Articoli

Il paraschizzi della cucina, nasce per proteggere il muro dall’acqua e dagli schizzi di cibo che inevitabilmente si fanno quando si cucina.

Per questo motivo bisogna scegliere bene il materiale da usare che dovrà essere resistente ad acqua, calore umidità e anche ai detergenti che si usano per pulire.

Una volta si ricoprivano con le piastrelle fino a 2 metri tutti i muri della cucina, come si faceva con i bagni, poi solo le pareti dove sarebbero stati posizionati i mobili, fino ad oggi che è diventata una fascia che va dal top del piano di lavoro fino alla base dei pensili.

Con questo ridimensionamento il paraschizzi della cucina oltre a rimanere funzionale è diventato un vero elemento caratterizzante di questo ambiente.

Ci sono infatti molte possibilità diverse di scelta per il paraschizzi e vorrei vederne qualcuna insieme.

Il colore andrebbe visto insieme allo stile della cucina e al top scelto e si può fare in tre modi:

– in armonia con le tonalità della cucina, quindi un tono su tono;

– in contrasto con il resto usando colori che facciano risaltare questa fascia;

– in alcuni casi è possibile anche scegliere lo stesso materiale del top per creare il paraschizzi.

(credit: Lauren Eloise; abckuchnie.pl; suarco.es)

Altri due aspetti da valutare sono

– tinta unita o disegno?

– finitura lucida o opaca?

(credit: Marion Alberge; yoju360.com)

(credit: fillyourhomewithlove.com; domino.com)

Definite queste cose allora si andrà a scegliere il materiale giusto, vediamone insieme qualcuno:

1 – PIASTRELLE CERAMICA, GRES PORCELLANATO E CEMENTINE:

Le piastrelle in ceramica sono un classico e sul mercato se ne trovano di tutte le forme, dimensioni e colori, sarà facile trovare quella che si abbina perfettamente alla tua cucina.

(credit: viverelostile; Fox Homes)

Ultimamente sono tornate anche di moda le cementine che sono un tipo di piastrella costituita da una base di sabbia e cemento e un agglomerato di frammenti di marmo mescolato, di nuovo, con cemento e ossidi naturali.

Sono più spesse delle piastrelle di ceramica e di solito più grezze perché artigianali.

(credit: mosaic factory; marazzi.it)

Tra le piastrelle ci sono anche quelle in gres porcellanato che è un materiale davvero molto resistente.

Con questo materiale fanno anche piastrelle effetto legno, marmo e cementine.

Alcuni produttori, come Marazzi, inoltre, producono, con il gres porcellanato anche delle lastre molto grandi che permettono di avere top e paraschizzi uguali!

Top e paraschizzi uguali donano uniformità ed eleganza alla cucina e, per un effetto ancor più completo sappi che, con questo materiale è possibile anche fare il lavandino!

(credit: marazzi.it)

2 – PIETRE SINTERIZZATE

Le pietre sinterizzate sono materiali 100% naturali e riciclabili, molto performanti: sono infatti super resistenti a graffi, macchie e sbalzi di temperature, igienici e facili da pulire.

Sono solitamente prodotte in lastre dal grande formato, anche qui è possibile avere top, paraschizzi e lavello dello stesso materiale.

In commercio le marche più conosciute sono il Neolith, Dekton e Lapitec.

(credit:lapitec.com; neolith.com)

3 – LEGNO

Rimanendo in tema di materiali naturali se hai il pavimento in parquet perché non proseguire anche sul muro e fare il paraschizzi dello stesso materiale?

Ovviamente lo puoi usare anche se non hai il parquet a pavimento, riscalderà l’ambiente e sarà un elemento inaspettato in cucina!

Ci sono dei legni che sono altamente resistenti all’umidità e agli sbalzi di temperatura, con un corretto trattamento potrà essere anche un originale paraschizzi!

(credit: massiv-arbore.ru; mobila-artdecor.ro)

4 – RESINA E VERNICE

Per non avere alcuno spessore è possibile anche utilizzare la resina o delle speciali vernici lavabili!

Sono soluzioni fantastiche perché, oltre a non avere spessore non hanno fughe!

(La resina potrebbe essere una buona soluzione per cambiare un paraschizzi esistente, senza opere murarie!)

Sono idrorepellenti, resistono anche alle muffe e agli agenti chimici.

(credit: lemebel.com.ua; chiefhouse.ru)

Tra le vernici ricordo la vernice lavagna che permette di personalizzare la cucina con scritte ogni giorno diverse!

(credit: heimatbaum.com;@NeptuneHome)

5 – VETRO

Il vetro, nello specifico vetro temperato, è un altro materiale che si può usare per la fascia del paraschizzi.

Si può colorare o decorare il lato retrostante della lastra e anche retro illuminare per una funzionalità maggiore.

È igienico, facile da pulire, non teme umidità né calore ed essendoci la possibilità di avere tutte le dimensioni si eliminano le fughe!

(credit: damion.club; bhg.com)

6 – METALLO

Come il vetro si possono avere lastre di grandi dimensioni eliminando o quasi la presenza si fughe.

Ci sono vari tipi di metallo, acciaio, alluminio, ottone o rame.

Per un effetto wow, abbina la cappa in metallo a vista al paraschizzi scelto!

L’acciaio è un materiale un po’ freddo, perfetto ovviamente per le cucine professionali e anche per chi ha scelto uno stile industriale, ma se ben bilanciato sui può usare bene o male con tutte le cucine!

Se vuoi un tocco di più glamour allora meglio il rame, che però ha bisogno di qualche attenzione in più per l’installazione.

(credit: Lucy Harris Studio; apartment34.com)

7 – SPECCHIO

Lo specchio ha il vantaggio di amplificare visivamente lo spazio e la luce!

Quindi potrebbe essere un’ottima idea usare lo specchio come fascia paraschizzi, soprattutto se la cucina è piccola!

Piccola attenzione: dovrai avere un piano di lavoro con poche cose e ben ordinate, perché lo specchio riflette tutto, anche il caos!

(credit: cjad.squarespace.com; rougholdglass.co.uk)

8 – FENIX E HPL

Fenix e Hpl sono materiali costituiti da fibre di cellulosa a da resine termoindurenti che li rendono resistenti a impatti, graffi e variazioni di temperatura.

Il Fenix in particolare ti da la possibilità di rimarginare i micrograffi semplicemente scaldando la parte rovinata con il ferro da stiro!

Sono materiali igienici, facilmente pulibili, quindi molto adatti per la cucina.

Oltre che per paraschizzi possono essere usati anche per top e lavandino, e il Fenix anche per le ante dei mobiletti.

(credit: fenixforinteriors.com; arredo3.it)

9 – CARTA DA PARATI

No, non sono impazzita, anche la carta da parati può essere usata come paraschizzi per la cucina!

Ovviamente non tutte le carte da parati sono adatte per questa funzione, ma ne esistono di quelle speciali adatte ad ambienti umidi come bagno e cucina appunto; di solito sono carte in fibra di vetro.

Ovviamente la carta da parati ha un impatto deciso e forte, quindi bisognerà avere una cucina dai colori più neutri e non troppo appariscente per non saturare troppo la stanza.

È la scelta ideale se si vuole creare il punto focale in quella zona specifica della cucina.

(credit: architonic.com; Miriam Yeleq)

10 – PARASCHIZZI MAGNETICO

Concludiamo con una chicca, il paraschizzi magnetico!

Nasce come avanzamento del paraschizzi in vetro, ma si può fare anche con Dekton, laminam e Neolith!

Nella parte retrostante di questi materiali sono messi dei magneti che consentono di attaccare degli appositi accessori potendoli spostare a piacimento, cambiando così la fisionomia del paraschizzi!

(credit: magnetolab.it)

Spero che questo articolo ti sia stato utile e ti sia piaciuto, nel caso fammelo sapere nei commenti!

Sentiti libero/a di condividerlo con chiunque tu pensi possa essere interessato, ne sarò onorata e mi aiuterà a farmi conoscere.

Se hai bisogno di una consulenza per casa tua non esitare a contattarmi!

La cucina è la parte più funzionale della casa e ne è il cuore pulsante, saperla decorare al meglio è importante per far sì che sia anche accogliente ed invitante!

In un’intervista con l’ex chef Patty Smit (la trovi qui) abbiamo parlato dell’importanza di progettare una cucina partendo dagli elettrodomestici. Una volta fatto questo si potrà passare al resto della cucina, scegliendo stile e colori.

Per dare quel tocco in più a quest’ambiente migliorare la sua funzionalità, ma anche il design, ci sono 10 elementi che dovrebbero essere sempre presenti: vediamoli insieme!

1 – RUBINETTERIA!

Si fa presto a dire rubinetto! Non sempre si da molta importanza a questo elemento, ma sceglierlo con attenzione potrebbe cambiare faccia alla tua cucina!

Non accontentarti del classico rubinetto, in base ai colori presenti e agli altri metalli, scegli un rubinetto che non sia solo funzionale, ma che sia originale!

Fai in modo che possa richiamare con il colore o con la sua forma e stile altri elementi della cucina!

In commercio c’è davvero un’infinità di scelte sia di forme che di colore, e di tutti i prezzi!

(credits: Kevin Whatley; gessi.com; Kraus USA)

2 – MANIGLIE

Le maniglie sono dettagli davvero importanti, sono elementi caratterizzanti di una cucina.

Aiutano a definire lo stile e possono dare davvero quel tocco in più.

Valuta i materiali e le texture presenti, i colori  per scegliere la forma e il colore che meglio si adattano.

Prendi maniglie o pomelli che siano magari in contrasto con il colore dei mobili, ma che riprendano il materiale e il colore del rubinetto!

(Credits: hprnj.com; sustainablekitchens.co.uk; styleathome.com)

3 – TENDE

A meno che le finestre non siano grandi e non si affaccino su una vista spettacolare, le tende sono indispensabili per decorare la cucina!

Le tende vestono la stanza e conferiscono calore.

Se la cucina non è grande o se hai dei mobili sotto la finestra puoi optare per delle tende a vetro a pannello o anche a pacchetto (in questo caso puoi anche tenerle un a mezz’altezza!)

Se invece le dimensioni lo consentono puoi anche mettere dei veri e propri tendaggi, perché no?

Certo le tende saranno da lavare più spesso rispetto alle altre della casa, perché assorbiranno gli odori, ma è un piccolo inconveniente che sarà ripagato ampiamente dall’estetica che apporteranno!

(credits: bqdesign.com.au; Alicia Zupan Interior Design; fullofgraceinteriors.com)

4 – PIANTE

Le piante, lo abbiamo detto in altre occasioni, ti fanno sentire vicino alla natura e questo ha risvolti psicologici non indifferenti!

Le piante infatti hanno la capacità di ridurre lo stress aumentando la tua produttività!

Tra l’altro il verde è un colore calmante!

Come se questo non bastasse le piante hanno proprietà depurative quindi ti permettono di respirare un’aria migliore!

Sono favolose per decorare la cucina, perché le daranno anche un tocco di eleganza che non guasta mai!

Possono essere le piantine dei gusti appoggiate sul top, sull’isola se ce l’hai, o su qualche mensola, oppure, se lo spazio lo consente, anche piante a pavimento!

Se hai un giardino portare in cucina rami da mettere in acqua in vasi di vetro può essere un altro modo per apportare un tocco di freschezza in cucina!

(credits: living.corriere.com; Andreas Mikkel Hansen; decorgolddesigns.com)

5 – QUALCOSA DI PERSONALE

Come sempre ciò che renderà davvero unica la tua cucina è il mettere qualcosa di personale, qualcosa che ti possa rappresentare.

Vasi, taglieri, libri di cucina, quadri, stoviglie particolari come per esempio una vecchia teiera, o qualunque altro oggetto che faccia parte di te, sono tutti elementi che servono a decorare la tua cucina, ma anche e soprattutto a mostrare la tua personalità!

Questi dettagli sono importanti per rendere unico ogni ambiente, per dargli carattere…

(credits: the2seasons.com; pinterest Brittney Edwards; cottonwoodacres)

6 – SPAZI ORGANIZZATI

Questo potrebbe non sempre essere visibile, perché chiuso nei cassetti o negli armadi, ma riuscire ad organizzare al meglio, stoviglie, utensili e dispensa aiuteranno ad avere una cucina più pratica e funzionali, magari evitando di tenere troppe cose, non essenziali sul top.

Inoltre avere tutto ben organizzato faciliterà le “manovre” mentre cucini i tuoi manicaretti!

Per fare questo si trovano in commercio molti strumenti come contenitori, porta-coperchi, divisori per ripiani, portaposate e divisori da cassetti per utensili…

È molto importante avere un’idea ben chiara delle cose che usi di più per posizionarle in maniera strategica e funzionale, per fare questo valuta come ti muovi in cucina e quali sono le tue esigenze quando prepari da mangiare.

Una volta individuato questo e prese correttamente le varie misure potrai comprare gli strumenti più adatti per una perfetta organizzazione della cucina!

(credits: Architecture & Design; casatherapy.it; mutfi-idea)

7 – ILLUMINAZIONE SOTTOPENSILE

Una buona illuminazione è sempre indispensabile, ma lo diventa ancora di più in cucina!

La luce ambiente, a soffitto, è ottima, ma non basta, deve essere integrata con illuminazione sottopensile!

Questo è prima di tutto funzionale, perché permette di illuminare correttamente il top, evitando le ombre che l’altra luce potrebbe creare!

Diversi tipi i illuminazioni danno movimento e creano atmosfera.

(credits: biahajnal.com.br; legrand.us; johnlewis.com)

8 – ILLUMINAZIONE DECORATIVA

A seconda della forma e della grandezza della tua cucina aggiungere delle lampade decorative, che oltre ad abbellire la cucina potrà essere un supporto in più i luce.

Ad esempio diventa importante aggiungere un lampadario sul tavolo o sull’isola se ce l’hai (sull’isola possono anche essere una serie di lampade uguali)… così facendo illuminerai meglio quell’area specifica aggiungendo un pezzo d’arredo che crea movimento e da profondità.

Forma e colore devono andare in accordo con il resto della cucina, se usi lampade con parti in metallo per esempio potrebbero ricordare le maniglie e/o il rubinetto del lavandino!

(credits: roeserhomes.com; no20.no; Nicole Franzen)

9 – MATERIALI E TEXTURES NATURALI

I materiali e le texture naturali aiutano a scaldare gli ambienti rendendoli accoglienti e confortevoli.

Questo, in cucina, può essere fatto mettendo in bella vista elementi in legno come ciotole, taglieri o posate in legno, oppure ceste, magari come copri vaso per le piante.

Possono essere elementi d’arredo come mensole oppure sgabelli se hai un’isola…

Insieme alle piante o ai vasi con rami e fiori questo è un’altro modo per portare in casa la natura e decorare la cucina in maniera semplice, ma efficace.

Questi dettagli si abbineranno sempre perfettamente a qualunque colore e stile tu abbia la cucina, dandogli un tocco di raffinatezza in più!

(credits: zephyrandstone.com.au; mittogvaarthjem; ourvintagehomelove.blogspot.com)

10 – SGABELLI E SCALETTE

A meno che tu un sia un gigante, avere degli sgabelli o delle scalette diventa indispensabile per arrivare ai ripiani più alti degli armadietti in cucina.

Naturalmente puoi scegliere scalette pieghevoli che ritiri e nascondi alla vista, oppure puoi usare scalette e sgabelli come parte integrante della decorazione della tua cucina.

In commercio se ne trovano di tutti i generi, quelli in legno possono anche essere colorati a seconda dei tuoi gusti o dei colori già presenti!

(credits: Humphrey Munson; Ikea; Clara Cavagnis)

Ci sono altre cose che secondo te non dovrebbero mai mancare in cucina?
Fammelo sapere nei commenti!!

Se poi hai bisogno di un aiuto, un consiglio per decorare la tua cucina non esitare a contattarmi!

Open-space 7 idee per dividere cucina e soggiorno, che pur essendo due ambienti con funzionalità ben diverse, sono ormai spesso e volentieri insieme in un unico ambiente!!

Ci sono pro e contro ad avere cucina e soggiorno in un unico open-space, da un lato abbiamo maggiore spazio, non avendo pareti divisorie, ambienti più luminosi e sicuramente si aumenta la convivialità, perché potrai parlare con gli ospiti anche mentre cucini.

Dall’altro il disordine classico presente in cucina quando si preparano le pietanze sicuramente non è nascondibile e anche tutti gli odori non si possono “racchiudere”!

Ma come si arreda un open-space?

Una buona idea è di cercare di mantenere, almeno otticamente, separati questi 2 ambienti, mettendo in risalto le loro diverse funzionalità.

Ecco 6 idee per dividere cucina e soggiorno anche se sono in un unico open-space:

1) UTILIZZO DI CONTROSOFFITTATURA e/o PEDANA

Abbassare il soffitto di una delle due zone (tendenzialmente meglio la cucina) magari con l’utilizzo di faretti darà l’impressione di una divisione effettiva.

Si può anche fare il contrario e decidere di rialzare di uno o due gradini la cucina, anche questo dividerà le due zone.

Se l’altezza effettiva finale lo permette si potrà decidere di usare sia la pedana che la controsoffittatura creando così due ambienti ben distinti!

Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno                                   Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno

(credit iversonsignaturehomes.com)                                                            (credit Paul van de Kooi)

 

2) L’UTILIZZO DI BANCONE, ISOLA O PENISOLA

Se la stanza è grande e capiente si può porre un bancone, isola o una penisola (a seconda della forma della cucina) che delimiti la zona cottura dal soggiorno.

Sarà anche utilissima come piano lavoro, e perché no anche da tavolo snack!

In questo caso mettere gli sgabelli in modo da sedersi dando le spalle al soggiorno e guardando la cucina darà ancora maggior risalto a questa divisione.

L’utilizzo di luci che “cadono” su questo piano sarà un ulteriore aiuto per dare l’idea di una separazione!

Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno                                 Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno

(credit  Aubrie Pick)                                                                         (credit elmueble.com)

 

3) POSIZIONARE IL DIVANO DI SPALLE ALLA CUCINA

Il divano posizionato in questa maniera, ovvero in modo che chi si siede guardi in posizione opposta alla cucina, farà da “muro” divisorio tra le due aree!

Aggiungere un bel tappeto grande aiuterà ancora di più a mantenere otticamente divisi questi due spazi.

Se per caso il divano dietro non fosse troppo bello da vedere potrai sempre metterci una sorta di consolle o, ancora meglio, un mobile contenitore, che oltre a dividere i due ambienti darà altro spazio per riporre!

Se poi lo spazio fosse molto piccolo potrai appoggiare il divano al lato lungo del tavolo da pranzo!

Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno    (credit lesh-84.ru)

        Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno

(credit lesh-84.ru)

4) UTILIZZO DI PAVIMENTI DIVERSI

Usare colori o materiali diversi per i pavimenti delle due zone darà l’impressione di due ambienti divisi.

È sempre una questione ottica!

Naturalmente non è obbligatorio una linea netta a separare questi due pavimenti, ma giocando con forme diverse le due superfici si possono incontrare anche in maniera giocosa e più “morbida”.

Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno

(credit dezotti.com)

Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno

(credit socooc.com)

 

5) L’UTILIZZO DEL COLORE

Il colore è un alleato davvero incredibile!

Potrai decidere per esempio di dividere soggiorno e cucina utilizzando un colore diverso per i muri.

Come per la pavimentazione, la pedana o la controsoffittatura è una questione ottica, l’occhio, vedendo colori diversi si percepiscono ambienti diversi!

Puoi osare colorando, con lo stesso colore dei muri, anche il soffitto creando una sorta di effetto box per la cucina!

Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno          (credit Ban architecture)

       Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno

    (credit Melissa DiRenzo/apartmenttherapy.com)

 

6) UTILIZZO DI DIVISORI VERTICALI

Librerie a giorno (ovvero aperte, senza fondo) possono essere elementi divisori straordinari.

Delimiteranno infatti gli spazi, ma senza chiuderli del tutto e lasciando passare sguardo e luce.

Se lo spazio non è sufficiente per lo spessore di una libreria, si possono creare dei divisori a giorno diversi, usando per esempio listelli di legno, oppure creando strutture a nido d’api o a reticolo…

L’importante, in questo caso, che siano a tutt’altezza e che creino una separazione visiva, ma non netta, si deve poter intravedere quello che c’è dall’altra parte!

Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno(credit roomandboard.com)

                Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno

(credit casaegiardino.it)

7) UTILIZZO DI VETRATE

Le vetrate sono un’ottima alternativa per dividere soggiorno e cucina.

Creano separazione, ma mantengono inalterato la luminosità!

Sono l’ideale per chi avrebbe voluto due ambienti separati, perché si ha anche la possibilità di chiudere totalmente ed effettivamente la cucina!

Questo permetterà di avere davvero due ambienti separati, senza però perdere tutti i vantaggi che l’open-space offre!

Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno (credit fantastic frank)

                        Open-space: 6 idee per dividere cucina e soggiorno

(credit decorazione.mobelideen.com)

 

Come sempre, con un po’ di accortezza ed equilibrio, si possono anche creare divisioni utilizzando insieme due o più di queste soluzioni elencate!

Spero che queste 6 idee per dividere cucina e soggiorno anche se in open-space ti siano piaciute!

Se hai un open-space raccontami come lo hai arredato nei commenti, mi fa piacere conoscerti meglio!
Se invece lo stai arredando e hai qualche dubbio non esitare a contattarmi!

Ti piacciono i tips? se vuoi qualche idea su come come creare il tuo angolo studio in casa trovi il mio video qui!

 

 

Qualche tempo fa vi ho parlato della dispensa e di quanto questa sia importante in una cucina. Oggi voglio ampliare il discorso alla cucina in generale. Se dovete cambiarla, o se state per comprarne una nuova ecco alcuni spunti da cui partire:

 

  • I tre punti nevralgici della cucina sono, frigo, lavello (e lavastoviglie) e fuochi (con forno). Questi tre elementi racchiudono le tre attività che si fanno in cucina: preparare, lavare e cucinare, quindi vanno tenuti abbastanza vicini tra loro per permettervi di non fare le mille miglia con in mano piatti ustionanti o sgoggiolanti. Per chi può l’ideale sarebbe metterli al vertice di un triangolo equilatero… ma va da sé che non tutti abbiamo lo spazio per questo (io per esempio non ce l’ho! ). In una cucina lineare fuochi-lavello – frigo saranno la conformazione migliore, mentre in una cucina con due lati paralleli lavabo – frigo su una parete e fuochi sulla parete opposta! Nelle altre situazioni, come scritto poc’anzi cercare di creare un triangolo il più possibile equilatero, sarà decisamente più facile e funzionale muoversi e lavorare!

 

 

 

 

 

 

  • Nel post della dispensa sottolineavo la sua importanza per una corretta sistemazione di cibo e stoviglie, è altrettanto importante avere un giusto spazio per il piano di lavoro! Bisogna trovare un giusto compromesso tra le due cose, magari non fate la pasta in casa (ma poi perché no?) ma quando dovete preparare più di una portate avere spazio dove appoggiare i vari ingredienti e recipienti è indispensabile!
  • Se siete fortunati da avere lo spazio per un’isola o una penisola ricordate di dargli la giusta importanza, saranno le protagoniste di questo ambiente! L’idea di inserire nel piano i fuochi o il lavello risulta vincente per favorire la comunicazione con la famiglia o eventuali ospiti!
    b. ricordate di lasciare almeno un metro di spazio tra isola e gli altri mobili in modo da mantenere tutto comodamente fruibile!

 

 

 

 

 

 

 

  • D’obbligo la cappa aspirante e non solo filtrante, per confluire il vapore all’esterno. La cucina è un ambiente umido e una buona aerazione è indispensabile per la conservazione dei cibi.
  • Una volta delineata “fisicamente” come sarà la vostra cucina arriva la parte tra quelle più importanti… ovvero l’illuminazione! Mi raccomando NON SOTTOVALUTATE questo aspetto! La cucina è l’ambiente che va illuminato più di tutti e che necessita anche di luci correttamente direzionate verso l’area di lavoro, l’isola se l’avete e anche sul tavolo dove si mangia!

 

 

 

 

 

 

 

By Virginie