambiente della casa!

Per riuscire, in ogni stanza prova a trovare la zona migliore per crearlo; ricordati di vedere prima di tutto se ci sono già elementi architettonici che vale la pena enfatizzare.

Poi valuta come vuoi vivere quell’ambiente e cosa vuoi che venga visto per primo in quella camera.

Usa i punti focali per attirare l’attenzione dove vuoi tu!

Usare il contrasto, vuoi per colore, per forma o materiale è il miglior modo per creare punti focali efficaci e di grande impatto. (il contrasto dei 6 concetti base in interior, ne parlo qui)

Creare un punto focale è importante per rendere quella stanza unica e speciale!

 

Spero che questo articolo sull’elemento più importante in interior design ti sia piaciuto e ti abbia dato spunti interessanti.

Se vuoi conoscere altri trucchi per avere ambienti armoniosi e coerenti ti consiglio di guardare questo video!

Se hai dei dubbi non esitare a scrivermelo nei commenti, se poi hai bisogno di una mano, non esitare a contattarmi!

Arredare una casa piccola è davvero una sfida, ma si può fare, con un poco di astuzia e attenzione.

Ci sono almeno 5 errori molto comuni che vengono fatti nell’arredare una casa piccola, ne vorrei parlare oggi dandoti alcuni suggerimenti e trucchi per evitarli o sistemarli!

Pronta? Vediamoli insieme:

1 – MOBILI SCURI E PESANTI

Uno degli errori più comuni è quello di usare mobili pesanti e scuri.

Mobili dalle strutture importanti, piene e scuri visualmente rimpiccioliscono gli ambienti, soffocandoli un po’!

Meglio evitarli usando invece mobili con profili leggeri come sedie e tavoli/tavolini con gambe sottili.

Cerca di prendere elementi d’arredo in cui sia possibile vedere attraverso la struttura, questo è un trucchetto per ingannare la mente: se riesci a vedere lo spazio che c’è oltre un mobile o un complemento d’arredo ti sembrerà che lo spazio sia più grande!

Arredi meno pesanti inoltre faranno percepire l’ambiente più arioso, elegante e quindi anche più piacevole!

Perciò NO a mobili voluminosi, pesanti e scuri, SÌ a mobili dalle strutture leggere, aperti e chiari!

(credits: moebel.ladendirekt.de; lago.it)

(credits: Room & Board; hackrea.com)

2 – TAPPETI PICCOLI

Un altro errore molto frequente è quello di prendere un tappeto piccolo… questo in realtà non andrebbe mai bene, nemmeno in una casa grande, ma diventa davvero dannoso in una casa piccola.

Un tappeto piccolo darà la sensazione di un ambiente più piccolo perché crea dei confini.

Questo farà sì che la mente verrà in qualche modo attratta da quei confini staccando la parte del tappeto da tutto il resto.

Il tappeto dovrebbe essere grande e racchiudere, contenere gli elementi d’arredo, o almeno essere sotto le gambe frontali degli arredi.

Questo farà vedere meno bordi del tappeto, e di conseguenza, meno confini!

Quindi NO a tappeti piccoli, piuttosto meglio non averli, SÌ a tappeti grandi che vanno sotto il mobilio!

(credits: rugsusa.com; Margaret Boatner)

 

3 – PAVIMENTI DIVERSI E CONTRASTANTI

È un classico errore anche quello di avere pavimenti diversi con colori in forte contrasto.

Il contrasto è un elemento fondamentale in interior design, ma va saputo usare!

Pavimenti diversi e contrastanti sono ottimi quando si deve dividere otticamente un ambiente grande che contiene 2 funzionalità, come un open-space con cucina e living per esempio.

Ma in un ambiente piccolo vale un po’ il principio che abbiamo appena visto con il tappeto: pavimenti diversi con colori diversi e contrastanti creano confini e rimpiccioliscono otticamente gli spazi.

Quando lo spazio è poco l’uniformità è fondamentale, quindi se vuoi mettere due pavimenti diversi prendili della stessa tonalità.

Il passaggio da un pavimento all’altro sarà delicato e questo farà percepire le varie zone come un ambiente unico e quindi più grande!

Per questo motivo, sarebbe opportuno, dove ci sono i tappeti, che oltre ad essere grandi, abbiano le stesse tonalità del pavimento.

Noterai le diverse texture, ma non vedrai barriere che dividono nettamente l’ambiente in spazi diversi!

Perciò NO a grandi contrasti sui pavimenti, SÌ a uniformità, ok cambiare texture, ma mantenere il più possibile le stesse tonalità!

(credits: progressprofiles.com; materiesuperficiarredo.it)

4 – NON PROGETTARE LO SPAZIO

Il non progettare gli spazi quando si arreda è un errore molto frequente, ma diventa particolarmente visibile quando lo spazio è poco!

In ambienti piccoli è davvero essenziale riuscire a fruttare al meglio gli spazi a seconda del proprio modo di essere.

Quindi ogni volta che vorresti comprare qualcosa chiediti:
– come usi quello spazio
– chi vive lì
– quali sono le tue reali esigenze.

Questo serve per riuscire a comprare solo il necessario per rendere i tuoi spazi funzionali e efficienti.

Ti faccio un esempio, se in una casa piccola vivete in 2 è inutile prendere un divano da 3 posti, o angolare… basterà un divano 2 posti, comodo e magari qualche seduta, che però puoi usare vicino al tavolo se hai degli ospiti!

Naturalmente dovrai fare attenzione che tutti gli elementi si parlino in maniera armoniosa, per ambienti davvero sorprendenti!

Elementi multifunzionali sono indispensabili per arredare una casa piccola:
– una seduta, come nell’esempio precedente, che possa servire da relax vicino al divano, ma che all’occasione funga da sedia da accostare al tavolo da pranzo.
– un coffe table che diventa un tavolo…
– un pouf che funga da tavolino o da elemento contenitore…

Questi elementi permettono, di avere bisogno di meno cose e avere più spazio libero!

Quindi NO ad arredi presi solo perché piacciono, SÌ a progettare gli ambienti secondo le proprie esigenze.

(credits: ;instagram.comp60U_nKM-AFtaken-by=jackieruedaphotography)

5 – USARE SOLO I PAVIMENTI

Ancora, un errore molto frequente è quello di usare solo i pavimenti, ma lo spazio è tridimensionale e in ambienti piccoli dobbiamo sfruttare davvero ogni superficie disponibile.

Quindi muri, ma anche soffitto dove possibile!

Pensa in verticale magari con mensole o mobili da appendere ai muri come spazio per riporre, in cucina potresti pensare di attaccare un tavolo reclinabile a parte anziché un classico tavolino.

Usa lampade a muro invece che lampade a terra, riuscirai ad illuminare correttamente lasciando più passaggio.

Ovviamente lampade a soffitto, ma perché no, potresti appenderci anche una seduta, o, se l’altezza lo consentisse, ribassare il soffitto per avere dall’altro spazio per riporre!

Anche le piante, invece che metterle a terra puoi pensare di appenderle…

Pensare verticale ti permetterà di avere in casa tutto ciò che ti piace e desideri senza soffocare il pavimento e permettendo una migliore fruizione degli spazi.

Avrai così una casa funzionale per il tuo modo di viverla, ma anche bella e soprattutto confortevole!

Quindi, NO a tutto appoggiato a terra, SÌ a fare spazio alla fantasia sfruttando al meglio ogni superficie a disposizione!

(credit: carousell.sgpbohemian; elle.se Johanna-bradford)

 

Spero che questo articolo su quali errori evitare per arredare una casa piccola ti sia piaciuto e soprattutto ti sia stato utile, nel caso fammelo sapere nei commenti!

Se vuoi, qui do altri piccoli trucchi per vivere al meglio un appartamento piccolo!

Se però hai dei dubbi non esitare a contattarmi!

Come scegliere i colori neutri per gli ambienti di casa?

I colori neutri sono davvero i colori molto utilizzati in interior, perché sono versatili e fanno da sfondo perfetto per l’arredo e per le forme e le geometrie architettoniche.

Aiutano a dare agli ambienti eleganza e danno un senso di calma.

Si fa presto però a dire “colori neutri”, ci sono in realtà alcuni fattori importanti che bisogna conoscere e considerare per capire come scegliere il colore giusto per la tua casa…

Vediamoli insieme.

QUALI SONO I NEUTRI?

Prima di tutto è importante capire quali sono i colori che definiamo neutri!

Di base sono tutti quei colori che non hanno un forte indice cromatico, insomma hanno una bassa intensità e saturazione.

I neutri si dividono in 2 categorie:

– neutri puri che sono bianco grigio e nero

– quasi neutri che si ottengono mischiando un colore con un neutro puro, oppure mischiando 2 colori complementari.

Ti faccio un esempio: se prendi un blu e gli aggiungi del bianco ad un certo punto perderà la sua saturazione fino a diventare un praticamente bianco, con un sottotono blu!

Questo bianco che è stato creato diventa a tutti gli effetti un colore neutro, ma si differenzia dai neutri puri proprio per via del suo sottotono.

1) ATTENZIONE AL SOTTOTONO

Il sottotono è quello che differenzia i quasi neutri ed è il motivo per cui non è così facile sceglierli.

È anche il motivo per cui spesso il risultato applicato al muro è diverso da quello che ci aspettavamo!

A causa di questo sottotono i neutri, anche se sembrano non contenere colori, in realtà ce l’hanno:

un bianco per esempio, a meno che non sia il bianco puro, potrebbe risultare più giallino o più blu a seconda del sottotono.

Questo cambia la percezione dell’ambiente, un bianco con sottotono giallo risulterà più caldo che uno con sottotono blu!

 

Ecco quindi che diventa essenziale, per sapere come scegliere i colori neutri giusti, sapere qual è il loro sottotono!

Riconoscere questo benedetto sottotono non è immediato, ma c’è un trucchetto per riuscire a scoprirli:

comparare il quasi neutro con un neutro puro.

In sostanza bisognerebbe appoggiare il campione del colore su un foglio di carta del neutro puro, il sottotono sarà subito chiaro!

Se prendi un neutro bianco da solo potrebbe sembrarti bianco e basta, ma se lo paragoni al bianco puro ti renderai immediatamente conto verso quale colore tende!

Lo stesso vale per grigi e neri!

2) NEUTRI CALDI E FREDDI

I quasi neutri, sempre per via del loro sottotono, si suddividono ancora in neutri caldi e neutri freddi.

Caldo e freddo sono un altro elemento importante da considerare quando si deve scegliere un colore neutro!

Sapendo qual è il colore di base di un determinato neutro, sarà facile posizionarlo sulla ruota del colore e capire così se si trova nella metà dei colori freddi o nella metà dei colori caldi.

Da questo si evince che neutri con sottotoni blu, viola, verde saranno freddi, mentre quelli con sottotoni rosso, giallo e arancio saranno caldi.

È importante scegliere la giusta “temperatura” di neutro, perché sarà lo sfondo e la base per i tuoi ambienti, per il tuo stile e per le sensazioni che vuoi vivere.

Saranno anche la base da cui partire per creare la tua palette colori.

I colori devono poter comunicare tra di loro per creare ambienti coesi e armoniosi.

Quindi conoscendo il sottotono del neutro che sceglierai potrai poi abbinarlo con altri colori  seguendo uno dei sei modi in cui è possibile combinare i colori con la ruota del colore (ne parlo qui).

3) ATTENZIONE ALLA LUCE:

Il tipo di luce presente nella stanza è un elemento fondamentale, perché altera la nostra percezione dei colori.

Una luce naturale diretta è diversa da una luce naturale indiretta e ovviamente da una luce artificiale.

Quella artificiale, come abbiamo visto in altre occasioni, cambia a seconda della temperatura colore delle lampadine che possono essere calde, neutre o fredde.

Per esempio un muro dipinto in bianco puro sembrerà giallino con una luce calda e blu con una luce fredda!

Per riuscire a mantenere la percezione dei reali colori l’ideale è che la luce ambiente, quella generale, sia neutra (di temperatura colore e molto altro sull’illuminazione ne parlo qui).

Per questi motivi sarebbe quindi ideale fare delle prove e dipingere una porzione di tutti i muri e osservare la loro resa durante la giornata, sia con luce naturale che artificiale.

Attenzione anche ai vari elementi presenti nella stanza e a come riflettono la luce perché anche questo riflesso cambierà il la percezione del colore.

4) STILE E ATMOSFERA

Sapere che stile e che atmosfera vuoi respirare in un determinato ambiente è un altro elemento importante per poter scegliere il colore neutro giusto per te.

Se vuoi dare  un’impronta invitante, calda e confortevole tendenzialmente i neutri caldi sono quello che fa per te.

(credits H&M HOME)

Se invece preferisci qualcosa di più sofisticato, fresco saranno più adatti neutri freddi.

(credits cocolapinedesign.com)

Se preferisci un stile minimalista i neutri puri sono l’ideale.

(credits rikreainteriors.it)

Spero che questo articolo ti sia stato utile per capire come scegliere i colori neutri per la tua casa.
in caso di dubbi non esitare a contattarmi.